laRegione
08.08.22 - 17:28
Aggiornamento: 18:06

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite

chiasso-la-piscina-quadrata-non-riaprira
archivio Ti-Press
Chiusa la quadrata, le altre vasche restano accessibili fino al 18 settembre

È arrivata la conferma ufficiale: la stagione estiva alla piscina comunale di Chiasso terminerà senza la vasca quadrata. La decisione è stata presa a titolo precauzionale da Municipio e Age dopo l’analisi degli ultimi risultati relativi alle analisi sulla perdita di cloro emersa alla metà di luglio. La sostanza è finita nel vecchio pozzo di Vacallo, subito chiuso, senza comunque creare problemi di potabilità per la popolazione. Fino al 18 settembre, quindi, data scelta dal Municipio di Chiasso per la fine della stagione estiva, gli utenti dovranno fare a meno della vasca quadrata. La scorsa settimana le condotte interrate di andata e ritorno sono state analizzate da una ditta specializzata. Inizialmente le attenzioni si erano concentrate sulla piscina riservata ai più piccoli, che non ha però rilevato problemi di sorta ed è quindi stata riaperta.

Quadrata chiusa, valori giù

Alla fine di luglio è quindi stata svuotata la piscina quadrata. Stando a quanto abbiamo potuto appurare, i valori delle analisi dell’acqua parlano chiaro, con un netto miglioramento della situazione registrato dopo la chiusura della vasca. Come spiegato dal Municipio di Chiasso, "si sospetta pertanto che l’origine della contaminazione sia da ricercare principalmente presso questa vasca". Dopo la metà di settembre l’area sarà oggetto d’indagini approfondite che permetteranno – questo almeno è l’auspicio – di identificare le cause della fuoriuscita di cloro e le conseguenti contromisure da prendere. Allo stato attuale non è infatti chiaro se l’origine sia da ricercare nella rottura di qualche condotta o ‘semplicemente’ nello stato di vetustà della struttura.

‘È una decisione corretta’

A osservare con attenzione la situazione c’è stato anche il Municipio di Vacallo. «Per i nostri cittadini non ci sono mai stati pericoli – sottolinea Fabio Martello, capodicastero Azienda acqua potabile –. La situazione è sempre stata monitorata e per non incappare nuovamente in problemi analoghi, quella di chiudere la piscina quadrata sino a fine stagione è una decisione corretta». Ulteriori valutazioni saranno effettuate dopo i controlli approfonditi annunciati per la fine di settembre. Vacallo, lo ricordiamo, capta l’acqua da due pozzi. A essere interessato, come detto in apertura, è quello più vecchio, che è stato chiuso («e lo rimarrà perché per legge l’acqua non può ancora considerarsi potabile», assicura Martello) quando il problema è emerso. Le analisi effettuate dimostrano che nei due pozzi di captazione il valore della sostanza inquinante è diminuito in modo «drastico» dopo la vuotatura, e la conseguente chiusura, della vasca. «Il pozzo nuovo continua a essere sotto controllo e l’acqua è potabile secondo tutti i parametri di legge – conclude il municipale –. Nonostante questi problemi, il Comune di Vacallo sta rispettando le raccomandazioni di uso parsimonioso dell’acqua e questo ci ha portato a non avere problemi di approvvigionamento idrico». In conclusione, Fabio Martello tiene a ringraziare Age Chiasso «per la professionalità e la professionalità dimostrate» nella situazione di emergenza. Anche grazie all’intervento tempestivo, infatti, la situazione è sempre rimasta sotto controllo e non ci sono stati problemi per la popolazione.

Leggi anche:

La piscina di Chiasso perde cloro. Scattate le ricerche

Chiasso, si nuota fino a domenica 18 settembre

Chiasso, la piscina quadrata resta inaccessibile

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Lavizzara
21 min
Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’
Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
Chiasso
3 ore
Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino
Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d’Italia
3 ore
È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale
Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della polizia dell’enclave
Mendrisiotto
4 ore
Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio
Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare
Bellinzonese
5 ore
Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’
Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
5 ore
Tentata rapina a Ponte Tresa, due arresti
In relazione ai fatti, in manette sono finiti due giovani domiciliati nel Luganese, già fermati ieri dal personale delle dogane
Mendrisiotto
6 ore
Sei itinerari tematici per i parchi insubrici
Il progetto Insubriparks coinvolge, tra gli altri, il Parco del Penz, nonché quello delle Gole della Breggia
Luganese
10 ore
Ex maestro di Montagnola: riflessione aperta sul terzo grado
Dopo l’assoluzione in Appello, con il ribaltamento della condanna in Pretura penale, le motivazioni della Corte su ‘concreto pericolo’ e perizia
Locarnese
10 ore
Negozio alimentari e Posta: ‘Gordola può star tranquilla’
Il vicesindaco René Grossi, da proprietario dell’immobile interessato, risponde alle critiche preventive di Plr e Verdi Liberali
Ticino
17 ore
Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro
Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
© Regiopress, All rights reserved