laRegione
laR
 
01.09.22 - 05:10
Aggiornamento: 15:56

Il maxi lifting del Serfontana? ‘Non rispetta l’originale’

Gli eredi del ‘papà’ dello shopping center si oppongono al progetto di ristrutturazione. Evocata la Legge sui diritti d’autore

il-maxi-lifting-del-serfontana-non-rispetta-l-originale
Ti-Press
Il progetto reso pubblico non piace a tutti

Non chiamatela ristrutturazione. Chi, pur a distanza di oltre mezzo secolo, ha ancora negli occhi l’idea architettonica che ha ispirato il Serfontana, quel maxi lifting messo in cantiere dalla comproprietà proprio non lo digerisce. L’operazione, imponente nell’investimento – si parla di circa 55 milioni di franchi per tre anni di lavori – e radicale nell’intervento – dai sotterranei al tetto –, sta incontrando infatti delle chiare resistenze. Se l’intento di togliere la patina del tempo che passa è comprensibile, meno accettabile per gli eredi del ‘papà’ dello storico shopping center di Morbio Inferiore, l’architetto Franco Bircher (1925-2005), è un ammodernamento che possa tradire lo spirito originario. Il loro verdetto è senza appello: il progetto depositato in Comune (e in pubblicazione sino alla giornata odierna) "annulla" linee, qualità e concetto spaziale e geometrico del complesso così come fu concepito.

Ragioni più che sufficienti per recapitare al Municipio una opposizione formale alla licenza edilizia. Dare via libera ai lavori, si legge nel documento, è come ridurre il complesso – un unicum all’epoca in Ticino – a "una qualsiasi scatola commerciale priva di qualità e spazi particolari per poterla ancora definire effettivamente shopping center". E di questi esempi, si sottolinea, "il cantone ne è ormai pieno".

Lesa la proprietà intellettuale

Chi contesta oggi l’opera di ammodernamento del centro, pensato e progettato da Bircher tra il 1969 e il 1974 non ne fa solo una questione tecnica. Qui, fanno capire a chiare lettere i firmatari dell’opposizione, si lede la proprietà intellettuale. Un po’ a sorpresa ci si appella alla Legge sui diritti d’autore. Tanto più che, si annota, sembra che per scegliere il progetto vincente si sia lanciato un concorso privato, "senza interpellare gli interessati". Il risultato? Un risanamento interno ed esterno "invasivo e di dubbia qualità funzionale".

‘Una costruzione innovativa’

All’epoca, ricordano gli autori del documento, si è data forma a "una costruzione innovativa, di particolare qualità, un disegno preciso, un carattere spaziale d’uso rilevante e distintivo, di geometria intrigante, di ragguardevoli misure che permetteva un’esperienza degli acquisti, socialmente aggregativa e di confronto collettivo unici". Caratteristiche, si annota, "ancora salde, attuali e contemporanee". Si tratta, si rilancia, di un "esempio di architettura industriale qualitativa che va tutelata". Ecco perché la proposta messa sul tavolo del Comune viene ritenuta di "carattere fuorviante". L’opposizione, del resto, non va per il sottile. "Anziché riqualificare il disegno volumetrico e di facciata originari, valorizzandoli e rendendoli attuali e contemporanei, si procede a un loro annullamento, tentando di nascondere goffamente un’opera industriale di pregio con strutture e alberature che non hanno uno scopo se non irrito, fuorviante e offensivo", si ribadisce.

Occhio all’iter edilizio

I firmatari dell’opposizione mettono in dubbio, d’altro canto, anche le modifiche, "importanti", apportate nel corso degli anni. Il riferimento qui è "all’oscuramento della piscina" e alla "trasformazione degli spazi interni su più livelli, volti concettualmente a sostenere la connessione sociale combinata all’esperienza d’acquisto". Ebbene, sembra, si ipotizza, che le opere eseguite "non siano dotate di un titolo autorizzativo valido (licenze edilizie)". Dopo verifica, si fa presente, risultano di principio solo "parziali autorizzazioni di opere minori". La richiesta ancorata all’opposizione sollecita quindi la visione dell’intera documentazione. L’obiettivo? Duplice: da un lato verificare se quanto realizzato sia conforme al diritto edilizio, dall’altro tutelare la proprietà intellettuale. Nel mirino dei censori finiscono anche elementi puntuali al centro dell’operazione, a cominciare dalla futura facciata punteggiata da alberature viste come uno "pseudo filtro verde". La critica raggiunge, però, anche la disposizione degli spazi interni: con l’intervento si traduce una "anonima razionalizzazione dei percorsi interni", che riduce "all’essenziale gli spazi liberi al di fuori dei negozi, aumentando invece la superficie degli spazi di vendita". Insomma, si scandisce, niente a che vedere con l’idea iniziale. E se si prospetta come un problema l’inserimento armonioso nel paesaggio, la revisione del disegno originale della torre elimina di fatto i riferimenti alle sorgenti del luogo, "trasformandola in una sorta di canna fumaria". Morale: "L’esercizio estetico è sconcertante" e si somma ad altri interventi "lesivi, come la cancellazione degli spazi, la luce e la fontana sorgiva". Ergo, tutto da rifare.

Leggi anche:

Il Serfontana si toglie le rughe: si progetta un maxilifting

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
39 min
Nei bandi svelate cifre e atout della nuova Officina Ffs
Castione: sulle opposizioni le Ffs mirano a trovare una soluzione condivisa entro fine 2022. Confermati centrale a cippato, tetti verdi e fotovoltaico
Locarnese
46 min
Truffe agli anziani nel Locarnese, si cercano testimoni
Scattano le manette per una 36enne e un 40enne. Impietosivano le loro vittime per ricevere denaro e altri beni preziosi
Ticino
1 ora
Imposta di circolazione, dietrofront del Consiglio di Stato
Nella seduta odierna il Governo ha deciso di ritirare i Decreti legislativi urgenti sull’applicazione dell’imposta di circolazione per l’anno 2023
Ticino
2 ore
In Ticino 1’403 nuovi contagi e 6 decessi
I posti letto occupati da pazienti Covid sono 109. Quattro le persone che attualmente si trovano in cure intense
Video
Ticino
3 ore
Un lupo ripreso in un video mentre attraversa la strada a Bodio
Dopo l’avvistamento in Bassa Leventina scatta l’interrogazione al Consiglio di Stato di Sara Imelli (Centro). ‘I gridi d’allarme sono caduti nel vuoto’.
Luganese
3 ore
Lugano, domani l’accensione dell’albero di Natale
La Città ricorda il tradizionale appuntamento che si terrà a partire dalle 17.15 in Piazza della Riforma
Locarnese
3 ore
‘Caso La Palma’, condanna confermata e pena più severa
Per la Corte di appello e revisione penale fu omicidio intenzionale e non solo colposo. L’imputato dovrà scontare 18 anni e mezzo di carcere
Luganese
7 ore
Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità
La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
9 ore
Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità
Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
9 ore
Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione
I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
© Regiopress, All rights reserved