laRegione
14.06.22 - 19:59
Aggiornamento: 15.06.22 - 13:32

Stabio fuori dal coro non aderisce al no al progetto PoLuMe

La risoluzione proposta in Consiglio comunale dall’Unità di sinistra contro il potenziamento della A2 ottiene solo 6 sì. Astenuti gli altri partiti

di Guido Grilli
stabio-fuori-dal-coro-non-aderisce-al-no-al-progetto-polume
Ti-Press
Un’ora di discussione sul PoLuMe ma hanno prevalso le astensioni

Stabio fuori dal coro sul progetto di PoLuMe. Se in altri consessi del comprensorio, fra cui la città di Mendrisio, è stata accolta la proposta di risoluzione proposta dal Gruppo Unità di Sinistra (Gus) - "dichiarazione di opposizione al progetto di potenziamento dell’autostrada tra Lugano e Mendrisio e alla creazione di una sosta ufficiale regolare per i veicoli pesanti tra Coldrerio e Chiasso", a Stabio lunedì sera il Consiglio comunale, dopo un ampio dibattito durato un’ora, non vi ha aderito. La risoluzione ha ottenuto unicamente i 6 voti da parte del Gus che l’ha appunto proposta, mentre tutti gli altri partiti si sono astenuti.

‘Gli altri partiti non hanno neppure avuto il coraggio di opporsi’

Amareggiata dell’esito la capogruppo in Consiglio comunale del Gus di Stabio, Angela Plebani Zappa: «Astenendosi, gli altri partiti non hanno neppure avuto il coraggio di opporsi e di respingere la risoluzione nettamente. Sono delusa perché viviamo in una regione dove abbiamo un tasso d’inquinamento molto alto e non è certo ampliando le strade che risolviamo il problema». Ma quali sono state le principali ragioni sollevate dagli altri gruppi politici - Plr, Ppd+GG, Lega dei Ticinesi-Udc-Udf e Gruppo Stabio C’è? «Hanno parlato di "motivi di sicurezza", frasi come "sarà pure un cerotto ma almeno si fa qualcosa" o "se l’hanno studiato quelli dell’Ustra sapranno ben fare il loro lavoro"». E dire che Stabio in passato si era già battuto per tematiche viarie, quali la battaglia contro la chiusura del nucleo di Ligornetto o il prolungamento della superstrada fino al Gaggiolo, mentre il PoLuMe sorprendentemente non ha attecchito. Come mai? «Al di là del progetto PoLuMe, la mia visione e quella del Gus è quella davvero di voler compiere un passo avanti, ma tutti insieme. Non solo il Mendrisiotto, il Ticino deve andare verso l’utilizzo dei mezzi pubblici, verso il potenziamento con orari e con più frequenze. L’esempio da seguire arriva dai Paesi del nord, che hanno potenziato i mezzi di trasporto. Ed è quello che dovremmo fare anche noi e non potenziare le strade. Con il progetto PoLuMe ci ritroveremo con un Mendrisiotto pieno di cantieri per anni, con l’inquinamento dell’aria che aumenterà. In Consiglio comunale non c’è stato il coraggio di vedere oltre: è stata una votazione, per alcuni di rassegnazione, del tipo "è l’unica proposta che abbiamo sul tavolo". Parliamo di un investimento di 1,8 miliardi! Si guarda al microcosmo, a Stabio, al singolo confrontato con le colonne, senza pensare alle future generazioni».

In altri Comuni del Mendrisiotto, la risoluzione per ribadire il proprio no al progetto di potenziamento dell’autostrada A2 tra Lugano e Mendrisio, è invece passata. «Persino a Mendrisio» - esclama Angela Plebani Zappa. Che argomenta: «Non c’entrano i partiti. Il territorio e l’ambiente sono di tutti. Invece di piantare alberi si costruiscono strade. L’unico Comune che ci guadagna in questo progetto è Bissone, preservato dall’impatto del potenziamento autostradale, ma a scapito di tutto il resto del comprensorio. Rimango basita dai motivi per i quali la risoluzione non è stata accolta. È stato un voto egoistico, pensando solo a Stabio, della serie, "non ci tocca" (...)». Il vice sindaco di Stabio, Mauro Durini, del Gruppo Unità di Sinistra, da noi raggiunto, fa sapere che il Municipio si chinerà sul tema PoLuMe. «La speranza è che si giunga a una risoluzione». Insomma, potrebbe esserci un secondo round.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
7 ore
E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge
Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
7 ore
Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti
Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
10 ore
Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea
Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Grigioni
11 ore
Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’
Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
12 ore
Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole
Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
12 ore
Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco
Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Ticino
14 ore
Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina
La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
Grigioni
16 ore
Val Calanca isolata: ‘Ci vorranno giorni per liberare la strada’
Si annuncia lunga l’operazione di sgombero della frana caduta questa mattina sulla strada cantonale tra Castaneda e Buseno. Nessun ferito, ingenti i danni
Gallery
Grigioni
18 ore
Frana in Calanca, valle isolata a nord del bivio per Castaneda
Strada chiusa in entrambe le direzioni a causa di un grosso scoscendimento che si è verificato stamane alle 6.30
Gallery
Locarnese
1 gior
Riazzino, inaugurata la nuova sede logistica del Soccorso alpino
La struttura, che fungerà da magazzino e autorimessa, completa la capillare rete di strutture di copertura del territorio. L’anno prossimo il 50esimo
© Regiopress, All rights reserved