laRegione
15.06.22 - 14:41
Aggiornamento: 16.06.22 - 21:25

Otr Mendrisiotto, il record di pernottamenti salva i conti

Mendrisiotto Turismo chiude il consuntivo in attivo e pensa al business plan 2023-2026. L’assemblea vota il consuntivo per corrispondenza.

otr-mendrisiotto-il-record-di-pernottamenti-salva-i-conti
archivio Ti-Press
La missione non cambia

È stato il classico anno che non ti aspetti o, per dirla con le parole del presidente dell’Organizzazione turistica regionale del Mendrisiotto e Basso Ceresio (Otr) Moreno Colombo, "un anno particolare sotto molti punti di vista". Mendrisiotto Turismo ha presentato nei giorni scorsi il consuntivo 2021. Conti chiusi con un utile d’esercizio di 24’054 franchi, sconfessando quindi il preventivo, che l’assemblea voterà per corrispondenza (entro il 4 luglio): alla luce delle passate esperienze, il CdA ha infatti deciso di riproporre questa modalità per assicurare al numero massimo possibile di soci di poter partecipare all’approvazione dei temi proposti. Lo scorso anno, come si ricorderà, è stato caratterizzato da un importante aumento dei pernottamenti nel Distretto (oltre che in tutto il Ticino). "È stato un anno eccezionale che, con piacere, possiamo dire di non aver saputo prevedere e che ci ha regalato la grande opportunità di farci conoscere e apprezzare da molti svizzeri – è il commento della direttrice Nadia Fontana-Lupi –, arrivando a un numero di presenze superiore rispetto a quello registrato nel corso degli ultimi 12 anni". Gli alberghi hanno registrato 126’606 presenze (di cui 111’705 in quelli 0-3 stelle), le residenze private 36’080 e i campeggi 75’720. A chi ha dormito nel Mendrisiotto si aggiungono "molte altre persone che hanno deciso di visitare la nostra Regione durante escursioni di giornata o semplicemente scegliendo di fare delle escursioni o delle visite ai nostri attrattori".

Nuove opportunità e cambiamenti

Quanto successo lo scorso anno, complice pandemia e restrizioni, porta inevitabilmente a riflessioni per il futuro. "Sviluppare l’offerta e imparare a considerare le nuove tendenze come un’opportunità è un nostro compito, così come anche quello di pianificare a medio e lungo termine – aggiunge la direttrice –. Tra qualche settimana inizieremo il lavoro di preparazione del business plan 2023-2026 e dovremo chinarci sul tema delle nuove opportunità e dei cambiamenti avvenuti e in previsione". Un compito non facile. "Il settore turistico è molto sensibile perché legato a emozioni, percezioni, ricordi che vengono trasmessi tra persone attraverso i social media o tra persone che condividono le buone e le cattive esperienze suggerendole a parenti e amici". Moreno Colombo si affida invece agli esperti, "sicuri del fatto che le nuove tendenze si consolideranno e che quindi la scelta della destinazione di vacanza sarà in futuro molto più marcatamente segnata da valori che fino a qualche tempo fa non erano significativi e che la pandemia ha comunque fatto emergere". L’Otr ha continuato a promuovere la regione anche sui social, registrando un aumento costante di follower e interazioni: al 31 dicembre scorso, la pagina facebook contava 3’861 followers; quella Instagram 4’722.

Operativi su vari cantieri

Anche nel corso del 2021 l’Otr è stato impegnato su vari cantieri e "abbiamo raggiunto molti obiettivi", annuncia Nadia Fontana-Lupi. "Le nostre attività si sono concentrate prioritariamente sullo sviluppo dell’offerta, del prodotto turistico: di ciò che i turisti possono considerare intrigante e li possa spingere a sceglierci, considerando che i nostri mezzi finanziari sono limitati, ma possibilità di sviluppare collaborazioni con i partner regionali, cantonali e nazionali sono molteplici". I lavori sono quindi continuati sul Monte Generoso, sul Monte San Giorgio, nell’offerta enogastronomica, nel progetto di valorizzazione dei patrimoni e nelle analisi relative ai cambiamenti delle abitudini dei turisti, degli svizzeri, ma anche dei mercati internazionali vicini e lontani. Statistiche alla mano, i tre principali mercati turistici del Mendrisiotto e Basso Ceresio sono la Svizzera, l’Italia e la Germania. Se i turisti svizzeri sono aumentati (dal 68% del 2020 al 75% del 2021), quelli tedeschi sono diminuiti nel 2020 a causa di pandemia e restrizioni nelle singole nazioni per poi aumentare nel 2021. Gli italiani sono per contro rimasti abbastanza stabili.

Sentieri che passione

La pandemia ha anche fatto riscoprire i sentieri che attraversano la regione. Il costante aumento dei fruitori ha portato a una maggiore sollecitazione da parte della squadra esterna, la quale ha a sua volta dovuto fare i conti con il maltempo. "Il maggior incasso a fronte del maggior numero di pernottamenti ci ha comunque permesso di affrontare una serie d’imprevisti determinati, in particolare, dalla meteo che ha rovinato parecchi sentieri", conclude Moreno Colombo. Alcuni sono stati ripristinati, mentre per altri si sono rese necessarie procedure e la necessità di trovare collaborazioni per finanziarne la sistemazione. Tra gli interventi citati da Nadia Fontana-Lupi nella sua relazione c’è la chiusura del sentiero panoramico Fiore di Pietra-Vetta a causa dei danni provocati dalla neve. I lavori sono stati divisi in due fasi. La prima, cofinanziata da Ferrovia Monte Generoso, Cantone e Comuni di Mendrisio e Castel San Pietro, "permetterà di riaprire il tracciato in sicurezza e, terminate le procedure di rito, il sentiero è stato sistemato e i lavori completati da un paio di settimane". La seconda si annuncia invece "molto più onerosa" e comporta anche una "valutazione particolare da parte delle autorità cantonali preposte". L’idea è quella di "prevedere anche la posa di alcuni ‘para valanghe’ e un nuovo concetto di ‘paletti’ che non pieghino con la pressione delle slavine", conclude la direttrice dell’Otr. Il tema sarà approfondito nell’ambito dei lavori che saranno affidati al Puc del Monte Generoso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline
Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
4 ore
Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita
Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
4 ore
Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’
Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
9 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
11 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
13 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
13 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
14 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
15 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
15 ore
Docenti, ne mancano di tedesco e matematica
Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
© Regiopress, All rights reserved