laRegione
08.08.22 - 17:28
Aggiornamento: 18:06

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite

chiasso-la-piscina-quadrata-non-riaprira
archivio Ti-Press
Chiusa la quadrata, le altre vasche restano accessibili fino al 18 settembre

È arrivata la conferma ufficiale: la stagione estiva alla piscina comunale di Chiasso terminerà senza la vasca quadrata. La decisione è stata presa a titolo precauzionale da Municipio e Age dopo l’analisi degli ultimi risultati relativi alle analisi sulla perdita di cloro emersa alla metà di luglio. La sostanza è finita nel vecchio pozzo di Vacallo, subito chiuso, senza comunque creare problemi di potabilità per la popolazione. Fino al 18 settembre, quindi, data scelta dal Municipio di Chiasso per la fine della stagione estiva, gli utenti dovranno fare a meno della vasca quadrata. La scorsa settimana le condotte interrate di andata e ritorno sono state analizzate da una ditta specializzata. Inizialmente le attenzioni si erano concentrate sulla piscina riservata ai più piccoli, che non ha però rilevato problemi di sorta ed è quindi stata riaperta.

Quadrata chiusa, valori giù

Alla fine di luglio è quindi stata svuotata la piscina quadrata. Stando a quanto abbiamo potuto appurare, i valori delle analisi dell’acqua parlano chiaro, con un netto miglioramento della situazione registrato dopo la chiusura della vasca. Come spiegato dal Municipio di Chiasso, "si sospetta pertanto che l’origine della contaminazione sia da ricercare principalmente presso questa vasca". Dopo la metà di settembre l’area sarà oggetto d’indagini approfondite che permetteranno – questo almeno è l’auspicio – di identificare le cause della fuoriuscita di cloro e le conseguenti contromisure da prendere. Allo stato attuale non è infatti chiaro se l’origine sia da ricercare nella rottura di qualche condotta o ‘semplicemente’ nello stato di vetustà della struttura.

‘È una decisione corretta’

A osservare con attenzione la situazione c’è stato anche il Municipio di Vacallo. «Per i nostri cittadini non ci sono mai stati pericoli – sottolinea Fabio Martello, capodicastero Azienda acqua potabile –. La situazione è sempre stata monitorata e per non incappare nuovamente in problemi analoghi, quella di chiudere la piscina quadrata sino a fine stagione è una decisione corretta». Ulteriori valutazioni saranno effettuate dopo i controlli approfonditi annunciati per la fine di settembre. Vacallo, lo ricordiamo, capta l’acqua da due pozzi. A essere interessato, come detto in apertura, è quello più vecchio, che è stato chiuso («e lo rimarrà perché per legge l’acqua non può ancora considerarsi potabile», assicura Martello) quando il problema è emerso. Le analisi effettuate dimostrano che nei due pozzi di captazione il valore della sostanza inquinante è diminuito in modo «drastico» dopo la vuotatura, e la conseguente chiusura, della vasca. «Il pozzo nuovo continua a essere sotto controllo e l’acqua è potabile secondo tutti i parametri di legge – conclude il municipale –. Nonostante questi problemi, il Comune di Vacallo sta rispettando le raccomandazioni di uso parsimonioso dell’acqua e questo ci ha portato a non avere problemi di approvvigionamento idrico». In conclusione, Fabio Martello tiene a ringraziare Age Chiasso «per la professionalità e la professionalità dimostrate» nella situazione di emergenza. Anche grazie all’intervento tempestivo, infatti, la situazione è sempre rimasta sotto controllo e non ci sono stati problemi per la popolazione.

Leggi anche:

La piscina di Chiasso perde cloro. Scattate le ricerche

Chiasso, si nuota fino a domenica 18 settembre

Chiasso, la piscina quadrata resta inaccessibile

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
5 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
6 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
6 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
7 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
7 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Mendrisiotto
7 ore
Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità
Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Luganese
8 ore
Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare
Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
Luganese
8 ore
PatriziAmo, manifestazione al via (in presenza) a Lugano
Quindici Patriziati di Lugano da venerdì nel patio del Municipio per farsi conoscere e per offrire i propri prodotti locali
Grigioni
8 ore
Nell’Alto Moesano due giovani lupi potranno essere abbattuti
L’Ufficio federale dell’ambiente ha concesso oggi l’autorizzazione per regolare il branco di Moesola, presente a sud del Passo del San Bernardino
© Regiopress, All rights reserved