laRegione
01.06.22 - 17:12
Aggiornamento: 03.06.22 - 11:22

Casa, scuola e lavoro tra i rifugiati ucraini: ‘Quali i numeri?’

Il gruppo Lega-Udc-Udf chiede al Municipio di Mendrisio di fare il punto della situazione

casa-scuola-e-lavoro-tra-i-rifugiati-ucraini-quali-i-numeri
Ti-Press
Il momento dell’arrivo

Lo slancio solidale verso i cittadini ucraini segnati dalla guerra è stato importante, anche nelle realtà locali. Una solidarietà che si è espressa, come richiama il gruppo Lega-Udc-Udf di Mendrisio in una interrogazione, attraverso donazioni, invio di beni di prima necessità e accoglienza in Ticino. "Se nell’emergenza – si annota per voce della prima firmataria Simona Rossini – è regnata un po’ di confusione sul ruolo e sulle responsabilità dei privati che hanno accolto e delle istituzioni, adesso questa situazione dovrebbe essere chiara e regolamentata". Si sommano però, si aggiunge, le preoccupazioni per le ricadute sul piano degli aumenti generalizzati e della penuria di materie prime "che mettono in crisi artigiani e produzioni". Ciò, si ribadisce, ha portato la popolazione "a guardare alla situazione con occhio più critico".

E qui si innestano le domande volte, si motiva, a dare delle risposte ai cittadini e a tracciare una sorta di bilancio di quanto messo in atto in questi mesi, facendo il punto sulla condizione dei rifugiati. In buona sostanza, si chiede, quanti alloggi sono stati messi a disposizione in Città? E quanti cittadini ucraini si sono registrati al controllo abitanti di Mendrisio? Di conseguenza, si domandano lumi sul numero di bambini scolarizzati oggi e di quali sono le previsioni alla riapertura delle scuole a settembre. Quindi, si domanda ancora, "le nostre sedi scolastiche sono conformi per l’inserimento di questi scolari?". E di seguito, nelle scuole dell’infanzia "ci saranno bambini residenti di 3 anni che dovranno rinunciare a essere inseriti?".

L’interesse del gruppo si sposta poi sulle figure professionali che sono state introdotte nelle scuole comunali: "In che numero? Che costi si prevedono per l’amministrazione cittadina?" Inoltre, si insiste, "questa integrazione potrebbe rallentare o peggiorare l’istruzione nelle nostre scuole comunali per un problema di inserimento e di lingua?".

Al momento, si sollecita poi, il Municipio è "già a conoscenza di quanti profughi intendono far ritorno al loro Paese a breve?". E d’altro canto, "ci sono profughi che hanno trovato un posto di lavoro o che esercitano una attività indipendente?".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
27 min
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17.
video
Locarnese
38 min
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti.
Luganese
1 ora
Bissone, il Comune vince la causa civile per il Lido
La sentenza della Pretura di Lugano condanna la società, a cui vennero affidati i lavori di ristrutturazione, a risarcire l’ente locale di 533’000 franchi
Diretta streaming
Luganese
1 ora
Il direttore di scuola media arrestato si è dimesso
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
2 ore
Lastminute, l’inchiesta si allarga anche alla ceo ad interim
Coinvolti ora nell’inchiesta anche altri ex e attuali dipendenti del rivenditore di viaggi e tempo libero online con sede a Chiasso
Locarnese
4 ore
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
4 ore
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
6 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
6 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
16 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
© Regiopress, All rights reserved