laRegione
30.11.22 - 21:40
Aggiornamento: 22:56

Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita

Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti

un-territorio-raccontato-attraverso-tredici-storie-di-vita
Ti-Press/Pablo Gianinazzi
Aldo Balmelli (a sin.) e Massimo Daviddi

A volte non servono molte parole. Ne bastano tre - Luoghi. Volti. Storie - per dire già molto di un libro, e fin dalla copertina. Se poi si aggiunge un formato insolito e intrigante, quanto la veste grafica, il gioco è fatto e il lettore conquistato. Anche la firma è promettente: il volume è il frutto, infatti, di oltre due anni del lavoro di un poeta e giornalista, ma soprattutto un collega e amico, Massimo Daviddi. Compagni di viaggio il fotografo Aldo Balmelli e la grafica Sabrina Tambani, Daviddi ci restituisce delle ‘Cronache da un territorio’, inaspettate; e nella geografia della sua narrazione attraverso il Mendrisiotto ci conduce per mano alla conoscenza di tredici storie di altrettante persone che, ciascuna a modo suo, ama senza condizioni questa regione.

Daviddi, del resto, non le ha incontrate a caso: le ha scelte. «Si può dire – ci illustra –, che siano un po’ degli anarchici». Forse per questo l’autore - che dedica la sua fatica a un amico scomparso e mai dimenticato, Mario Ferrari - ci si è ritrovato. E forse si spiega così il senso di appartenenza dei protagonisti a una terra come quella del Mendrisiotto, generosa, complessa, ribelle. Chi si inoltra nel libro capisce subito, d’altro canto, di non essere di fronte a delle semplici interviste. Lo stesso Daviddi preferisce chiamarle «conversazioni». Colloqui da pari a pari durante i quali le tredici persone incrociate nel corso di questo itinerario particolare hanno regalato «tante cose della loro vita», svelando aspetti anche meno noti e parlandone con «grande passione».

Da Margherita Marti (nel frattempo, scomparsa, lasciando un segno in chi ha vergato il libro) a Irene Weiss, da Grazia Cavallini a Irene Petraglio, da Mauro Ortelli a Luigi Del Villano, da Marco Maffongelli a Bruna Ferrazzini, daTiziana Conte ad Anne France Auget, da Gabrielle Dominique Rondez a Mario Arnaboldi, a Flavio Medici, tutti si sono (af)fidati al loro ‘intervistatore’. E il risultato è avvincente, oltre che sincero, carico di umanità e una leggerezza mai banale. Giovanni Soldati, scrittore, nel presentare, di recente, il volume alla Libreria dei ragazzi a Mendrisio, ha condiviso la sua chiave di lettura. Daviddi, annota, ha affrontato questo lavoro con «lo sguardo che solo ai veri poeti viene riconosciuto», ricomponendo un mosaico di questo territorio grazie alle storie delle persone incontrate, ognuna in un luogo, un giorno e un’ora ben precisi, come indicato a mo’ di diario.

Ciò che ci si ritrova, così, fra le mani, commenta Soldati, è «uno spaccato verace, tutto momò. Anche se qualcuno è venuto da fuori». Daviddi, d’altro canto, si fa notare, ha trovato le domande giuste. Lui, «unico narrante, che si mette ai argini per non rubare la scena ai protagonisti», conosciuti e riconosciuti. A spingere l’autore verso i suoi interlocutori, non a caso, vi è, come lui stesso ci racconta, «l’interesse per il loro lavoro e la curiosità di come guardano le cose intorno».

Un approccio che ha coinvolto pure Aldo Balmelli e Sabrina Tambani, come dimostrano le fotografie da un lato e l’intervento grafico (ricco di ‘espedienti’ interessanti, dalla cartina iniziale all’uso dei colori, alle frasi di pugno dei protagonisti), dall’altro. Balmelli, ad esempio, è la prima volta che si cimenta con dei ritratti. «Di solito – conferma – fotografo le trace lasciate e non le persone stesse. È stata una sfida, facile però da superare attraverso un contatto spontaneo. Sono grato, quindi, per essere stato coinvolto in questa avventura: è stata un percorso godibile».

Come piacevole è leggere ‘Luoghi. Volti. Storie’, Cronache da un territorio, nato da un progetto sostenuto da banca Raiffeisen Mendrisio e Valle di Muggio e dalla Fondazione Winterhalter ed edito da Pedrazzini Tipografia Sa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’
Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
6 ore
‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’
Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
8 ore
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
13 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
18 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
1 gior
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
1 gior
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
© Regiopress, All rights reserved