laRegione
Ajoie
4
Olten
6
fine
(2-4 : 1-1 : 1-1)
Visp
3
La Chaux de Fonds
1
3. tempo
(0-1 : 1-0 : 2-0)
Turgovia
1
Langenthal
2
2. tempo
(0-1 : 1-1)
Ajoie
LNB
4 - 6
fine
2-4
1-1
1-1
Olten
2-4
1-1
1-1
 
 
1'
0-1 MADER
1-1 POUILLY
5'
 
 
 
 
9'
1-2 HORANSKY
 
 
10'
1-3 GERBER
 
 
15'
1-4 MADER
2-4 DEVOS
17'
 
 
 
 
38'
2-5 BAGNOUD
3-5 HAZEN
39'
 
 
4-5 BIRBAUM
56'
 
 
 
 
60'
4-6 CHIRIAEV
MADER 0-1 1'
5' 1-1 POUILLY
HORANSKY 1-2 9'
GERBER 1-3 10'
MADER 1-4 15'
17' 2-4 DEVOS
BAGNOUD 2-5 38'
39' 3-5 HAZEN
56' 4-5 BIRBAUM
CHIRIAEV 4-6 60'
Ultimo aggiornamento: 18.11.2018 19:55
Visp
LNB
3 - 1
3. tempo
0-1
1-0
2-0
La Chaux de Fonds
0-1
1-0
2-0
 
 
13'
0-1 HASANI
1-1 RITZ
37'
 
 
2-1 VAN GUILDER
48'
 
 
3-1 STURNY
59'
 
 
HASANI 0-1 13'
37' 1-1 RITZ
48' 2-1 VAN GUILDER
59' 3-1 STURNY
Ultimo aggiornamento: 18.11.2018 19:55
Turgovia
LNB
1 - 2
2. tempo
0-1
1-1
Langenthal
0-1
1-1
 
 
14'
0-1 KUMMER
 
 
25'
0-2 KELLY
1-2 MEROLA
29'
 
 
KUMMER 0-1 14'
KELLY 0-2 25'
29' 1-2 MEROLA
Ultimo aggiornamento: 18.11.2018 19:55
Ti-Press
Ticino
08.09.18 - 06:000

Fiorenzo Dadò: "Per il Ppd una lista forte, con o senza me"

E sulla resistenze alla sua candidatura per il governo: "Capisco che il mio modo schietto di far politica possa aver creato malumori"

Fiorenzo Dadò, presidente del Ppd, è «cosciente» del fatto che il suo nome non faccia l’unanimità in seno alla commissione ‘cerca’ popolare democratica. «È normale che qualcuno voglia evitare la mia candidatura, per favorire magari altre persone – nota Dadò a colloquio con ‘laRegione’ – ma non è la presenza o meno del mio nome sulla lista la questione principale del Ppd».

E qual è, quindi, la vostra priorità?

Il Ppd deve presentare una lista molto forte, il più forte possibile. Una lista combattiva, con dei profili forti, perché, come si è già visto, sarà una campagna elettorale senza esclusione di colpi. Se non si farà così, il rischio per il partito di prendere una batosta è serio. È quello che auspicano gli avversari.

La sua candidatura sembra incontrare parecchie resistenze.

È normale che quando si preparano le liste ci siano candidature che vengono preferite ad altre e ci sia chi vorrebbe favorire qualche candidato. Non è un mistero che il mio modo di fare politica schietto su alcuni temi può aver causato qualche malumore. Quando ti schieri contro degli interessi economici come, ad esempio, la speculazione sui bordelli e lo sfruttamento della prostituzione, ti fai dei nemici.

Certo che se l’obiettivo è una lista forte, inserire il presidente sarebbe più che una dichiarazione d’intenti.

Non ho ancora sciolto in via definitiva la mia riserva, lo farò nelle prossime settimane, senza farmi influenzare. Al contrario di altri partiti, l’Ufficio presidenziale ha dato un mandato esterno ad una commissione ‘cerca’, presieduta dal vice-presidente Marco Passalia. Il suo compito è quello di sentire un buon numero di persone, valutarne la disponibilità e presentarci un rapporto. Poi saranno la Direttiva e il Comitato cantonale a decidere.

