laRegione
da-arzo-a-clivio-da-saltrio-a-tremona-la-storia-che-unisce
Stefano Beghi, direttore artistico di Karakorum Teatro
03.05.22 - 16:06
Aggiornamento: 17:42

Da Arzo a Clivio, da Saltrio a Tremona: la storia che unisce

In scena il 15 maggio la quarta edizione della manifestazione transfrontaliera ‘Vasi comunicanti’: quattro storie per una memoria collettiva comune

Quattro storie per una memoria collettiva comune. Un concetto semplice quanto affascinante, quello che dà vita a ‘Vasi comunicanti’, che prenderà il via il 6 maggio per andare in scena il 15. Ancor più affascinante, considerando che il filo che legherà le storie è transfrontaliero: la manifestazione culturale è infatti a carattere transfrontaliero, e si terrà fra tre dei paesi di montagna di Mendrisio (Arzo, Besazio e Tremona) e i comuni immediatamente al di là del confine, Saltrio e Clivio.

Quattro autori vivranno in loco per dieci giorni

«Il nostro è un progetto culturale che non sta sui tappeti rossi o sui palchi, ma nei paesi» ha detto Stefano Beghi riassumendo l’essenza dell’evento. Dopo un periodo di preparazione di poco meno di due settimane, il clou sarà domenica 15 maggio. Piazza Maestri Lapicidi Arzesi ad Arzo, piazza Fontana a Besazio, Palazzo Reale a Clivio, chiesa di San Giorgio e parco di via Bellini a Saltrio, piazza Rinaldi e chiesa di Sant’Agata a Tremona: questi saranno gli scenari, a orari differenti tra la tarda mattinata e il tardo pomeriggio, dove verranno raccontate le storie. Ma quali storie? «Al progetto prenderanno parte quattro autori teatrali, che trascorreranno un periodo di residenza (dal 6 al 15, ndr) durante il quale frequenteranno i luoghi della gente del luogo e ne raccoglieranno la memoria. Trasformeranno poi la memoria in racconto, che verrà poi restituito al pubblico il 15 maggio da degli attori. Risiederemo privatamente, stiamo già ricevendo inviti a cena (ride, ndr)».

Attivata la commissione di quartiere

A organizzare l’evento sono Karakorum Teatro, del quale è direttore artistico Beghi, e il Festival internazionale di narrazione di Arzo. «L’aspetto comunitario per noi è fondamentale – ha spiegato Ursula Rampoldi del festival –: prendersi cura del territorio, della sua storia e del suo patrimonio culturale». «La memoria collettiva non è la storia – per Beghi –, ma è un insieme di elementi nei quali ci si riconosce e che ci rendono parte della stessa comunità». Una comunità, che va oltre i confini di Stato. «Siamo rimasti colpiti dal carattere transfrontaliero della manifestazione e dalla volontà di valorizzare la memoria comune» ha detto durante il suo intervento Paolo Danielli, capodicastero Museo e cultura di Mendrisio, aggiungendo: «È un progetto audace, che avrà successo se la popolazione sarà coinvolta». E così pare già essere, almeno in base alle considerazioni di Orio Bianchi della commissione di quartiere di Arzo: «Noi siamo molto felici di partecipare a questo progetto, perché dà la possibilità di sentire e raccontare storie. Ci siamo già adoperati nella ricerca di personaggi che abbiano una lunga e buona memoria storica da condividere».

Amicizia transfrontaliera

Le storie naturalmente non si conoscono ancora, gli autori devono ancora arrivare nei paesi, ma Beghi premette che «ci interessa in particolare il tema del lavoro, che ieri come oggi lega molto le regioni svizzere e italiane di confine. Con la pandemia il tema del confine è tornato molto all’ordine del giorno e questo ha risvegliato memorie e ansie, ma abbiamo anche capito quanto sia importante mantenere aperto questo filo». Presenti alla conferenza stampa tenutasi oggi ad Arzo, anche i rappresentanti politici dei Comuni italiani di Clivio e Saltrio. «Siamo sempre stati collegati e una manifestazione come questa ci voleva», «c’è un discorso di frontiera e di amicizia che risale a tanti anni fa e in questo periodo storico è importante abbattere le divisioni», hanno detto rispettivamente Ruggero Fraulini per Clivio e Donatella Realini per Saltrio.

L’ingresso alla manifestazione è gratuito, e sarà possibile ascoltare solo una delle storie, un paio o tutte. In particolare, il 15 è prevista una passeggiata che da Palazzo Reale alle 10.30 a Clivio porterà a Saltrio, Arzo, Tremona, per poi tornare alle 18 a Clivio. Per questo evento la prenotazione è obbligatoria: www.karakorumteatro.it o info@karakorumteatro.it.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
2 ore
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
3 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
3 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
3 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
4 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
4 ore
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Locarnese
4 ore
Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali
Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
4 ore
A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole
Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
6 ore
Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo
Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo
Ticino
6 ore
TicinoSentieri si rinnova grazie all’aiuto degli appassionati
La segnaletica lungo i sentieri è da rinnovare e con un’app gli escursionisti potranno censire i 5’470 cartelli lungo quasi 5mila chilometri di percorsi
© Regiopress, All rights reserved