laRegione
17.02.22 - 20:50

‘A Riva i copertoni non li vogliamo’. Lanciata una petizione

Nel Ppd ci si fa portavoce dei timori per l’arrivo del deposito di pneumatici a Segoma. Lanciato un appello al Comune, al Gran consiglio e al Dt

a-riva-i-copertoni-non-li-vogliamo-lanciata-una-petizione
Ti-Press
Da riciclare, ma dove?

Sono bastate ventiquattro ore o su per giù. Neanche un giorno dopo la pubblicazione all’albo della domanda di costruzione, infatti, Riva San Vitale già era in fermento. La voce dell’arrivo di un deposito per la raccolta e il riciclo di pneumatici usati è corsa per il Borgo sulle rive del Ceresio, soprattutto all’interno della sezione del Ppd locale. Il gruppo politico per mano di Fabian Oehen, Abramo Civatti e Roberto Vassalli - i primi firmatari - ha già lanciato una petizione, online (sulla piattaforma change.org) e in forma cartacea, a nome delle cittadine e dei cittadini del Mendrisiotto.

Obiettivo, scongiurare l’insediamento della ditta

Il suo obiettivo è chiaro: impedire l’insediamento nel Comune, un capannone già esistente in zona Segoma, dell’attività. In realtà ad attirare l’attenzione dei promotori più del progetto in sé è la ditta stessa, che ha appena traslocato da Mendrisio a Riva, la Pm Ecorecycling, vittima di due incendi (peraltro di carattere doloso) e delle sue disavventure. Una eredità pesante, quella che si porta appresso, e che ha messo sul chi va là il drappello di abitanti. Anche il Comune, da nostre informazioni, sta seguendo da vicino il dossier e metterà in atto tutto quanto è nelle sue competenze affinché la procedura edilizia venga rispettata.

Quei ‘problemi ambientali e di sicurezza pubblica’

A preoccupare i fautori della raccolta firme, che oggi si appellano al Comune, al Gran consiglio e al Dipartimento del territorio - che tra all’altro sarà chiamato con i suoi servizi a esaminare la richiesta -, è, come si legge nel testo della petizione, "l’elevato rischio dell’attività". A testimoniarlo, agli occhi dei firmatari, sono proprio i due roghi - innescati, del resto, da mano rimasta sin qui ignota, nel dicembre del 2016 e nel dicembre del 2020 - e l’impatto che hanno avuto sul territorio. Pur usando il condizionale si evocano, insomma, gli "enormi problemi ambientali e di sicurezza pubblica" che questa presenza potrebbe "causare di nuovo".

I timori dei firmatari

"Come purtroppo ben sappiamo - ripercorrono ancora i promotori -, i due incendi di natura dolosa subiti dall’azienda a Mendrisio hanno causato grossi problemi di sicurezza pubblica e ambientali su tutto il territorio del Mendrisiotto. Infatti, tutti ci ricordiamo bene le notevoli quantità di polveri fini e sostanze irritanti nell’aria generati da questi due disastri!". Va detto che le ricadute maggiori, come rilevato dai servizi cantonali, si erano verificate nel 2016. All’epoca, nel corso della notte dell’incendio erano stati misurati valori massimi superiori a mille microgrammi per metro cubo di polveri sottili. Gli effetti sono stati giudicati, per contro, più "contenuti" in concomitanza con il secondo episodio del 2020. In quella occasione, come certificato a livello cantonale, la stazione dell’Osservatorio ambientale della Svizzera italiana - posta nelle vicinanze dello svincolo autostradale di Mendrisio - aveva registrato una punta di 212 microgrammi per metro cubo di Pm10.

Il dibattito è aperto

Certo quanto accaduto già a suo tempo non ha mancato di far discutere. " Sappiamo anche - ribadiscono i fautori della petizione -, che questi episodi hanno generato grande preoccupazione nella popolazione e discussione a livello politico comunale e cantonale". Un confronto che, a quanto pare, sul piano politico e pubblico non si è ancora esaurito. Prima di tirare le conclusioni, però, bisognerà lasciare che l’incarto faccia il suo corso.

Leggi anche:

I copertoni traslocano da Mendrisio a Riva San Vitale

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
20 min
Massagno, Ibsa si prepara a lasciare la storica sede
Sorta nel 1945, l’azienda si trasferirà definitivamente l’estate prossima. Suscita interesse e curiosità il futuro del vasto terreno che occupa.
Mendrisiotto
3 ore
A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità
Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
Grigioni
3 ore
San Bernardino, applausometro 7 su 10 per Artioli e progetti
Un successo la presentazione a Mesocco: 400 posti di lavoro in inverno e 250 in estate, gettito fiscale quintuplicato e 40 milioni per gli impianti
Luganese
3 ore
Lugano, la casa da gioco compie vent’anni e fa tornare i conti
Limitato l’impatto della concorrenza campionese, il casinò affronta la questione energetica e invia la richiesta di rinnovo della concessione federale
Bellinzonese
13 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
14 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
17 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
19 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
2 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
© Regiopress, All rights reserved