laRegione
04.08.22 - 15:43
Aggiornamento: 07.08.22 - 17:17

Hupac, volume del traffico ai livelli dell’anno scorso

Presentati i risultati del primo semestre 2022: a incidere in modo negativo sono stati i numerosi cantieri in Germania

Ats, a cura di Red.Mendrisio
hupac-volume-del-traffico-ai-livelli-dell-anno-scorso
archivio Ti-Press
Busto Arsizio

Nel primo semestre del 2022 il traffico dell’operatore di trasporto combinato Hupac, che ha la sua sede centrale a Chiasso, è rimasto pressoché stazionario, con un aumento dell’1% rispetto all’anno precedente. A incidere in modo particolarmente negativo, nei mesi di aprile e giugno, sono stati i numerosi cantieri in Germania.

Nel periodo gennaio-giugno, il traffico nella rete di Hupac ha raggiunto un volume di 575’000 spedizioni stradali, ha comunicato oggi Hupac. Dopo lo "sviluppo vivace" nel primo trimestre, con tassi di crescita mensili elevati a una sola cifra, il traffico è crollato nei mesi di aprile e giugno, precisa la nota. Ciò è dovuto alle chiusure delle tratte e alle limitazioni di capacità causate dai cantieri situati sul corridoio Reno-Alpi. Il segmento del traffico transalpino attraverso la Svizzera è stato particolarmente penalizzato.

"Nel corridoio nord-sud non siamo riusciti a raggiungere gli obiettivi di crescita prefissati", indica citato nella nota Michail Stahlhut, Ceo del Gruppo Hupac. "Per contro, il traffico nei corridoi nord-est e sud-est si è sviluppato in modo molto soddisfacente", ha aggiunto.

In generale il 2022 rappresenta una vera sfida, tenuto conto della situazione geopolitica, della interruzione della catena di approvvigionamento da parte della Cina e del futuro aumento dei tassi d’interesse, viene sottolineato.

La preoccupazione principale di Hupac è quella di garantire una capacità sufficiente della rete ferroviaria. Per i lavori di costruzione previsti nei prossimi anni, l’attenzione deve essere sempre più rivolta al mantenimento della capacità e alla creazione di percorsi di deviazione efficienti.

In particolare, gli ampi lavori di risanamento previsti nella rete tedesca a partire dal 2024 rappresentano un rischio per l’approvvigionamento a livello europeo se le opere di costruzione non sono coordinate con il mercato e non vengono creati corridoi di deviazione praticabili. È necessario migliorare il coordinamento internazionale dei cantieri su tutti i corridoi, viene sottolineato.

Per i prossimi mesi, Hupac prevede un’offerta di capacità soddisfacente considerando l’attuale situazione di Covid-19 e nonostante i numerosi cantieri sul corridoio Reno-Alpi. Ciò sarà possibile tra l’altro grazie alle deviazioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
2 ore
Valera torna verde e agricola. E il Distretto ringrazia
Il Gran Consiglio fa suo il Puc e dà una svolta alla pianificazione del territorio. Le reazioni
Mendrisiotto
2 ore
Morbio Inferiore, tra incubi del vetro e turismo del rifiuto
L’ecopunto in via Pascuritt è molto gettonato, tanto che, secondo un residente della zona, ogni giorno ci sarebbero 20 contravvenzioni
Bellinzonese
2 ore
Minacciava di suicidarsi, ‘salvato’ da polizia e Croce Verde
Vasto dispiegamento di polizia e sanitari questa mattina in via Galbisio a Carasso: evitato il peggio, l’uomo è stato ricoverato
Locarnese
3 ore
Alla Base Rega Ticino i 70 anni del soccorso aereo
Giornata di porte aperte sabato, all’Aeroporto Cantonale, per sottolineare la ricorrenza. In concomitanza si terrà ‘Telethon Vola’, evento benefico
Mendrisiotto
3 ore
Basso Mendrisiotto, ‘siano scelte consapevoli e responsabili’
Alla vigilia dell’incontro che riunirà i sindaci al tavolo, abbiamo parlato con il capo sezione Enti Locali Marzio Della Santa
Locarnese
4 ore
La Divisione urbanistica e infrastrutture sale a Cardada
Una gita fuori ufficio per i dipendenti del settore della Città, un po’ per diletto un po’ per toccare con mano progetti e sfide del territorio
Ticino
8 ore
Cantonali ‘23, Marchesi: ‘Mi candido per entrare in governo’
Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Mendrisiotto
8 ore
Lavori forestali, nelle selve degli appalti
Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Luganese
14 ore
Lugano, Lalia non slega il legislativo
I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
15 ore
Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione
Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
© Regiopress, All rights reserved