laRegione
09.06.22 - 11:20
Aggiornamento: 14:57

Autosilo a Tremona, a frenare ci sono due opposizioni

Il progetto, atteso da tempo dalla popolazione del Quartiere di Mendrisio, è al vaglio del Cantone

autosilo-a-tremona-a-frenare-ci-sono-due-opposizioni
Ti-Press
Nel nucleo c’è penuria di posteggi

A Tremona se ne parla da tempo. Di sicuro almeno da quando, nel 2012, la questione dei posteggi (mancanti) è stata ancorata al Piano particolareggiato del nucleo. E negli anni l’attesa per un intervento in grado di risolvere la penuria di posti auto nel ‘cuore’ del Quartiere di Mendrisio è cresciuta. Un ‘piano d’azione’, in effetti è stato approntato: a prendere forma e sostanza (grazie anche a un bando di concorso) il progetto di un autosilo su due livelli immaginato all’ingresso del villaggio, lì a lato di via Antonio Rinaldi. Come dire che la soluzione sembrava ormai essere davvero a portata di mano. Lo sembrava.

Una volta depositata, la primavera scorsa, la domanda di costruzione, si è capito invece che la strada non sarebbe stata tutta in discesa. Il Municipio della Città oggi se la deve vedere, infatti, con due opposizioni – dello stesso autore –, una firmata da un privato, l’altra da una ditta. Censure che hanno, inevitabilmente, rallentato l’iter di rito. Al momento, del resto, l’incarto è sul tavolo dei servizi cantonali. Autorità superiore dalla quale è giunta la richiesta di documentazione supplementare.

Quella ‘questione irrisolta’

Tra le righe di una interrogazione recapitata giusto nei giorni scorsi all’esecutivo dai consiglieri Giovanni Poloni (Plr) e Simona Rossini (Lega-Udc-Udf) si evoca una "questione irrisolta" (riferita al mancato inizio dei lavori di cantiere). E si confida in una informazione alla popolazione. Il tema, come ricordano i due rappresentanti, è "molto sentito" e la scarsità di posteggi evidente. In effetti, annotano ancora Poloni e Rossini, "i posti auto per i residenti del nucleo scarseggiano, anche a causa di alcuni dipendenti di imprese locali che sfruttano l’unico parcheggio in zona bianca rimasto, e pertanto non regolamentato, in attesa del nuovo progetto".

A questo punto agli abitanti del Quartiere non rimane che incrociare le dita e confidare che il preavviso cantonale non si faccia attendere troppo. Il parere del Consiglio di Stato darà modo, di fatto, di sbloccare la situazione. Volendo pensare... positivo, un nullaosta dai piani superiori permetterebbe all’esecutivo di pronunciarsi sulle opposizioni prima e sulla licenza edilizia poi. Con la consapevolezza che la vertenza potrebbe trascinarsi oltre, qualora le opposizioni si trasformassero in ricorsi al Consiglio di Stato.

Un investimento da 1,8 milioni

L’operazione, d’altra parte, è di quelle importanti. Soprattutto per il Quartiere di Tremona. Nelle intenzioni, infatti, c’è la costruzione di un parcheggio in parte coperto capace di fare posto a 59 auto: 29 a tetto e le restanti a rotazione e all’aperto. Sul tavolo vi è un investimento di 1,8 milioni che si prefigge di rispondere alle esigenze dei residenti ma al contempo dei turisti, attirati nel paese della Montagna dal Parco archeologico.

Capolago: altri posteggi, altri problemi

A Mendrisio, in ogni caso, c’è anche un altro Quartiere che di questi tempi è alle prese con problemi di posteggi: quello di Capolago. Sono sempre i due consiglieri di Plr e Lega-Udc-Udf a sollevare l’argomento. Nel caso di Capolago, però, i cantieri al centro dell’attenzione sono due, di peso e già programmati. Il varo dei lavori, da un lato della nuova condotta per la captazione a lago e dall’altro dell’allacciamento al gasdotto costringono a privare gli abitanti di alcune decine di posti auto. "La Commissione di Quartiere e la popolazione hanno purtroppo avuto un insufficiente preavviso riguardo l’inizio dei lavori, che impattano fortemente su un’area molto frequentata anche dai turisti durante il periodo estivo – lamentano Poloni e Rossini –. Ciò causa quindi notevoli disagi per i residenti". E qui si apre una serie di interrogativi rivolta al Municipio su motivi e controlli, e sulle possibili alternative. Insomma, quali sono, domandano, i motivi di un così corto preavviso per l’inizio dei lavori a Capolago? E come mai l’Ufficio tecnico comunale non ha tenuto monitorato l’evoluzione del progetto con la direzione lavori dell’Acquedotto regionale del Mendrisiotto?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
2 ore
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
6 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
11 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
22 ore
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
22 ore
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
23 ore
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
23 ore
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
23 ore
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
1 gior
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
Luganese
1 gior
Assolto in Appello l’ex maestro di Montagnola
Per la Carp non è stato possibile accertare un pericolo per lo sviluppo psichico degli allievi. Mauro Brocchi era stato condannato in primo grado nel 2019
© Regiopress, All rights reserved