laRegione
il-plr-vorrebbe-ripartire-da-scuola-e-innovazione
Stretegie per uscire dalla crisi Covid-19 (Ti-Press)
25.05.20 - 19:19

Il Plr vorrebbe ripartire da scuola e innovazione

Il partito chiede meno regole, ma 'chiare e rispettate'. Per i negozi, 'orari e giorni di apertura più flessibili'. Meno burocrazia per i ristoratori

Per ripartire il Ticino ha bisogno di un "salto di qualità" sulla formazione e sull’innovazione. A sostenerlo è il Plr in una nota stampa in cui si afferma come nel periodo post-Covid-19 "nei confronti delle giovani generazioni abbiamo il dovere morale di consegnare un Ticino in cui il governo, il parlamento e la politica, con la necessaria modestia, consapevolezza e determinazione si riappropriano della lungimiranza, della progettualità, del senso di responsabilità e della dignità ideale".

In particolare, si legge in un comunicato, "la scuola prepara i cittadini e fornisce gli strumenti per individuare la propria traiettoria nel futuro; l’innovazione è l’anima del progresso. Questi due elementi alimentano la fiamma dello sviluppo economico, che a sua volta garantisce posti di lavoro, occupazione e benessere". Per questo i liberali radicali vogliono "orientare un Paese e un’economia liberale verso la formazione e l’innovazione, che diventano anche pilastri di una politica ambientale fatta di ricerche e conquiste, non di divieti sempre più invadenti".

Il Plr propone quindi di flessibilizzare gli orari di apertura dei negozi, "favorendo maggiore libertà nei giorni di apertura" e chiede di abbattere "la bulimia burocratica che spinge albergatori e ristoratori a rinchiudersi in ufficio". Criticando chi "vuole incrinare pericolosamente la coesione contrapponendo strumentalmente chi lavora assiduamente e chi crea lavoro assumendosi molti rischi", i liberali-radicali domandano invece di "fissare poche regole ma chiare e rispettate".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
23 min
Deceduto il 19enne vittima di un’incidente stradale a Maggia
Si trovava a bordo di una moto con un altro ragazzo quando si è scontrato con un’auto guidata da una 21enne
Luganese
17 ore
Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina
Per una ricostruzione democratica, indipendente, pluralista e sociale! È lo slogan scelto dal Movimento per il socialismo.
Ticino
19 ore
Su imposta di circolazione e riforma Arp si voterà il 30 ottobre
Il Consiglio di Stato ha fissato la data delle urne. Al voto anche l’inclusione dei disabili e il riconoscimento della lingua dei segni italiana
Ticino
20 ore
Panne al San Gottardo, quaranta i treni cancellati
Il guasto che stamane ha paralizzato il traffico ferroviario da e per il Ticino ha costretto alla soppressione di 30 convogli merci e 10 passeggeri
Locarnese
21 ore
Morto a Solduno, autopsia svolta: servono esami tossicologici
Proseguono le indagini sul cadavere rinvenuto il 23 giugno. Stando agli elementi raccolti si tratta di un 24enne svizzero domiciliato nella regione
Ticino
21 ore
‘Maltempo, passato il primo fronte. Ma l’allerta non finisce’
Nel pomeriggio previste nuove precipitazioni, anche abbondanti. E tra giovedì e venerdì in arrivo un’altra grossa perturbazione
Bellinzonese
22 ore
Rinviato al 2 luglio il concerto dei Manupia ad Arbedo
L’esibizione alla Spiaggetta di Arbedo-Castione è stata rinviata causa maltempo
Ticino
23 ore
Pioggia e grandine spazzano le strade: diversi tratti chiusi
Caduta di alberi segnalate in Gambarogno e a Monte Carasso. E a Riazzino allagato il sottopassaggio delle Ffs
Bellinzonese
23 ore
Tunnel del Gottardo chiuso per un veicolo in avaria
Lo segnala il Tcs su Twitter
Mendrisiotto
23 ore
Mendrisio è divenuta la casa di settanta profughi ucraini
Il Municipio restituisce il quadro della situazione. Oltre duecento gli alloggi messi a disposizione; sedici i bambini scolarizzati
© Regiopress, All rights reserved