laRegione
28.06.22 - 10:45
Aggiornamento: 12:30

Paolo Sauvain alla testa della Fondazione Monte Generoso

Cambio della guardia all’interno del Consiglio dopo le dimissioni del già presidente Riccardo Rossi e di altri tre membri

paolo-sauvain-alla-testa-della-fondazione-monte-generoso
Foto Jacques Perler
La Cascina d’Armirone

Passaggio di testimone alla testa della Fondazione Monte Generoso. Dopo dieci anni alla guida dell’ente Riccardo Rossi ha infatti ceduto il passo a un nuovo timoniere, Paolo Sauvain, la cui nomina è stata ufficializzata l’aprile scorso e resa pubblica oggi, martedì, in una nota. Il rinnovo ai vertici è stato radicale. Con Rossi hanno lasciato, in effetti, pure gli ormai ex vice presidente Mauro Maternini, la segretaria Ornella Spinedi e il membro Marco Bronzini, rispettivamente da 9, 6 e 4 anni partecipi a questo progetto.

A dare continuità all’opera di promozione della montagna di casa al fianco di Sauvain ci saranno adesso Nadia Fontana-Lupi, attuale direttrice di MendrisiottoTurismo, che assume la carica di vice, e Luigi Brenni, che farà le veci di segretario. Entrambi siedono nel Consiglio di fondazione già da diversi anni. Si sono poi aggiunti tre nuovi membri in sostituzione dei partenti, ovvero Federico Cattaneo, Michele Molinari e Giampaolo Tommasini. Completa il gremio la vice sindaca di Mendrisio Francesca Luisoni.

Il nuovo Consiglio è già all’opera

Il Consiglio si è messo subito al lavoro proprio, si fa sapere, per "seguire e sviluppare le attività della Fondazione che, da statuto, ha come scopo ‘il promovimento naturalistico e turistico del Monte Generoso attraverso la valorizzazione paesaggistica del territorio, conformemente a quanto stabilito dal Piano d’utilizzazione cantonale)’, in quanto proprietaria dei terreni che un tempo appartenevano alla società Bellavista Monte Generoso Sa che si trova sui Comuni di Mendrisio, Melano (oggi Val Mara, ndr) e Castel San Pietro e che ora gestisce".

Le ragioni del ricambio

Durante la recente riunione il neo presidente Paolo Sauvain ha salutato gli uscenti e li ha ringraziati "per l’impegno con il quale hanno svolto i loro rispettivi ruoli e anche per gli importanti traguardi che la Fondazione ha potuto raggiungere in questi anni". Di fatto si è trattato di dimissioni di gruppo. Cosa le ha motivate? La decisione di lasciare il posto in Fondazione è spiegato, si legge ancora nel comunicato, con l’intenzione di "svolgere altre attività e dare modo alla Fondazione di rinnovarsi e di introdurre delle nuove persone, che ambiscano a dare continuità e nuovi stimoli al lavoro del Consiglio".

Traguardi importanti

La gestione precedente, si ricorda infine, ha avuto "modo di instaurare importanti relazioni con i partner nel territorio", contribuendo "in maniera determinante alla gestione della proprietà della Fondazione, come anche allo sviluppo di una serie di progetti quali la sistemazione della Cascina d’Armirone, la costruzione del parco giochi, la sistemazione della Peonia e la realizzazione del progetto Momò Bellavista".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Nei bandi svelate cifre e atout della nuova Officina Ffs
Castione: sulle opposizioni le Ffs mirano a trovare una soluzione condivisa entro fine 2022. Confermati centrale a cippato, tetti verdi e fotovoltaico
Locarnese
1 ora
Truffe agli anziani nel Locarnese, si cercano testimoni
Scattano le manette per una 36enne e un 40enne. Impietosivano le loro vittime per ricevere denaro e altri beni preziosi
Ticino
2 ore
Imposta di circolazione, dietrofront del Consiglio di Stato
Nella seduta odierna il Governo ha deciso di ritirare i Decreti legislativi urgenti sull’applicazione dell’imposta di circolazione per l’anno 2023
Ticino
3 ore
In Ticino 1’403 nuovi contagi e 6 decessi
I posti letto occupati da pazienti Covid sono 109. Quattro le persone che attualmente si trovano in cure intense
Video
Ticino
4 ore
Un lupo ripreso in un video mentre attraversa la strada a Bodio
Dopo l’avvistamento in Bassa Leventina scatta l’interrogazione al Consiglio di Stato di Sara Imelli (Centro). ‘I gridi d’allarme sono caduti nel vuoto’.
Luganese
4 ore
Lugano, domani l’accensione dell’albero di Natale
La Città ricorda il tradizionale appuntamento che si terrà a partire dalle 17.15 in Piazza della Riforma
Locarnese
4 ore
‘Caso La Palma’, condanna confermata e pena più severa
Per la Corte di appello e revisione penale fu omicidio intenzionale e non solo colposo. L’imputato dovrà scontare 18 anni e mezzo di carcere
Luganese
8 ore
Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità
La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
10 ore
Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità
Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
10 ore
Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione
I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
© Regiopress, All rights reserved