laRegione
viscom-un-secolo-e-mezzo-di-storia-dell-industria-grafica
I relatori della tavola rotonda
Ticino
22.10.19 - 22:120

Viscom, un secolo e mezzo di storia dell'industria grafica

Al Centro stampa di Muzzano, in mezzo a gigantesche bobine di carta giornale, una tavola rotonda sul futuro del settore per celebrare i 150 anni dell'associazione

«Il settore cartaceo non scomparirà». Al Centro stampa di Muzzano è stata questa la frase ripetuta a più riprese dai vari relatori della tavola rotonda sul presente e sul futuro dell’industria grafica ticinese, tenutasi in occasione del centocinquantessimo anniversario di Viscom, l’associazione padronale svizzera del settore. «Un settore messo alla prova dalla trasformazione dettata dalla digitalizzazione», ha osservato il consigliere di Stato Christian Vitta. Una sfida che per il direttore del Dipartimento delle finanze e dell’economia potrà essere affrontata attraverso tre strumenti chiavi: «Qualità, innovazione e formazione».

L’evento dedicato alla celebrazione dei 150 anni dell’industria grafica è stato contraddistinto da un ambiente molto singolare: relatori e ospiti seduti su delle bobine di carta giornale all’interno del Centro stampa, in un’atmosfera che faceva più pensare agli incontri di Foucault e Sartre con gli studenti parigini del 68, che non a un meeting di un’associazione padronale. Insieme al consigliere di Stato, alla tavola rotonda moderata da Stefano Soldati, presidente in carica dell’associazione, hanno partecipato Luca Albertoni, direttore della Camera di commercio, Kaspar Weber, vicedirettore di Ticino turismo e Davide Guidotti, responsabile dell’agenzia creativa ‘Variante’.

Durante l’incontro il direttore di Viscom Ticino, Stefano Gazzaniga, ha presentato il modernissimo libro ‘Sono le persone a fare la storia’, un volume di ritratti delle personalità di spicco del settore grafico, integrato con diversi contenuti multimediali supportati da un codice ‘nfc’. La serata si è conclusa con la consegna del premio ‘Gutenberg’ alla miglior apprendista del settore: la vincitrice è stata la giovane Alessia Lerose.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
47 min
Plr, il dopo Caprara. Farinelli: 'Ascoltiamo anche la società'
Il consigliere nazionale, presidente della 'Cerca', spiega le tappe. E rileva: 'Importante sarà il contributo di chi è di area ma non è del partito'
Luganese
1 ora
Incendi di Caslano: chiesta la perizia psichiatrica
La procuratrice pubblica chiede che venga stabilito lo stato psichico del 72enne che aveva appiccato il fuoco
Locarnese
2 ore
Mappo-Morettina, 'se il traffico aumenta, possibile un dosaggio'
Un'analisi della Confederazione rivela come la distanza tra le vie di fuga sia ben il doppio di quella prescritta
Bosco Gurin
3 ore
Il rustico di Germano Mattei per la seconda volta all'asta
Il proprietario si dice sorpreso per questa nuova procedura: 'Stavamo mettendo a posto le cose'. Emerge ancora la motivazione politica
Luganese
3 ore
'Abuso a Castagnola', Bianchetti ricorrerà
L'avvocato e consigliere comunale di Lugano preannuncia battaglia su una trasformazione che violerebbe le norme che tutelano i nuclei storici.
Bellinzonese
3 ore
Primo Agosto a Bellinzona senza spettacolo pirotecnico
Confermato l'intervento del consigliere federale Berset. L'accesso sarà contingentato: faranno stato le iscrizioni in ordine di arrivo
Ticino
4 ore
Acquisti local, Lucibello: 'I ticinesi oggi sono più sensibili'
Il presidente della Disti a quasi due mesi dalla campagna '#ripartiamo': 'Da noi un grande ringraziamento, ne va dei negozi e dei posti di lavoro'
Bellinzonese
6 ore
Villa dei Cedri a Bellinzona, due le opere vandalizzate
Oltre al gigante cui è stata amputata la gamba sinistra, con un oggetto appuntito sono state sfregiate le superfici di un'installazione marmorea
Bellinzonese
7 ore
Nante di traverso: 'Ok l'alta tensione, ma non i tralicci'
L'associazione chiarisce il senso dell'opposizione contro la nuova linea elettrica aerea progettata da Swissgrid in alta Leventina
Grigioni
9 ore
Grigioni, alpinista muore dopo una caduta di 400 metri
È successo ieri mattina attorno alle 10 sul Pizzo Bernina sul confine con l'Italia. L'uomo apparteneva a un gruppo formato da tre coppie
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile