laRegione
25.02.22 - 10:37
Aggiornamento: 18:10

Alle Processioni di Mendrisio ci si iscrive anche online

Torna l’appuntamento che caratterizza la Pasqua. Per i ruoli del Cristo e del Cireneo serve una email di motivazione

alle-processioni-di-mendrisio-ci-si-iscrive-anche-online
archivio Ti-Press
Torna la tradizione

Pasqua farà rima quest’anno con il ritorno delle Processioni storiche di Mendrisio. Tra le novità in programma c’è anche la possibilità di iscriversi quali figuranti in forma elettronica. Da domani, sabato 26 febbraio, al 10 marzo sul sito www.processionimendrisio.ch ci sarà la possibilità di annunciarsi per partecipare alle due sfilate storiche in programma il 14 e 15 aprile. Nella continuità della tradizione, verrà comunque mantenuta l’iscrizione in presenza per la ‘Funziun di Giudée’, presentandosi personalmente a San Giovanni domenica 6 marzo dalle 9.30 alle 10.30. Per il Venerdì, oltre che sulla home page delle Processioni, il presidente del comitato organizzativo inizierà a breve la raccolta di adesioni presso le scuole della regione.

Per i ruoli del Cristo e del Cireneo non sarà possibile iscriversi riempiendo il formulario online proposto, ma sarà invece necessario mandare una email di ‘motivazione’ all’indirizzo segretariato@processionimendrisio.ch. La preferenza per questi ruoli sarà data a uomini tra i 30 e 40 anni domiciliati a Mendrisio. Nel caso vi dovessero essere più persone che s’iscrivono per ricoprire il medesimo ruolo, si procederà a un’estrazione che sarà organizzata, in concomitanza con le prove abito, in presenza. Non potranno quindi essere considerate le candidature di chi non sarà personalmente presente all’appuntamento annunciato sul sito delle Processioni.

‘Tradizione e innovazione’, come ha avuto modo di ricordare più volte Gabriele Ponti, presidente della Fondazione processioni storiche, è il motto che il Consiglio di Fondazione ha fatto proprio e che intende tradurre in una serie di attività concrete.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
I 25 anni della Supsi secondo Gervasoni, tra successi e futuro
L’importanza della formazione professionale, i ricordi di quell’acronimo che faceva sorridere e ora è un’istituzione, gli obiettivi da raggiungere (tanti)
Ticino
1 ora
‘Si allarghino le fasce di reddito per i sussidi cassa malati’
L’iniziativa del Ps e i due rapporti allestiti saranno al centro della prossima seduta della Commissione parlamentare sanità e sicurezza sociale
Luganese
4 ore
Mezzovico: lite fra giovani degenera, interviene il... papà
Condannato per vie di fatto un 57enne che, durante un alterco fra il figlio e alcuni coetanei (fra cui la ex), ha tirato quattro sberle a tre dei ragazzi
Bellinzonese
4 ore
Necessari 45 milioni per il nuovo Ior a Bellinzona
Studio di fattibilità concluso: oltre ai 12 laboratori sono previsti una mensa e un auditorium, e forse anche un asilo nido per i figli dei ricercatori
Locarno
12 ore
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
14 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
14 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
15 ore
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
15 ore
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
15 ore
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
© Regiopress, All rights reserved