laRegione
nessuna-vessazione-sugli-anziani-un-caso-politicizzato
Ti-Press
Mendrisiotto
29.04.22 - 16:46
Aggiornamento: 17:28

‘Nessuna vessazione sugli anziani, un caso politicizzato’

Per due degli operatori coinvolti nella vicenda di Balerna, la difesa chiede l‘assoluzione in Appello: ’Solo capri espiatori’

Assoluzione piena, e risarcimento per torto morale: questo chiedono alla Corte di appello e revisione penale i legali di due ex dipendenti della casa anziani di Balerna. Finiti, nel centro di accuse non credibili, dicono, "capri espiatori" in una manovra pesantemente mediatizzata, e che voleva in ultima analisi prendere di mira i vertici della struttura. Se la linea della difesa venisse accettata, queste assoluzioni andrebbero ad aggiungersi a quella di un loro collega, un infermiere italiano prosciolto nel novembre del 2019 dalla stessa Corte di appello. La sentenza verrà comunicata prossimamente; al dibattimento di oggi a Locarno non era presente la titolare dell’inchiesta, la procuratrice Valentina Tuoni.

La vicenda, ricordiamo, dei denunciati maltrattamenti alla casa anziani di Balerna aveva sollevato un grande clamore pubblico, con riflessi anche sul piano politico.

‘Una parte di me è stata uccisa’

In questo caso alla sbarra della Corte di appello (presieduta dalla giudice Giovanna Roggero-Will) due ex dipendenti della casa anziani, entrambi residenti nel Mendrisiotto: un 44enne che in primo grado era stato condannato a 10 aliquote per coazione, nel senso di costringere a mangiare una anziana, e una 36enne condannata per coazione ripetuta, due episodi, a 20 aliquote giornaliere. Le sentenze erano state emesse dalla Pretura penale il 31 ottobre 2019. Sospesi dall’esercizio delle loro funzioni, sono poi stati integrati in altri ruoli nel Comune di Balerna. Lei prima dell’impiego balernitano aveva lavorato in molte case anziani, mentre oggi sempre per il Comune di Balerna è una impiegata d’ufficio in formazione. «Sono soddisfatta ma il mio vecchio lavoro mi manca, era quello che avevo scelto per la mia vita. Ma mi sono dovuta reinventare. E poi non riuscirei a lavorare serenamente come prima. Ho vissuto una specie di lutto, è come se una parte di me sia stata uccisa» dice la 36enne. Il 44enne si formò proprio a Balerna, dove finì per tornare dopo una esperienza in un’altra struttura analoga nel distretto. «Anche a me manca il lavoro in casa anziani, mi piaceva molto, ero sempre disponibile a rimpiazzare i colleghi, ho terminato l’attività con 500 ore di straordinario. Ma dopo tutto quello che è successo non me la sentirei più di tornare in quel settore, preferisco continuare come ora, in una situazione dove posso andare a lavorare più tranquillo».

Mangia sennò... c’è la multa

Nel 2013 il 44enne tentò di forzare una ospite (quasi novantenne, che soffriva di diversi problemi mentali) a nutrirsi. «Mangia, se no paghi la multa di 500 franchi" – la frase incriminata –. "La donna rifiutava in genere il cibo. Pesava 32 chili, quindi bisognava stimolarla un po’... Abbiamo tentato in vari modi, scrivendole anche dei bigliettini, una metodologia che era stata suggerita da un dottore. Abbiamo usato vari metodi, e spesso cambiando il cibo però non sempre si aveva successo. Sarà forse stata una frase poco professionale. Ma, ripeto, è stata detta con buone intenzioni. Non volevo certamente spaventare né minacciare la signora. Non ho pronunciato quella frase ad alta voce in modo autoritario, non ho mai alzato la voce né con la signora né con gli altri ospiti. Quanto all’altra imputata, la frase dice di non averla pronunciata, e nemmeno di aversa sentita dire. «Ricordo che abbiamo pure provato a farla mangiare in sala camino, le abbiamo anche dato degli integratori alimentari: era un andare avanti a tentativi».

Capitomboli

Un altro ospite sarebbe stato fatto sedere a forza sulla carrozzina, mentre stava tentando di alzarsi dalla stessa. Di questo è accusata la 36enne. L’anziano denotava problemi cognitivi. Voleva muoversi ma a quanto pare ciò lo metteva a rischio di cadute. «Capitava più volte al giorno di recuperarlo al volo prima che cadesse, anche perché alzandosi dalla carrozzina inciampava sui poggiapiedi, che non vedeva perché aveva problemi di vista. Può darsi che in alcuni di questi episodi lo abbia preso per le spalle, ma senza l’intento di fare del male al paziente, anzi».

Le affermazioni sulla ospite inappetente, dice l’avvocato difensore Verena Fontana, sono state riferite da un’assistente di cura fatte un anno e mezzo dopo i fatti. La legale le reputa inattendibili anche per la distanza intercorsa dall’accaduto. Venne violata la libertà dell’anziana? «La libertà della signora era già ristretta dal suo stato di salute». La difesa ha chiesto la completa assoluzione e che vengano riconosciute le spese legali sostenute, oltre a un risarcimento per torto morale di mille franchi. Gli operatori, dice, vennero colpiti per ‘lanciare un grido di allarme’ nei confronti dei vertici della casa anziani, così si sono trovati al centro di una tempesta mediatica. Anche l’altro legale, Alfio Decristoforis, ha chiesto l’assoluzione per la sua assistita. «Un contesto che è stato politicizzato, e che toglie credibilità alle accuse». «Negli atti non risultano spinte, atti di violenza, l’imputata a volte interveniva anche con impeto ma è giusto distinguere». Il risarcimento per torto morale, anche qui mille franchi, è dovuto, dice, «per l’effetto mediatico che c’è stato», e che ha visto i due imputati «nel ruolo di capri espiatori».

Leggi anche:

Anziani vessati, assolto in Appello l'ex infermiere

Soprusi in casa anziani a Balerna: 'il caso è chiuso'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
anziani balerna corte appello maltrattati operatori
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Breggia, sulla scuola dell’infanzia è referendum
Sinistra e Verdi pronti a costituire un Comitato e a coinvolgere la popolazione. ‘L’investimento è oneroso. È tempo di fissare delle priorità’
Ticino
13 ore
‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’
La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Ticino
14 ore
Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’
L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
14 ore
Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura
Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Locarnese
14 ore
‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’
Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Ticino
15 ore
‘Alla guida nessuna distrazione!’
Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Luganese
16 ore
Zelensky a Lugano non ci sarà. Ma arriverà il premier Shmyhal
L’ambasciatore ucraino a Berna fa chiarezza sui delegati che arriveranno in riva al Ceresio in occasione della conferenza Urc 2022
Ticino
20 ore
Impennata di contagi in Ticino: 1’888 in otto giorni
Coronavirus, si conferma la tendenza in aumento del numero di casi e delle persone ospedalizzate. Tre i decessi segnalati
Mendrisiotto
20 ore
‘Nulla da dichiarare’. Ma spunta un ‘panetto’ di cocaina
Fermata una donna tedesca al valico autostradale di Chiasso-Brogeda, mentre cercava di entrare in Italia con un chilo di sostanza stupefacente
Ticino
21 ore
Scuola Club Migros, saltano le sedi di Locarno e Mendrisio
Nell’ambito della riorganizzazione della divisione formazione della Fcm in Svizzera chiuderanno sette centri. Due in Ticino
© Regiopress, All rights reserved