laRegione
11.05.22 - 20:44
Aggiornamento: 21:59

Cabbio, filtri per la pioggia e ‘espianti’: la piazza è pronta

Dopo anni di progetti rivisti e lavori è pronta la nuova piazza, dove troveranno ancora posto le auto ‘in attesa di un regolamento comunale’

cabbio-filtri-per-la-pioggia-e-espianti-la-piazza-e-pronta
Ti-Press
Una veduta dall’alto

Doveva essere un semplice rifacimento della pavimentazione. Dopo quasi otto anni di lavori, però, il risultato è decisamente diverso. Stiamo parlando della piazza di Cabbio, che verrà ufficialmente inaugurata questa domenica. «Sono passati quasi 10 anni da quando abbiamo iniziato a seguire questo progetto, che per certi aspetti è una ‘prima’ a livello ticinese», spiega soddisfatto l’architetto Enrico Sassi. L’idea iniziale prevedeva un fondo di ghiaia, ipotesi che però è stata subito scartata perché non rispettava i parametri dell’integrazione handicap. «Un’altra questione annosa è stata quella che ha riguardato la gestione dell’acqua piovana e il suo deflusso», prosegue l’architetto. La piazza è infatti aperta alle automobili, che regolarmente parcheggiano a ridosso del sagrato. L’acqua è quindi considerata a rischio inquinamento e non può essere incanalata nel riale che scorre verso valle. «Allo stesso tempo non si poteva indirizzarla verso la fognatura comunale. Il pericolo era di sovraccaricare il sistema che non avrebbe retto in casi di grande pressione». Si è quindi trovata una soluzione inedita, istallando dei filtri (due ‘dissabiatori’ e un separatore degli oli) per purificare le acque. «In questo modo la pioggia che defluisce dalla piazza può tornare nella natura senza problemi». Aggiustamenti che, uniti alla scelta di materiali pregiati come i dadi in pietra di Saltrio che compongono il fondo, hanno fatto aumentare i costi. «Siamo passati dai 400mila franchi inizialmente stimati per il primo progetto a una spesa finale di oltre 900mila. Metà della cifra è arrivata da enti e privati. Il loro sostegno è stato fondamentale», ha spiegato il sindaco di Breggia Sebastiano Gaffuri. «Ci troviamo ora con un risultato che è decisamente più bello di quello a cui si pensava nel 2012, quando l’iter è partito da una mozione presentata in Consiglio comunale». Perché allora non chiudere la piazza alle automobili e renderla esclusivamente pedonale? «I lavori sono stati fatti per rendere la piazza nuovamente fruibile alle macchine, altrimenti non avrebbe avuto senso istallare i filtri. L’intenzione del Municipio è però quella di dotarsi di un regolamento comunale per limitare l’accesso».

‘Conservati gli stessi alberi con un’operazione di espianto’

La gestione delle acque non è però l’unico elemento che ha rappresentato una novità per un progetto di recupero di una piazza. «Durante le prime fasi dei lavori abbiamo fatto controllare gli alberi presenti sullo spiazzo a un biologo, che li ha trovati in ottima salute. Si tratta di platani e tigli piuttosto grandi, che volevamo poter conservare» afferma Sassi. Si è quindi proceduto all’espianto, svolto a febbraio quando gli alberi sono in fase di quiescenza (non hanno foglie e sono ‘addormentati’). «Sono stati messi all’interno di gandi zolle e posizionati a lato della chiesa, dove sono rimasti un anno». Gli alberi hanno poi ritrovato il loro posto, reagendo bene al reinserimento nel terreno, sul finire del cantiere. «In questo modo abbiamo potuto salvarli dall’abbattimento e, allo stesso tempo, non turbare il paesaggio. Piantare nuovi alberi avrebbe richiesto anni e anni prima di avere ancora lo stesso colpo d’occhio. Possiamo quindi dire che il restauro della piazza è davvero totale». Coinvolto in tutti i passaggi del progetto, una vera e propria operazione di recupero e valorizzazione di una parte della Valle di Muggio, è stato anche l’Ufficio dei beni culturali che si è detto molto soddisfatto del risultato raggiunto.

‘Un muro di sostegno con pietre originali’

Il fondo, come detto, è stato realizzato con pietre di Saltrio. «Un materiale locale, prodotto a pochi chilometri da qui. Rispetto alla situazione che c’era prima, o alla prospettiva di ricoprire con ghiaia, la situazione è decisamente migliore» prosegue l’architetto. Una grande parte del lavoro è stata quella che ha riguardato il muro di sostegno della piazza che guarda verso valle. «È stato completamento smontato per permettere la costruzione di un muro in cemento armato». Durante gli scavi sono stati trovati anche alcuni reperti, come balaustre realizzate con il marmo di Arzo, che si è deciso d’integrare successivamente e sono ora visibili. «Il muro di sostegno, una volta ultimato, è stato rivestito con le pietre del muro originale».

A quest’opera di conservazione si aggiunge la realizzazione di una scaletta che porta a ridosso della chiesa, dove si trova una fontana in marmo.

Inaugurazione e festa popolare

L’inaugurazione è prevista questa domenica. Oltre alla piazza si taglierà il nastro anche al lavatoio, un altro bene culturale che la frazione di Cabbio può vantare. Oltre ai momenti ufficiali, che si svolgeranno in mattinata, è previsto un pranzo popolare offerto dal Comune. «Vogliamo che sia una festa aperta a tutti» dice il sindaco. All’organizzazione dell’evento hanno partecipato anche il Museo etnografico della valle di Muggio e l’associazione Amici di Cabbio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
47 min
Vaccinazioni di richiamo autunnali in Ticino dall’11 ottobre
Le informazioni sono già disponibili sul sito ufficiale dedicato alle vaccinazioni www.ti.ch/vaccinazione
Locarnese
1 ora
A13 Quartino: invece del triangolo, rotonda e semaforo
La novità viaria decisa da Ustra e Cantone per ragioni ambientali e legali. Promessi monitoraggio e perfezionamenti
Locarnese
1 ora
Minusio, sfruttare l’acqua di falda (o lacustre) per riscaldare
Lo suggerisce una mozione presentata dall’Usi che invita il Municipio a seguire analoghi esempi studiati altrove
Ticino
3 ore
‘Si allarghino le fasce di reddito per i sussidi cassa malati’
L’iniziativa del Ps e i due rapporti allestiti saranno al centro della prossima seduta della Commissione parlamentare sanità e sicurezza sociale
Ticino
3 ore
I 25 anni della Supsi secondo Gervasoni, tra successi e futuro
L’importanza della formazione professionale, i ricordi di quell’acronimo che faceva sorridere e ora è un’istituzione, gli obiettivi da raggiungere (tanti)
Luganese
6 ore
Mezzovico: lite fra giovani degenera, interviene il... papà
Condannato per vie di fatto un 57enne che, durante un alterco fra il figlio e alcuni coetanei (fra cui la ex), ha tirato quattro sberle a tre dei ragazzi
Bellinzonese
6 ore
Necessari 45 milioni per il nuovo Ior a Bellinzona
Studio di fattibilità concluso: oltre ai 12 laboratori sono previsti una mensa e un auditorium, e forse anche un asilo nido per i figli dei ricercatori
Locarno
13 ore
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
16 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
16 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
© Regiopress, All rights reserved