laRegione
basso-mendrisiotto-anche-novazzano-allo-studio-preliminare
archivio Ti-Press
Una veduta su Novazzano
28.02.22 - 16:32
Aggiornamento: 01.03.22 - 16:58

Basso Mendrisiotto, anche Novazzano allo studio preliminare

Il Comune ha dato la sua adesione e messo nero su bianco alcuni punti. Tra questi la volontà di tenere aperta una porta anche verso Mendrisio

Novazzano alla fine ha detto sì. Ci sarà anche il Comune guidato da Sergio Bernasconi nello studio preliminare d’opportunità su un’ipotesi aggregativa nel Basso Mendrisiotto. La decisione è stata formalizzata in una lettera inviata nel fine settimana al Municipio di Vacallo, Comune che prima delle festività natalizie aveva a sua volta inviato una missiva a tutti i Comuni del Distretto per sondare il loro interesse, e quindi la loro eventuale adesione, a questo studio. Ai blocchi di partenza si sono annunciati Balerna, Breggia, Chiasso, Morbio Inferiore, Vacallo e, come detto, Novazzano. Tutti gli altri Comuni del Distretto non hanno invece aderito all’iniziativa. Prima di chinarsi sul tema, Novazzano ha voluto archiviare il referendum per l’edificazione del complesso residenziale destinato agli anziani autosufficienti. «Non volevamo che, con una decisione o l’altra, vi fossero delle speculazioni di vario tipo», spiega raggiunto da ‘laRegione’ il sindaco Sergio Bernasconi.

‘Vogliamo avere tutti gli scenari’

Oltre alla conferma sulla sua partecipazione allo studio intermedio, nella sua comunicazione il Municipio di Novazzano ha voluto mettere nero su bianco alcuni punti. «Abbiamo dato il consenso – conferma il sindaco –, ma senza nessun impegno a continuare. Abbiamo inoltre chiesto di guardare e analizzare tutte le criticità e abbiamo pure deciso di tenere aperta la porta anche verso Mendrisio, visto che il sindaco ha dichiarato che entro fine anno sarebbero stati ricontattati i Comuni confinanti». Il messaggio è chiaro. «Non vogliamo restare incollati unicamente al Basso Mendrisiotto – aggiunge Bernasconi –. Infine non capiamo la fretta con cui si vuole procedere». Quella presa dall’esecutivo è stata «una decisione anche sofferta: c’è chi è convinto e chi lo è un po’ meno». A creare unione è stata in particolare «l’idea di avere la possibilità su Mendrisio». Considerata la sua posizione, Novazzano ha una caratteristica che lo differenzia dagli altri Comuni che hanno aderito allo studio. «Novazzano gravita su entrambi i poli: per questo non vogliamo essere vincolati – precisa ancora il sindaco –. Se un domani volessimo organizzare un sondaggio tra la nostra popolazione, è giusto poter fornire tutti gli scenari su cui potersi esprimere».

‘Comune unico come soluzione migliore’

Sergio Bernasconi non lo ha mai nascosto. «Per me il Comune unico resta la soluzione migliore. Non competeremo mai con Lugano, ma se si vuole arrivare ad avere un polo con una certa attrattività, con un Comune unico si riuscirebbe a rivendicare meglio i nostri diritti». Pensando alla situazione attuale, e in particolare alle discussioni in corso sulla terza corsia dinamica e sulla corsia dei Tir, «siamo anche un po’ abbandonati e non abbiamo un grande appoggio – conclude Sergio Bernasconi –. Dobbiamo combattere: non mi sembra ci si renda conto di quella che è la nostra realtà. Questo dà fastidio ed è un peccato perché siamo già in una situazione critica».

I prossimi passi

Nelle scorse settimane il Municipio di Vacallo ha già spiegato quelli che saranno i prossimi passi. Durante il primo incontro del 21 ottobre dell’anno scorso, alla presenza del capo della Sezione degli enti locali Marzio Della Santa, è stato sottolineato che tra i presenti non c’era alcun Comune nella necessità di aggregarsi per ragioni finanziarie o organizzative e che la discussione doveva essere impostata al fine di definire le opportunità di crescita. Della Santa, ricorda il Municipio di Vacallo in un comunicato, "ha accettato la sfida di effettuare una procedura differente dal solito, dichiarandosi pronto a creare uno strumento per mostrare cosa porterebbe il nuovo Comune". Con il beneplacito della direzione del Dipartimento delle istituzioni, nell’incontro del 2 dicembre scorso – presenti anche rappresentanti dei Comuni di Castel San Pietro e Coldrerio – il capo della Sel ha precisato le modalità per svolgere uno studio preliminare. "Al tavolo di lavoro, che dovrebbe impegnare i partecipanti per circa 3-4 mesi, saranno chiamati rappresentanti delle istituzioni e della società civile dei Comuni aderenti". Preso atto delle risposte ottenute dai Municipi interpellati, "Vacallo ha pertanto invitato la Sezione enti locali a proseguire con l’organizzazione dello studio".

Leggi anche:

Il Basso Mendrisiotto guarda oltre i suoi confini

A Novazzano non si progetteranno gli alloggi per anziani

Aggregazione, il Distretto prende due strade parallele

Aggregazione del Basso Mendrisiotto, atto primo

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
basso mendrisiotto novazzano sergio bernasconi studio preliminare
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
5 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
6 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
6 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
7 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
8 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
10 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Locarnese
13 ore
Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali
Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
Luganese
14 ore
Approvvigionamento energetico, Ail stoccano gas in Italia
Il Ticino è dipendente dalla disponibilità del Paese limitrofo, unica rete alla quale è collegato, a continuare a lasciar transitare gas verso la Svizzera
Locarnese
16 ore
Gordola, il percorso alternativo per le bici non si trova
Il Municipio risponde all’interpellanza che chiedeva un tracciato più sicuro in collina, in direzione diga della Verzasca. Proposta che non convince
© Regiopress, All rights reserved