laRegione
nascono-gli-esterefatti-del-rione-excelsior-di-chiasso
archivio Ti-Press
Gli Esterefatti durante il corteo mascherato del 2020
laR
 
13.05.22 - 21:05
Aggiornamento : 16.05.22 - 13:54

Nascono gli Esterefatti del rione Excelsior di Chiasso

Fusione nel mondo del Carnevale: il nuovo rione manterrà le tradizioni dei due gruppi. Presentazione ufficiale il 15 giugno

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Unirsi e collaborare per guardare con fiducia al futuro. Anche nel mondo del Carnevale Nebiopoli di Chiasso. Lo sanno bene il rione Excelsior e il gruppo Esterefatti che, è storia di questa settimana, hanno deciso di fondersi, dando così vita all’associazione ‘Esterefatti del Rione Excelsior’. Fortemente legato nel passato a don Willy, negli ultimi anni il rione ha rischiato di sparire complici le forti difficoltà organizzative in cui si è ritrovato. L’unione ha ovviamente trovato la ‘benedizione’ del comitato Nebiopoli. «Era da un po’ che se ne parlava – spiega il presidente Alessandro Gazzani –. Quello degli Esterefatti, che quest’anno festeggia i 20 anni, è un gruppo importante che voleva crescere. È stato lo stesso rione ad avvicinarli e fare la proposta». Già durante l’organizzazione del Carnevale light di quest’anno, «abbiamo sorvegliato la situazione, che mi piace molto, e aiutato a concretizzarla». Il nuovo rione manterrà le tradizioni dei due gruppi proponendosi alla Città come organizzatore di eventi con la sua specializzazione gastronomica – il rione Excelsior ha sempre curato la preparazione di polenta e spezzatino – e come partecipante alle sfilate di Carnevale, ma soprattutto come importante parte integrante della storia del Nebiopoli. Durante l’assemblea il neoeletto presidente Livio Roventi ha voluto ringraziare il presidente del rione Cesare Morza e il suo comitato e il presidente fondatore degli Esterefatti Michele Pavan. La presentazione ufficiale del nuovo rione si terrà il 15 giugno con una festa in piazza Indipendenza.

‘Un bel segnale per il futuro’

I rioni del Carnevale di Chiasso rappresentano da sempre la forza della manifestazione. «Questa unione rappresenta sicuramente un bel segnale per il futuro – continua Gazzani –. Avevamo due rioni presenti e due in difficoltà. Ora passiamo a tre forti e presenti e uno (il rione Cucù che è comunque sempre attivo durante eventi e manifestazioni) che fa fatica a trovare giovani e persone che mettano a disposizione il loro tempo per gli altri». Il lavoro, insomma, «non è ancora finito». Il ritorno del rione Excelsior «porta anche nuovi stimoli che permetteranno di migliorare l’immagine del Nebiopoli in tutto il cantone – aggiunge il presidente –. Oltre a essere impegnato in varie attività in città, il rione La Maccheronata ha un gruppo giovani che si sta adoperando per tornare a sfilare. Discorso analogo per il Gruppo Urani, che quest’anno compie 90 anni, che ha a sua volta un gruppo giovani. Excelsior sono dei costruttori già rinomati che veicoleranno ancora di più la nostra immagine». Guardando al futuro, «è bello poter pensare che ci saranno due o tre rioni che parteciperanno anche alle sfilate di altri eventi nel cantone». Il ritorno di un rione forte non può che «alimentare la vita carnascialesca di Chiasso e contribuire alla vita sociale del Mendrisiotto», annota il presidente.

Distribuiti 10mila franchi di ingaggi

Per l’edizione 2022 il Nebiopoli ha registrato un utile nella ragione di una decina di migliaia di franchi «e lo fa in virtù anche dell’importante distribuzione di ingaggi a tutti quei gruppi, carri e guggen che hanno comunque aderito all’edizione 2022 in forma non classica». Il comitato direttivo – sottolinea ancora Gazzani – è fiero di aver distribuito questa somma nel mondo del Carnevale. Importi molto importanti per la sopravvivenza di molti di questi gruppi». Dopo l’esperienza con l’edizione light – dove non si sono registrati incidenti – a rendersi necessarie sono riflessioni sulla modalità dell’evento. «Non possiamo sentirci tranquilli a pensare il Carnevale in futuro in questa modalità e ragioneremo comunque su delle vie di mezzo tra la classica forma e quanto messo in vigore per il 2022». Guardando alla possibile situazione sanitaria del prossimo inverno, conclude Alessandro Gazzani, «crediamo in un ritorno alla normalità che permetterà di programmare l’edizione 2023 nel normale periodo carnascialesco e stiamo lavorando in questo senso». Il punto della situazione con le autorità cantonali e comunali verrà fatto in autunno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alessandro gazzani carnevale chiasso esterefatti excelsior nebiopoli
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
15 min
Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano
Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
15 min
Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio
Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
15 min
‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’
Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Mendrisiotto
6 ore
Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’
Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
6 ore
Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più
Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
10 ore
Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte
Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
11 ore
Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti
Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
11 ore
Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano
Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
11 ore
Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano
Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Luganese
11 ore
Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute
Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
© Regiopress, All rights reserved