laRegione
06.04.22 - 18:20
Aggiornamento: 19:16

Mendrisio: la Pasqua ritrova le Processioni storiche

Dopo due anni di stop forzato, e per la prima volta con la certificazione dell’Unesco, la nota manifestazione della settimana santa torna nel Borgo

mendrisio-la-pasqua-ritrova-le-processioni-storiche
Ti-Press
La tradizione si rinnova

Tradizione ma anche innovazione, espressione socio-culturale e attrazione turistica. E naturalmente arte. Racchiudono in sé tutti questi elementi le Processioni storiche di Mendrisio, che il 14 e il 15 aprile torneranno ad animare la Settimana santa del Borgo. «Una ripartenza importante, non solo perché arriva dopo due anni di stop a causa della pandemia, ma anche perché si tratta della prima edizione dopo che nel 2019 le Processioni sono state inserite nella lista dei beni immateriali dell’Unesco» ha ricordato Paolo Danielli, capodicastero Museo e cultura della Città. Un’occasione speciale per il distretto, dunque, che ha giustificato una conferenza stampa ad hoc con una folta partecipazione, stamattina nella sala del Consiglio comunale di Mendrisio.

Diverse novità

Il percorso sarà quello abituale: partenza dalla chiesa di San Giovanni per raggiungere, dopo un tragitto circolare, la chiesa dei Cappuccini. Distinte e particolari le due sfilate del Giovedì e del Venerdì santo. Come ricordato dal presidente della Fondazione delle Processioni, Gabriele Ponti, il motto della manifestazione è ‘Tradizione e innovazione’. «Non è semplice tenere fede a questo slogan, ma noi lo facciamo – ha detto – proponendo ogni anno delle novità. Bisogna impegnarsi per tenere al passo queste tradizioni secolari, portandole a un livello professionale, in modo da aprirci ulteriormente ai visitatori. Anche per questo viaggiamo molto in Europa, per vedere cosa e come viene fatto e arricchirci ulteriormente». Tra le novità, la possibilità di iscriversi sul sito internet per assistere all’evento e la mostra fotografica sulle Processioni storiche fruibile fino alla fine della Settimana santa nelle vetrine dei negozi del centro storico.

Piano B in caso di pioggia

Le due novità forse più significative sono tuttavia una organizzativa e un’altra artistica. «La manifestazione culmina in due giorni, ma la macchina lavora tutto l’anno. Per valorizzare questo lavoro, e soprattutto questo patrimonio che tramandiamo di generazione in generazione, ci siamo imposti di aprire le porte a chi viene a trovarci in tutti i casi – ha spiegato Ponti –: le Processioni si svolgeranno con qualsiasi tempo, anche se dovesse piovere, ma in modalità diverse». In caso di cattivo tempo, infatti, è stato trovato una sorta di piano B quantomeno per la sfilata del Venerdì santo: verrebbe organizzata una cerimonia particolare alla chiesa parrocchiale dei Santi Cosma e Damiano a partire dalle 20.30, dove riuscirebbero a trovare spazio almeno una cinquantina di trasparenti.

Nuovo trasparente realizzato da PAM

La seconda grande novità riguarda proprio questi ultimi. L’edizione 2022 vedrà infatti il debutto di un nuovo trasparente, realizzato dall’artista Paolo Mazzucchelli, su mandato della Città di Mendrisio. «Ancora nel 2011 il Comune ha istituito una speciale commissione artistica per i trasparenti – ha precisato Danielli –, dato che era da tempo che non se ne realizzavano di nuovi. Dopo le opere realizzate negli anni scorsi da Matteo Gilardi prima e da Anna Bianchi e Simonetta Martini poi, è stato affidato a PAM (nome d’arte di Mazzucchelli, ndr) il compito di realizzare un trasparente sul tema dell’Albero della vita». «Cercavamo un artista che fosse in grado di continuare con questa tecnica complessa – ha aggiunto il diretto del Dicastero museo e cultura, Simone Soldini –. PAM non solo si è rivelato all’altezza, ma è riuscito a infondere anche a quest’opera la sua arte inconfondibile e visionaria, caratterizzata da grande perizia tecnica». Il trasparente verrà collocato all’entrata della casa per anziani Istituto Torriani, mentre nei prossimi giorni pubblicheremo un’intervista sull’opera all’artista.

‘Turismo di qualità’

Tornando alla manifestazione, la direttrice dell’Organizzazione turistica regionale del Mendrisiotto e del Basso Ceresio ha osservato che «le Processioni sono un elemento di particolare eccezionalità del territorio» e che in quanto tali vanno valorizzate sempre più anche dal profilo turistico: «Sempre più si desidera conoscere meglio la gente del luogo visitato, come vive, che tradizioni ha. È un turismo di qualità». Nadia Fontana-Lupi è anche membro del Consiglio della fondazione e ha gestito la candidatura all’Unesco. «Questo dossier ha permesso di stimolare diversi temi – ha detto –: a Casa Croci è stato realizzato il primo Museo del Trasparante con l’intenzione di farne un centro di competenze per quest’arte. Inoltre, affrontando il fondamentale tema della trasmissione, del rinnovo e dell’inserimento di giovani, quest’anno è stato organizzato il primo corso per guide professioniste, in collaborazione con Anastasia e Jacopo Gilardi».

E nell’ottica di rendere l’evento sempre più attrattivo, oltre alle sfilate, il programma prevede anche: esposizione degli abiti della Processione di Giovedì santo al gazebo di San Giovanni dal 6 al 13 aprile fra le 14 e le 17.30; esposizione dei trasparenti del Bagutti nella chiesa parrocchiale dei Santi Cosma e Damiano dal 6 al 18 aprile dalle 9 alle 20 (fino alle 23 il 14 e il 15); oltre alla già citata esposizione nelle vetrine del centro storico un’altra specifica nelle vetrine della Banca Raiffeisen; concerto della Domenica delle Palme. Da segnalare, inoltre, che in piazza del Ponte sarà allestita una grande tribuna a pagamento. Per tutte le informazioni relative alla manifestazione, consultare il sito: www.processionimendrisio.ch.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
47 min
Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’
L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
1 ora
Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia
Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
2 ore
Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale
Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
2 ore
Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente
Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
3 ore
Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’
Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
3 ore
Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio
Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Ticino
4 ore
Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione
La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Luganese
5 ore
Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’
Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
Luganese
5 ore
Incidente sulla A2, code in direzione sud
Si segnalano disagi al traffico tra Muzzano e la galleria di Collina d’Oro
Luganese
6 ore
Inserimento professionale, Lugano tira le somme
Presentato il rapporto d’attività 2022 del Settore formazione e lavoro della Divisione socialità
© Regiopress, All rights reserved