laRegione
laR
 
16.04.20 - 11:40

I sindacati: 'Controlli per proteggere i posti di lavoro'

Per Unia e Ocst in vista delle riaperture è fondamentale la tutela della salute dei salariati. Ed è forte la preoccupazione per i possibili licenziamenti

i-sindacati-controlli-per-proteggere-i-posti-di-lavoro
Ti-Press

Convivere con il virus. Questo concetto è stato utilizzato più volte sia dalle autorità sanitarie sia da quelle politiche di tutto il mondo. Perché usciti dalla fase acuta dell'emergenza il Covid-19 non sparirà d'incanto, purtroppo. Rimarrà, almeno finché non sarà pronto un vaccino. Questa 'convivenza' forzata come si tradurrà in un mercato del lavoro già sotto stress a causa della chiusura di tutte le attività non essenziali chiesta a Berna dal Cantone per fronteggiare la diffusione del coronavirus e avallate dal Consiglio federale? Quando, lentamente e gradualmente, le attività riprenderanno che scenario si troveranno di fronte i salariati, anche a livello di disoccupazione?

Unia: 'Proteggere la salute, ma anche il reddito dei lavoratori"

"Dall'inizio abbiamo due priorità - risponde il segretario regionale di Unia Giangiorgio Gargantini -. Vale a dire proteggere la salute e proteggere il reddito". Evidentemente, "la garanzia del posto di lavoro è la pietra angolare nella lotta che ci aspetta per la protezione del reddito dei lavoratori". In una situazione, come rilevato all'infopoint di lunedì dalla caposezione del Lavoro Claudia Sassi, preoccupante: si rischia di salire, in linea con le previsioni della Seco, da 6 a 12mila disoccupati portando il tasso dal 3,6 attuale a oltre il 7 per cento. "Siamo assolutamente coscienti che questa situazione avrà conseguenze, ma siamo convinti che, al netto delle misure che mancano per gli indipendenti, quanto messo in campo finora è giusto e permetterà di limitare le conseguenze sul tasso di occupazione", riprende Gargantini.

Che però mette qualche puntino sulle i. "Il Ticino era un cantone già sofferente prima dell'epidemia, e adesso sarà ancora peggio. La nostra richiesta di chiusura delle attività è stata fatta a malincuore, chi è a lavoro ridotto perde quasi un quarto del salario. È chiaro, per noi, che dovrà esserci una sorta di progetto di rinascita che come sindacato chiediamo da tempo e oggi è ancora più impellente", continua. Un progetto che "comporta misure incisive, politiche anticicliche che richiederanno iniezioni di capitali importanti e salvaguardia del potere d'acquisto dei lavoratori". Perché per il segretario di Unia il punto è questo: "Se i cittadini non possono spendere, è tutto il territorio che si ferma".

E poi c'è il discorso dei controlli: "La sicurezza di chi lavora e della popolazione tutta sono fondamentali". Quindi ecco l'invito "a riflettere sulle misure di sicurezza assieme ai salariati, integrandoli a tutti i livelli di discussione compreso lo sviluppo di 'protocolli Covid-19' azienda per azienda". Tenendo bene a mente "che ci vorrà molta attenzione". Nel senso, conclude, "che tutto dovrà avvenire in piena e totale sicurezza, e gradualmente: da un'ipotetico secondo lockdown dovuto a una seconda impennata di contagi l'economia ticinese non si rialzerebbe più".

Ocst: 'I controlli nelle aziende fondamentali, e in prospettiva preoccupati per possibili licenziamenti"

Sui controlli spinge l'acceleratore anche Renato Ricciardi, segretario dell'Ocst. "Proteggere la salute dei lavoratori è la nostra massima priorità", spiega interpellato dalla 'Regione'. "I dati degli ultimi giorni dicono che c'è un calo dei contagi, ma bisogna mantenere un'elevata attenzione al rispetto delle misure di prevenzione dentro e fuori le aziende", aggiunge. Per poi spiegare come "la preoccupazione sta nel fatto che non ci sono molti strumenti a disposizione per fare controlli efficaci una volta che riapriranno le ditte: le autorità hanno questo compito importante, e ci ha fatto piacere la decisione di costituire un gruppo di lavoro assieme all'Ispettorato del lavoro e alla Suva per capire come renderli più mirati e funzionali". Ricciardi, non potrebbe essere altrimenti, è "preoccupato" anche per le prospettive occupazionali: "C'è un elevato rischio di essere confrontati con dei licenziamenti un po' in tutti i settori. Lo Stato sta discutendo di aiuti e piani di sostegno, potranno aiutare a salvare da chiusure di attività e conseguenti perdite di posti di lavoro. Ma si ripresenta in un qualche modo una situazione analoga alla prima fase dell'epidemia: c'erano aziende che non si preoccupavano a sufficienza di rispettare le regole di protezione, non vorremmo che ora la via del licenziamento diventasse una facile via per sistemare la propria attenzione". Insomma l'Ocst, chiosa Ricciardi, "terrà alta l'attenzione" in attesa che "domani (oggi, ndr.) il Consiglio federale possa fare chiarezza anche sugli indipendenti e sul personale domestico: di fatto si tratta di persone licenziate, non potendo più lavorare nelle case dove lavoravano". 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
4 ore
Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia
Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
4 ore
‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’
Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Ticino
7 ore
‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’
La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
7 ore
La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale
La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Locarnese
7 ore
‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’
È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
8 ore
No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media
‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
9 ore
Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti
Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Ticino
11 ore
Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’
La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
11 ore
Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio
Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Bosco Gurin
12 ore
Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’
L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
© Regiopress, All rights reserved