laRegione
laR
 
30.05.22 - 08:32
Aggiornamento: 15:36

La psichiatria, ieri e domani, nel nome di Ettore Pellandini

Mendrisio ospita un Convegno di due giornate con nomi internazionali. Perché la salute mentale è un bene comune

la-psichiatria-ieri-e-domani-nel-nome-di-ettore-pellandini
Archivio Club ’74
Oltre pregiudizi e barriere

La salute mentale? Un ‘affare’ da specialisti, dirà qualcuno. Invece no. Chi come Valentino Garrafa, da animatore socioculturale del Servizio di socioterapia Osc (l’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale), vive la quotidianità della malattia degli utenti di Casvegno, rimette subito il campanile al centro del villaggio. "La sociopsichiatria – ci fa memoria – gode di buona salute quando questa è d’interesse comune ed è presente regolarmente nel dibattito pubblico". Parole chiare che dicono molto del lascito di Ettore Pellandini e di ciò a cui aspira questo settore della salute pubblica. Non è un caso, insomma, se si è deciso di dedicare un Convegno di due giorni – oggi, lunedì, dalle 13.30 e giovedì 2 giugno dalle 8.30 – a una delle figure cardine che negli anni Settanta ha contribuito in modo significativo a riformare le Istituzioni psichiatriche. A portare a Mendrisio – al Teatro Centro Sociale – il loro sapere e ad aiutare a far riflettere su quello che è oggi e sarà domani la psichiatria, saranno nomi importanti del panorama scientifico e culturale internazionale. Con ‘...io sono ancora qui!’, infatti, tiene a rimarcare lo stesso Garrafa, oltre a testimoniare un "dovuto riconoscimento" al lavoro e al percorso di Pellandini, si ha l’ambizione di "confrontarci con le sfide del presente e del futuro".

Quando lo chiamavano ‘Neuro’

Prima, però, volgiamo un momento lo sguardo all’indietro. Ovvero agli anni durante i quali si è cercato di demolire il pregiudizio; quando l’Osc si chiamava Ospedale neuropsichiatrico cantonale e per i più era il ‘Neuro’. È stato proprio allora che Pellandini e i suoi colleghi hanno creato dei gruppi di incontro tra pazienti e curanti e fondato il Club ’74. A quel tempo, osserva l’animatore socioculturale dell’Osc, "i meccanismi alienanti dell’Istituzione venivano continuamente messi in discussione e i problemi venivano tematizzati e condivisi. Barriere fisiche e mentali venivano messe in discussione nel tentativo di superarle". E non era impresa facile. Era però il momento storico giusto, dentro e fuori i confini ticinesi: all’epoca nasce la Legge sull’assistenza sociopsichiatrica cantonale. Tant’è che anche per gli operatori di oggi rappresenta una "pietra miliare dei diritti dei pazienti".

La pandemia e la salute mentale

Chiave di volta, si fa capire, è stata del resto la volontà di dare voce ai malati – quindi a chi una voce non l’aveva –, restituendo loro dignità e diritto di cittadinanza. Anche qui ci viene in soccorso Valentino Garrafa: "Questo procedere è stato, ed è possibile, anche grazie alla consapevolezza che la salute mentale è un bene comune. Gli ultimi anni di pandemia globale – ci fa notare – hanno messo al centro dell’attenzione quest’aspetto: non vi è salute mentale se non vi è attenzione all’altro, in particolare a quelle persone che per vicissitudini varie potremmo relegare agli ultimi della società. Non c’è salute mentale se non c’è attenzione a quella parte di fragilità che contraddistingue ogni essere umano, nessuno escluso. È nella capacità di accogliere la diversità dell’altro e alle prese con gli "inciampi" della vita a cui siamo tutti confrontati, che una comunità misura il proprio grado di solidarietà con indispensabili aspetti democratici".

Dentro il Convegno

Il Convegno e i suoi relatori, d’altro canto, intendono proprio darci una chiave di lettura e interpretativa di bisogni e strumenti a disposizione. In campo quali promotori vi sono il Club ’74, l’Osc, il Carl (il Centro abitativo, ricreativo e di lavoro) e la Fondazione Sasso Corbaro per voce del professor Graziano Martignoni. Nella prima giornata di oggi, introdotta dal direttore dell’Osc Daniele Intraina e dal coordinatore del Sevizio di socioterapia Mauro Durini, si accenderanno i riflettori sugli aspetti macro-economici e i diritti dei pazienti. Lo si farà grazie al professor Sergio Rossi dell’Università di Friborgo e il professor Marco Borghi, delegato per i diritti dei pazienti della Fondazione Pro Mente Sana, e Flore Pulliero Vitez, giurista e vice direttrice della Clinica di La Borde in Francia.

Giovedì, per contro, si incroceranno i temi della quotidianità e della cura, come il disagio, i ricoveri nei giovani e l’eccesso delle misure coatte e al contempo lo sviluppo dei Centri terapeutici, la valenza dell’espressione artistica e il territorio. Presentati da Magda Chiesa, direttrice delle cure Osc, e Laurent Pellandini, direttore del Carl, aiuteranno ad approfondire le varie tematiche il filosofo e psicanalista Umberto Galimberti, lo psichiatra italiano Giorgio Callea, il medico caposervizio Osc Zefiro Mellacqua, lo psicoanalista francese Yannick Oury Pulliero, il filosofo francese Marino Pulliero, il docente e ricercatore Supsi Claudio Mustacchi, e la responsabile dei progetti culturali dell’Associazione Arturo Prod Tiziana Conte.

A margine del Convegno sarà proposta una mostra fotografica sull’atelier Mimo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
8 min
Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline
Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
3 ore
Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita
Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
3 ore
Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’
Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
8 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
10 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
12 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
12 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
13 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
14 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
14 ore
Docenti, ne mancano di tedesco e matematica
Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
© Regiopress, All rights reserved