laRegione
c-e-la-prova-del-dna-a-novazzano-e-stato-un-lupo
Ti-Press
La mattina dopo
03.05.22 - 19:25
Aggiornamento: 19:43

C’è la prova del Dna: a Novazzano è stato un lupo

Dopo l’aggressione a un gregge e l’uccisione di dieci agnelli e tre pecore. Mendrisiotto messo sotto osservazione per tre settimane

Il Dna non mente. Ora c’è la prova scientifica che ad assaltare il gregge dell’allevatore per passione di Novazzano, la notte fra l’11 e il 12 aprile scorso (come anticipato da ‘laRegione’ del 13 aprile), e a uccidere dieci agnelli e tre pecore è stato un lupo. La conferma è giunta oggi, martedì, direttamente dall’Ufficio della caccia e della pesca del Dipartimento del territorio. Quello che sino a qualche settimana fa non si osava dire (ma si pensava) si è rivelato vero. Del resto, sino a ora non si era mai visto un tale predatore così a sud in Ticino. Da dove è arrivato? Questo lo potranno dire le ulteriori analisi in programma al Centro nazionale per i grandi carnivori. A quel punto si saprà se si tratta di un esemplare mai identificato su suolo svizzero – e quindi con tutta probabilità arrivato da oltrefrontiera – o il componente di un branco già presente nel cantone o nei Grigioni (il che non stupirebbe gli specialisti). Ciò che premeva capire da subito alle autorità locali, d’altro canto, era la specie di appartenenza. Così come urgeva verificare se quella presenza rischiava di essere stanziale o meno. E anche qui c’è chi ha già tirato un sospiro di sollievo: si è trattato di un lupo solitario e di passaggio.

Lo si è visto ancora una volta, poi è sparito

L’ipotesi più plausibile, per dirla con gli esperti, è che il predatore di Novazzano sia un "esemplare in dispersione", che peraltro ha "già lasciato la zona". Detto altrimenti, come ci spiega il capo dell’Ufficio della caccia e della pesca Tiziano Putelli, ci si trova davanti a un lupo che si è staccato da un branco o che ha cambiato per un brevissimo periodo il suo habitat. Non si è avuta più traccia di lui?, chiediamo al responsabile. «Come è nei comportamenti di questi animali dopo un evento predatorio – ci informa Putelli –, la sera successiva tornano nel luogo dell’attacco. E in effetti lo abbiamo filmato per qualche attimo sul prato della predazione – poco distante dal valico di Marcetto, ndr –. Poi da quel momento nelle successive tre settimane non vi sono stati più avvistamenti, né abbiamo ricevuto delle segnalazioni. Neppure le autorità italiane della fascia di frontiera – ribadisce il capoufficio – ci hanno detto di aver registrato predazioni o notizie in tal senso». Tutti elementi, questi, che hanno corroborato l’ipotesi di un lupo in transito, una presenza occasionale.

Mendrisiotto, tra ronde e foto-trappole

In ogni caso è bastato quell’unico episodio per mettere sotto osservazione il Distretto. Un cosiddetto "monitoraggio intensificato" che proseguirà ancora per alcune settimane, come fa sapere ancora Putelli. Sta di fatto che il Mendrisiotto, una realtà fortemente urbanizzata sin qui non certo sulle rotte dei lupi – sebbene il Ticino tutto sia un’area potenzialmente interessata, da vent’anni ormai – ha avuto gli occhi addosso. La strategia è stata duplice. «Da una parte – ci illustra Putelli –, abbiamo attivato immediatamente delle ronde notturne, che abbiamo poi ridotto in modo progressivo con il passare dei giorni e che effettuiamo ancora occasionalmente; e dall’altra abbiamo sistemato delle telecamere localmente, nell’abitato e soprattutto nei punti strategici di passaggio della fauna a livello regionale, dai boschi del Penz, a Chiasso, a Stabio. In totale, in effetti, abbiamo posato una decina di foto-trappole sul territorio del Mendrisiotto». Come dire che si è davvero monitorato con attenzione il territorio per decifrare con chiarezza quanto accaduto nello stupore della popolazione locale, pur consapevoli che lo spazio vitale del lupo – in grado, ci ricorda Putelli, di spostarsi per 40-60 chilometri in una notte – è assai ampio.

A Novazzano ci avevano visto giusto

Certo resiste l’amarezza di chi, come Remo Albertoni, ferroviere e allevatore, come detto, per passione, si è visto decimare il gregge che pascolava all’interno di un recinto non a prova di predatore. La mattina della scoperta aveva condiviso con ‘laRegione’ tutta la sua amarezza. Per lui è stato un colpo dritto al cuore. Mai si sarebbe immaginato una cosa del genere, aveva ammesso. D’altro canto, neppure l’avvistamento di una presenza sospetta della sera precedente l’aveva messo in allarme.

Ciò che aveva visto Eros Deberti, consigliere comunale a Novazzano, in mezzo al prato non lo aveva però tradito. L’impressione che fosse un lupo, in altre parole, non era sbagliata. Tant’è che, puntato il cannocchiale, era scattata subito la segnalazione all’Ufficio competente e al guardacaccia.

Leggi anche:

Sbranati dieci agnelli e tre pecore a Novazzano

‘Così a sud un predatore non si era mai visto’

È stato un lupo o un cane a sbranare gli ovini a Novazzano

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lupo novazzano tiziano putelli
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
14 ore
Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud
Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
18 ore
Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti
Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
20 ore
È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio
L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
22 ore
A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’
Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
22 ore
InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’
Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior
Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave
Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior
Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino
Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior
Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’
Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior
Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo
Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior
Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni
Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
© Regiopress, All rights reserved