laRegione
Keystone
Ticino
09.11.18 - 20:300
Aggiornamento : 22:06

'La Svizzera non è un Paese di corrotti: Blocher chieda scusa'

Presa di posizione dell'Associazione Uniti dal Diritto dopo l'appello pubblicato dall'ex consigliere federale sui quotidiani ticinesi

“Blocher chiesa scusa, la Svizzera non è un Paese di corrotti e despoti”. A chiedere un passo indietro all'ex consigliere federale è l'Associazione Uniti dal Diritto, l'ente fondato per combattere l'iniziativa “giudici stranieri” in votazione federale il 25 novembre, a seguito dell'appello apparso sui quotidiani. Appello nel quale Blocher accusa di corruzione i politici svizzeri a tutti i livelli.

 

Ecco il comunicato stampa integrale:

Nel suo appello apparso sui quotidiani in questi giorni, l’ex membro del Consiglio federale Christoph Blocher, accusa di corruzione i politici svizzeri a tutti i livelli. La Svizzera secondo lui sarebbe despotica e corrotta, così come evidentemente i suoi cittadini che si mettono a disposizione per fare politica nei Comuni, nei Cantoni e a Berna.

Chi sono i politici corrotti? Quelli eletti dal popolo, nei Comuni, nei Cantoni e alle Camere federali? La deriva despotica minacciata da Blocher è invece sempre nata proprio dalle accuse generalizzate contro i politici eletti dal popolo. Tutte le peggiori dittature sono nate accusando di corruzione i politici, ossia donne e uomini eletti proprio applicando la democrazia diretta. Il Blocher-pensiero è cominciato con le accuse contro il Tribunale federale, già insultato come autore di un golpe. Addirittura?! Nessuna cittadina o cittadino svizzero che ha a cuore il proprio Paese dovrebbe lasciar correre tali accuse. Non siamo un Paese di corrotti e di despoti. La Svizzera è un Paese libero. Signor Blocher chieda scusa, per avere insultato i politici svizzeri come dei corrotti. Chieda scusa ai suoi colleghi in Parlamento. Chieda scusa ai suoi colleghi di partito. Chieda scusa ai suoi ex-colleghi in Consiglio federale. Chieda scusa ai suoi concittadini che votano, per fortuna, ancora liberamente. Le consigliamo di leggere la Convenzione di Vienna ratificata anche dal nostro Parlamento che prevede esplicitamente per tutti i Paesi il divieto di opporre il diritto nazionale a qualsiasi regola di un trattato internazionale. Lo stesso trattato che garantisce alla Svizzera, ai suoi cittadini e ai suoi rappresentanti, fondamentali diritti quando sono all’estero.

No, non siamo corrotti e anche solo per difendere tutti i cittadini Svizzeri dalla sua accusa di corruzione e dittatura, ci impegneremo a votare NO il 25 novembre alla sua iniziativa.

TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
A novant’anni dal volo antifascista su Milano
Bassanesi e Dolci raggiunta Milano da Lodrino incitarono gli italiani in piena dittatura a 'Insorgere! Risorgere!'
Bellinzonese
3 ore
Il Moesano pronto a investire nel Centro giovanile
Al vaglio dei legislativi il mandato di prestazione che permetterebbe di assumere una animatore retribuito e rendere 'itinerante' il luogo d'incontro di Roveredo
Locarnese
3 ore
Brissago, una mozione chiede di ampliare il Porto
Mentre proseguono i lavori del Centro servizi nautici, si attende di conoscere il destino di due grossi progetti privati. Il Municipio invita alla 'calma'
Ticino
3 ore
'In montagna gente che non la conosce, serve più attenzione'
Enea Solari (Federazione alpinistica ticinese): le misure di protezione contro il coronavirus devono essere rispettate, speriamo in più sensibilizzazione
Lugano
6 foto
Blocco serale alla Foce, ma non c'è nessuno
La spiaggia era già stata 'sgomberata'... dalla pioggia, ingente dispositivo di agenti della cantonale e di un'agenzia di sicurezza
Mendrisiotto
13 ore
Padre violento condannato. Ma 'chi sapeva non ha parlato’
Il giudice Amos Pagnamenta auspica che la posizione dei docenti informati sui maltrattamenti venga approfondita
Ticino
14 ore
Col lockdown più tele e meno radio. Radio3iii supera Rete Tre
L'assenza degli spostamenti in auto ha fatto calare il pubblico radiofonico. Vanetti, RadioTicino: 'Nel post pandemia impennata di pubblico'
Ticino
14 ore
Tutti i radar di settimana prossima
Spoiler: nelle valli dell'Alto Ticino, l'unico controllo sarà ad Airolo.
Luganese
15 ore
'Una grande opportunità per la Val Mara'
I sindaci di Maroggia e Rovio sulla campagna per l'aggregazione nel Basso Ceresio: occhio al sito web
Mendrisiotto
15 ore
‘Ha ignobilmente infierito su moglie e figli’, 8 anni di carcere
Condannato il siriano a processo per tentato omicidio. Tre i casi riconosciuti dalla Corte delle Assise criminali
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile