laRegione
07.03.22 - 08:30
Aggiornamento: 16:52

‘Siamo pronti ad accogliere due profughi ucraini a Rancate’

L’esperienza di Marco e Valeria Tela che hanno messo a disposizione un monolocale. ‘Non possiamo rimanere fermi’

siamo-pronti-ad-accogliere-due-profughi-ucraini-a-rancate
Ti-Press/Davide Agosta
Il monolocale allestito dalla famiglia Tela

Il monolocale indipendente che hanno nella loro abitazione a Rancate è pronto. Marco Tela, consigliere comunale a Mendrisio, e sua moglie Valeria non sono rimasti indifferenti alle immagini che arrivano dall’Ucraina e hanno deciso di mettere a disposizione il loro spazio per accogliere due profughi. Un’iniziativa privata che è partita ufficialmente la settimana scorsa con un appello lanciato sui social per la richiesta di due letti – «ci sono stati regalati da una signora di Chiasso» – e in questi giorni sono in corso gli ultimi preparativi in vista dell’arrivo dei loro ospiti. «Non sappiamo ancora chi arriverà – spiega Marco Tela a ‘laRegione’ –. Abbiamo annunciato la nostra disponibilità al Soccorso Operaio e siamo in attesa di essere contattati. Il nostro non deve essere un esempio, ma magari alcune famiglie riescono a vincere qualche perplessità e si mettono a disposizione: le persone sono tante (gli arrivi sono attesi tra 2-3 settimane e il Cantone, rivolgendosi ai Municipi, ha auspicato un coordinamento delle varie iniziative, ndr) e vivere in una Protezione civile è un conto, riuscire a passare qualche mese in un appartamento è sicuramente diverso. Se abbiamo la possibilità di farlo, facciamolo».

Già scaricata un’app per la lingua

Chi alloggerà a casa Tela avrà a disposizione un monolocale indipendente. «Ovviamente saremo a disposizione di queste persone – sottolinea il nostro interlocutore –. Non sarà facile capirsi a livello di lingua, ma ho già scaricato un’applicazione che fa la traduzione. Essendoci annunciati a Soccorso Operaio magari ci saranno contatti con del personale che conosce la lingua e che farà da tramite in determinate situazioni». La situazione è, e almeno per il momento resta, in divenire. «Non possiamo rimanere fermi: ci è venuto spontaneo, lo facciamo volentieri». In passato la famiglia ha ospitato per qualche mese un richiedente l’asilo in attesa di essere espulso, ex allievo di Marco Tela alla scuola professionale. «Abbiamo questa piccola esperienza, che a livello umano è stata bellissima, di cosa vuol dire vivere con persone che hanno culture diverse e si approcciano alle situazioni in un modo diverso dal nostro. È sempre uno scoprirsi: determinate reazioni per certe cose possono essere normali, mentre per loro è qualcosa di particolare». A Rancate, da sabato pomeriggio, è ospitata anche una famiglia arrivata da Leopoli, alloggiata in un appartamento messo a disposizione dalla Parrocchia. «Una vicinanza che potrebbe aiutare tutti», annota ancora Tela.

‘Ci lasceremo andare alla nostra buona volontà’

Marco Tela è consapevole che si troverà davanti a persone arrivate «in un Paese che non conoscono e dove si parla una lingua a loro sconosciuta, dopo avere abbandonato tutto e con le preoccupazioni di un conflitto dove possono anche avere perso qualcuno – ci spiega –. Dobbiamo renderci conto di tutto questo: quando le incontrerò so che non avrò davanti gente che vedo tutti i giorni, ma persone che si portano dietro una storia e che i loro occhi avranno visto la distruzione del loro territorio e delle loro sicurezze». Per questo «probabilmente avranno bisogno di tempo per guardarsi attorno e capire dove sono. Non siamo operatori sociali e non abbiamo gli strumenti necessari, ci lasceremo andare alla nostra buona volontà cercando magari di condividere qualcosa e far capire loro dove si trovano». Quella che stiamo vivendo, conclude Marco Tela, «dal mio punto di vista è una crisi con delle dimensioni impressionanti che non c’è mai stata. Ho dato una mano anche quando sono arrivati i migranti dall’Africa, ma questa è la madre di tutte le migrazioni».

Leggi anche:

‘Profughi ucraini, primi arrivi nel giro di due, tre settimane’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Locarnese
11 ore
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
13 ore
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
16 ore
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
19 ore
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
23 ore
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
23 ore
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
1 gior
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
© Regiopress, All rights reserved