laRegione
16.09.22 - 08:30
Aggiornamento: 15:11

Operatori di prossimità: ‘L’obiettivo è mantenere il Servizio’

Dopo l’annuncio della Fondazione Il Gabbiano, i Comuni del Distretto sono pronti a ripartire su nuove basi. Coinvolgendo anche Mendrisio

operatori-di-prossimita-l-obiettivo-e-mantenere-il-servizio
Ti-Press
‘Avere un’antenna è importante’

Rammarico e un pizzico di amarezza. Sono questi i sentimenti che, martedì sera, hanno attraversato i capidicastero e i municipali seduti al tavolo per ragionare di Servizio operatori di prossimità (Sopr) del Mendrisiotto. La decisione, vestita di ufficialità, dei vertici della Fondazione Il Gabbiano di lasciare il campo ha spiazzato i Comuni del Distretto. Quelle stesse autorità locali alle quali l’ente, chiamato nel 2019 a gestire il progetto, ha riconsegnato le chiavi; e che adesso dovranno riaprire il dossier non solo, come previsto, per ridiscutere i termini degli accordi in corso. Una cosa è certa, fa sapere da subito a ‘laRegione’ Roberta Pantani Tettamanti, responsabile del dicastero Socialità di Chiasso (cittadina che a suo tempo ha tenuto a battesimo la fase pilota dell’iniziativa), a questa esperienza nessuno vuole rinunciare.

Si chiude un capitolo

«Quando ci hanno comunicato la loro scelta alla riunione – ribadisce la capadicastero di Chiasso – da parte di tutti c’è stato un grande dispiacere e un po’ di delusione. Anche per il fatto che questo progetto, di fatto, si sarebbe interrotto alla fine dell’anno con le convenzioni in scadenza (al 31 dicembre 2022, ndr). Infatti, ci saremmo dovuti ritrovare per discutere una modalità di rinnovo della collaborazione, magari con contenuti nuovi. Invece, abbiamo preso atto che il progetto così come è strutturato attualmente non potrà più andare avanti».

All’orizzonte ‘proposte alternative’

A prima vista si tratta di una battuta d’arresto. «Credo che da parte di tutti sia stato ribadito che il Servizio sia comunque necessario e che vale la pena mantenerlo – mette un punto fermo –. Giunti sin qui tutti noi apriremo ora la discussione all’interno dei nostri Municipi: riporteremo la comunicazione della Fondazione, poi saranno gli esecutivi a riflettere sul da farsi. È altrettanto vero che ci siamo dati un nuovo appuntamento: come Comuni ci ritroveremo entro brevissimo tempo per discutere di proposte alternative per l’organizzazione e il mantenimento del Servizio».

‘È invitato anche Mendrisio’

Tra i portavoce presenti martedì all’incontro l’impegno è preso, e con convinzione. Tanto che ci si è dati pure un orizzonte temporale: fra un mese se ne riparla di nuovo, e con le idee più chiare. «Per allora ciascuno si sarà confrontato con il rispettivo gremio. Naturalmente – anticipa Roberta Pantani Tettamanti – a questa nuova riunione dovrà essere presente anche Mendrisio». Una dichiarazione d’intenti, quest’ultima, che vale un invito all’indirizzo della Città, la quale il giugno scorso, proprio in vista dello scadere dell’intesa formale che reggeva il Servizio regionale, ha imboccato la strada dell’autonomia; e in tal senso ha già pubblicato il bando di concorso per l’assunzione di un operatore di prossimità, scaduto giusto nei giorni scorsi.

‘Faremo tesoro dell’esperienza’

Il Distretto, insomma, sembra intenzionato a ricucire la rete che sino a ora ha sostenuto il progetto. Sta di fatto, che si deve ripartire daccapo? «Purtroppo sì. E questa è stata un po’ la delusione di tutti – riconosce la capadicastero –. Dopo quattro anni (dalla collaborazione stretta con la Fondazione Il Gabbiano, ndr) ci toccherà ricominciare dall’inizio. In origine come Comune di Chiasso avevamo portato avanti questo progetto e ci era sembrato giusto, poi, affidarlo alla Fondazione per il suo proseguimento. Faremo tesoro dell’esperienza di questi anni e cercheremo di proporre una soluzione alternativa». Sulla strada da imboccare per il futuro, fa capire Pantani Tettamanti, è ancora prematuro esprimersi. Ripeto – chiarisce – credo sia importante che il Servizio venga mantenuto, magari migliorato. Ma cerchiamo di andare avanti con questo progetto».

Il tema della regionalità

Tutto è nato puntando sulla regionalità dell’approccio: resterà una caratteristica del Servizio operatori di prossimità, visto la conformazione del nostro territorio? «Lo scopo di farne un progetto regionale è dettato dalla mobilità dei giovani all’interno della regione, che non ha confini comunali – annota Pantani Tettamanti –. Era ed è importante, quindi, avere davvero un’antenna sul territorio che possa coprirlo tutto e possa essere d’aiuto a tutti i giovani del Distretto. Ed è da lì che dobbiamo ripartire: mantenendo (ma anche migliorando) e offrendo un Servizio territoriale. Resta da valutare in che modo, a fronte della decisione di Mendrisio. Vedremo come potremo collaborare. Penso che pure loro, come noi, siano consapevoli dell’importanza della territorialità e della possibilità degli operatori di muoversi senza vincoli istituzionali sul terreno». Il lavoro di squadra, del resto, paga sempre, come dimostrato dal gruppo nato dall’intesa dello stesso Servizio con le Polizie locali.

Leggi anche:

Operatori di prossimità, Il Gabbiano lascia il campo

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
7 min
Nei bandi svelate cifre e atout della nuova Officina Ffs
Castione: sulle opposizioni le Ffs mirano a trovare una soluzione condivisa entro fine 2022. Confermati centrale a cippato, tetti verdi e fotovoltaico
Locarnese
15 min
Truffe agli anziani nel Locarnese, si cercano testimoni
Scattano le manette per una 36enne. Impietosiva le sue vittime per ricevere denaro e altri beni preziosi
Ticino
56 min
Imposta di circolazione, dietrofront del Consiglio di Stato
Nella seduta odierna il Governo ha deciso di ritirare i Decreti legislativi urgenti sull’applicazione dell’imposta di circolazione per l’anno 2023
Ticino
2 ore
In Ticino 1’403 nuovi contagi e 6 decessi
I posti letto occupati da pazienti covid sono 109. Quattro le persone che attualmente si trovano in cure intense
Video
Ticino
2 ore
Un lupo ripreso in un video mentre attraversa la strada a Bodio
Dopo l’avvistamento in Bassa Leventina scatta l’interrogazione al Consiglio di Stato di Sara Imelli (Centro). ‘I gridi d’allarme sono caduti nel vuoto’.
Luganese
2 ore
Lugano, domani l’accensione dell’albero di Natale
La Città ricorda il tradizionale appuntamento che si terrà a partire dalle 17.15 in Piazza della Riforma
Locarnese
2 ore
‘Caso La Palma’, condanna confermata e pena più severa
Per la Corte di appello e revisione penale fu omicidio intenzionale e non solo colposo. L’imputato dovrà scontare 18 anni e mezzo di carcere
Luganese
7 ore
Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità
La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
9 ore
Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità
Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
9 ore
Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione
I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
© Regiopress, All rights reserved