Converrà che gli strascichi del caso Argo 1 possono far pensare a più di qualcuno nel suo partito se candidarla per il governo sia opportuno o no.

Il mio coinvolgimento concreto in questo caso è inesistente e non credo ci sia ancora bisogno di spiegarlo. Si è montata ad arte una macchina del fango per cercare di screditarmi. Li hanno capiti anche i fanciulli gli interessi che ci sono a creare dubbi, e come questa occasione sia diventata ghiotta per qualche vendetta, anche nei miei confronti. Il problema Argo è chiaro ed è legato ad un mandato dato dal Cantone; riguarda unicamente i due dipartimenti coinvolti e in particolare i due alti funzionari responsabili del dossier.

E a proposito del Dss, la ricandidatura di Paolo Beltraminelli è ancora in discussione o si dà per acquisita?

Beltraminelli è il nostro consigliere di Stato ed è stato sentito dalla commissione ‘cerca’. Sarà lui a decidere se sollecitare o no un nuovo mandato. Poi sarà la Direttiva e infine il comitato cantonale a discuterne e ad approvare la lista.

Lista che, si vocifera, potrebbe essere aperta a candidati esterni al partito.

Per il Consiglio di Stato ci saranno candidati di area Ppd e per il Gran Consiglio se ne discuterà in Direttiva.

E le primarie? Sono ancora un’ipotesi in campo?

Dal sondaggio effettuato presso la nostra base, la stragrande maggioranza è favorevole e solo il 19 per cento è contrario. Io personalmente le ritengo un modo innovativo di fare politica che darebbe slancio e una nuova immagine al Ppd. Ad ogni modo non ci saranno imposizioni da parte di nessuno ma se ne discuterà in Direttiva.

 

E un messaggio al Plr: ‘Meno polemiche pretestuose’
 
La campagna elettorale tarda a ‘esplodere’. Ma un proverbio dice che l’acqua cheta rompe i ponti.

La lotta tra i partiti sarà fortissima, forse la più dura degli ultimi decenni. La Lega vuole confermare la maggioranza relativa, il Plr vuole il raddoppio, il Ps è in difficoltà. Sarà una campagna pesante, sotto ogni aspetto, e tutti metteranno in campo il massimo delle loro forze. Per questo, ripeto, noi come Ppd non possiamo perderci in sterili polemiche ma dobbiamo assolutamente proporre una lista il più forte e agguerrita possibile

Anche quella di quattro anni fa era forte. Anzi, fortissima. Eppure...

Non ci sono paragoni. L’obiettivo principale era riconfermare il consigliere di Stato e ci siamo messi a disposizione per quell’obiettivo.

Ora?

Ora la lista oltreché forte dovrà essere combattiva. Occorrerà battersi sul serio con le unghie e con i denti, perché in gioco c’è la riconferma a pieni voti del seggio Ppd. Per far questo è necessario che anche le sezioni, soprattutto di città, si diano seriamente da fare. Chi pensa che basti una lista per ottenere questo risultato si sbaglia di grosso. Ci vogliono l’impegno e la collaborazione di tutti.

Avete già calendarizzato le tappe di avvicinamento? Aprile è lontano, ma anche vicino...

Tra non molto è previsto un primo incontro tra Ufficio presidenziale e Direttiva e poi, dopo metà ottobre, è prevista la decisione finale. Verosimilmente, ai primi di novembre, il Comitato cantonale, sarà chiamato a decidere in via definitiva i nomi in lista. Da quel momento, si auspica, tutti remeranno nella stessa direzione.

Anche perché il Plr qualche stoccata ha già iniziato a tirarla...

A Caprara dico solo che il nostro compito è quello di occuparci del Paese e dei veri problemi della gente. Capisco che si trova in una disagevole situazione con lo scandalo della mancata vendita del palazzo eVita che li vede coinvolti, ma meno polemiche pretestuose sono nell’interesse di tutti.

Tags
lista
ppd
direttiva
stato
dadò
lista forte
obiettivo
comitato
partito
candidatura
TOP NEWS Cantone
© Regiopress, All rights reserved