laRegione
migranti-dall-italia-alla-germania-due-passatori-condannati
Ti-Press
Diversi degli ingressi illeciti sono avvenuti dal valico di Brusino Arsizio
21.06.22 - 17:34
Aggiornamento: 18:02

Migranti dall’Italia alla Germania, due passatori condannati

Pene sospese alla Corte delle Assise correzionali di Mendrisio per un 48enne e un 46enne, colpevoli di aver fatto transitare clandestini dalla Svizzera

Migranti irregolari fatti transitare dall’Italia alla Germania, attraverso la Svizzera. Questa la colpa di un 48enne siriano e di un 46enne iracheno, condannati oggi alla Corte delle Assise correzionali di Mendrisio a pene sospese condizionalmente e all’espulsione per il reato di incitazione all’entrata, alla partenza o al soggiorno illegale aggravata.

I fatti risalgono allo scorso autunno. Utilizzando come punti di partenza Porto Ceresio e Lavena Ponte Tresa e agendo in complicità con altri personaggi non ancora del tutto identificati, in una dozzina di occasioni i due hanno introdotto alcune decine di clandestini, migranti senza i necessari documenti per transitare dal Paese, perlopiù connazionali dei due. Destinazione: la Germania, dove peraltro risiedono anche i due imputati, giudicati in due processi disgiunti ma dalla stessa Corte presieduta da Marco Villa. Processi che avrebbero dovuto tenersi già un paio di mesi fa con la formula del rito abbreviato, rimandati e trasformati poi in procedimenti ordinari a causa dell’assenza degli imputati.

300 euro per ogni trasportato

I valichi ticinesi utilizzati sono stati quelli di Brusino Arsizio e di Ponte Tresa, mentre per entrare in Germania il confine è stato attraversato a Bözberg (Argovia), Hiltalingerstrasse (Basilea Città) o Stein (Argovia), a seconda dei casi. Il modus operandi, ricostruito dalla procuratrice pubblica Pamela Pedretti, era il seguente: a partire era il 48enne, che fungeva da ‘sentinella’, verificando in sostanza che le dogane non fossero presidiate. Se il via libera era dato, partiva la seconda macchina, guidata dal 46enne e con a bordo i migranti, almeno due per volta ma verosimilmente di più. Stesso schema alla frontiera fra Svizzera e Germania. La banda criminale che gestisce il traffico chiedeva, secondo la pp, 1’000 euro a testa a ogni migrante. Ai due passatori ne andavano invece 300 a testa per ogni persona trasportata. Il disagio economico sarebbe infatti alla base dei reati commessi dai due accusati.

Fermati dalle Guardie di confine

Lo schema ha funzionato per un paio di proficue settimane, finché un controllo effettuato dalle Guardie di confine a Riva San Vitale non ha smascherato il 46enne che a bordo di una Mercedes-Benz ML350 stava trasportando dodici persone. Lì è scattato il primo arresto per l’uomo, costatogli due giorni di carcere preventivo. Una lezione insufficiente: una volta scarcerato, l’imputato ha ripreso con il traffico, ma con una modalità un po’ più elaborata. Portando i migranti da Porto Ceresio a Lavena Ponte Tresa, indicava loro di salire sulla Ferrovia Lugano Ponte Tresa e dicendo loro di scendere ad Agno. Lì li aspettava con lo stesso veicolo e li portava fino al confine con la Germania, precedentemente ‘perlustrato’ dal 48enne, per attraversare la dogana e portare i passeggeri a destinazione. Ma anche questo piano B ha avuto vita breve: dopo un paio di settimane il 46enne è stato fermato nuovamente dalle Guardie di confine a Manno, che lo hanno scoperto con cinque clandestini a bordo stavolta. La carcerazione preventiva che n’è seguita è durata un mese e mezzo. Leggermente più lunga l’avventura del 48enne che, continuando a operare con un altro complice anch’esso fermato dalle Guardie di confine a Riva San Vitale alcune settimane più tardi, ha trascorso in carcere poco meno di un mese fino ai primi giorni del 2022.

I due come detto sono stati condannati a pene sospese condizionalmente (per due anni): diciassette mesi per il 46enne e quattordici per il 48enne, difesi rispettivamente dagli avvocati Marco Morelli e Michele Sisini. Altrettanto sospese le pene pecuniarie (900 franchi a testa), mentre sono effettive le espulsioni dalla Svizzera per cinque anni, per i due che sono comunque entrambi residenti in Germania.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
2 ore
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
3 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
3 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
3 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
3 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
4 ore
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Locarnese
4 ore
Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali
Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
4 ore
A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole
Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
6 ore
Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo
Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo
Ticino
6 ore
TicinoSentieri si rinnova grazie all’aiuto degli appassionati
La segnaletica lungo i sentieri è da rinnovare e con un’app gli escursionisti potranno censire i 5’470 cartelli lungo quasi 5mila chilometri di percorsi
© Regiopress, All rights reserved