laRegione
dalla-stalla-alla-tavola-storia-di-un-bicchiere-di-latte
Ti-Press/laRegione
Oltre la mostra e un distributore c’è di più
laR
 
11.02.22 - 08:30
Aggiornamento: 15:35

Dalla stalla alla tavola: storia di un bicchiere di latte

In un video il Museo della civiltà contadina di Stabio racconta sé stesso e i limiti del consumismo. E fa 21mila visualizzazioni in pochi giorni

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

In poco più di cinque minuti di parole e immagini si può raccontare un mondo. Certo occorre maestria, sapienza e dedizione. Tre sostantivi che calzano a pennello a chi oggi fa vivere il Museo della civiltà contadina di Stabio. Dentro le mura di questo spazio di memoria ma anche di riflessione su temi urgenti del presente la curatrice, nonché addetta culturale del Comune, Monica Rusconi, affiancata in questa esperienza da Stefania Zocchi, ha saputo, infatti, produrre un breve video che sta spopolando sulle piattaforme social. In una decina di giorni ha raggiunto quasi 21mila visualizzazioni.

Una eco importante per un filmato che oltre a raccontare l’ultima avventura di questa piccola realtà museale – che fino al 30 giugno ospita la mostra temporanea ‘Porca vacca. Maiali e vacche dal passato al presente’ – ci restituisce una vera e propria filosofia di vita. Sì, perché da Stabio hanno deciso di provare a dare (a modo loro) una spallata al mondo del consumismo. ‘Arma’ di convinzione di massa (si fa per dire) un distributore del latte, posizionato proprio nel cuore del paese (in piazza Maggiore) e che sinora ha saputo far cambiare idea a un buon numero di cittadini-consumatori. Tant’è, ci conferma la responsabile, che «la richiesta c’è, è costante e persino in leggero aumento».

‘Il video? Un espediente narrativo’

A ispirare la filosofia espositiva del Museo – aperto a esplorare anche altri vettori comunicativi come si è visto –, del resto, ci sono scelte ben consapevoli. «Con spirito divulgativo – spiega a ‘laRegione’ Monica Rusconi – cerchiamo di offrire al pubblico gli strumenti per comprendere la visione e l’impostazione del Museo. Oggi il video è un espediente narrativo accattivante per far scoprire il dietro le quinte della nostra mostra e del progetto legato al distributore del latte. Un progetto positivo che abbiamo desiderato condividere. Per noi questo è un modo, in effetti, per proiettarci verso l’esterno e raccontare le nostre peculiarità; cercando nel nostro piccolo di lanciare dei messaggi e concedendoci qualche discreta ‘provocazione’, necessaria in questa società consumistica».

‘Il latte lo fa la fabbrica’, o no?

La curatrice non lo nasconde, la voglia di andare «controcorrente» c’è, eccome. Come chiarisce la stessa Monica Rusconi nel filmato, si attinge al presente per far parlare il passato. E nel caso dell’ultima esposizione, si ricorda, a suggerire lo spunto è stato un piccolo visitatore. «Un giorno – ci dice – un bambino se ne è uscito con un’affermazione che ci ha indotto a ragionare: ‘Il latte lo fa la fabbrica’. A quel punto è partito un lungo e complesso viaggio che ci ha condotto sin qui». Un percorso che, come ben illustra il video, passa dalle stalle dell’Istituto agrario di Mezzana, le cui vacche attraverso la mungitura meccanica garantiscono l’approvvigionamento dell’ormai famoso distributore, e che mostra in modo inequivocabile chi ci assicura il nostro bicchiere di latte.

«Un bicchiere – ci rende ancora attenti la responsabile – a chilometri sei, tanto dista l’Azienda di Mezzana da Stabio; e che ci ha permesso di affrontare un altro grosso problema, quello degli imballaggi, che magari avvolgono merci che attraversano gli oceani. Grazie al distributore – esemplifica Monica Rusconi – non solo si sono avvicinati produttore e consumatore, ma si sono risparmiate pure circa 4mila confezioni».

Non resterà una esperienza isolata

Ecco che un video di circa cinque minuti permette alle persone di scoprire da vicino una realtà non conosciuta a sufficienza. «Il nostro scopo – annota la curatrice – è proprio quello di dialogare con il pubblico e di raggiungere quegli utenti che non sanno della mostra o del distributore. L’obiettivo è far circolare le informazioni, dando un piccolo contributo utile a migliorare un po’ il nostro mondo. Io ci credo». Infatti non ci si fermerà qui. Monica Rusconi ce lo conferma: «Di sicuro se la situazione lo richiederà, in occasione della prossima mostra, realizzeremo un prodotto simile». Certo l’impegno non manca. Produrre il filmato ha richiesto, di fatto, due settimane di lavoro tra scrittura, riprese – effettuate di buon mattino a Mezzana, «senza interferire con la quotidianità», tiene a rassicurare – e montaggio.

Il risultato, d’altro canto, si è rivelato pagante come testimoniano le migliaia di visualizzazioni e il consenso raccolto. «I complimenti non sono mancati – conclude la curatrice –. Inoltre, toccare anche certi tasti dolenti ha portato non poche condivisioni sui social – si parla di duecento, ndr –, da parte pure di tanti contadini, che hanno sentito questo video un po’ loro».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
latte monica rusconi museo civiltà contadina stabio video
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
59 min
Breggia, sulla scuola dell’infanzia è referendum
Sinistra e Verdi pronti a costituire un Comitato e a coinvolgere la popolazione. ‘L’investimento è oneroso. È tempo di fissare delle priorità’
Ticino
12 ore
‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’
La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Ticino
13 ore
Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’
L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
13 ore
Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura
Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Locarnese
14 ore
‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’
Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Ticino
14 ore
‘Alla guida nessuna distrazione!’
Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Luganese
16 ore
Zelensky a Lugano non ci sarà. Ma arriverà il premier Shmyhal
L’ambasciatore ucraino a Berna fa chiarezza sui delegati che arriveranno in riva al Ceresio in occasione della conferenza Urc 2022
Ticino
20 ore
Impennata di contagi in Ticino: 1’888 in otto giorni
Coronavirus, si conferma la tendenza in aumento del numero di casi e delle persone ospedalizzate. Tre i decessi segnalati
Mendrisiotto
20 ore
‘Nulla da dichiarare’. Ma spunta un ‘panetto’ di cocaina
Fermata una donna tedesca al valico autostradale di Chiasso-Brogeda, mentre cercava di entrare in Italia con un chilo di sostanza stupefacente
Ticino
20 ore
Scuola Club Migros, saltano le sedi di Locarno e Mendrisio
Nell’ambito della riorganizzazione della divisione formazione della Fcm in Svizzera chiuderanno sette centri. Due in Ticino
© Regiopress, All rights reserved