laRegione
04.02.22 - 17:32
Aggiornamento: 18:25

Preso a pugni fuori dalla scuola. ‘Fatto intollerabile’

Confermato l‘episodio avvenuto all’esterno del Cpc di Chiasso. La municipale Colombo-Regazzoni: ‘In questi casi bisogna denunciare’

preso-a-pugni-fuori-dalla-scuola-fatto-intollerabile
Ti-Press
Un alunno è finito in ospedale

Su quanto accaduto in pieno giorno all’esterno del Centro professionale commerciale (Cpc) di Chiasso il mercoledì dell’altra settimana nessuno si sbottona. La situazione, si fa capire, è delicata: uno scambio di battute (da ciò che si vocifera per motivi banali), poi i cazzotti e quel pugno che manda in frantumi la mascella di un alunno, costretto, come riferito giovedì sera da Tio, a ricorrere alle cure dell’Inselspital di Berna. A colpirlo è stato un altro giovane, a quanto pare un ex allievo ora maggiorenne, già conosciuto in zona per le sue intemperanze.

Massimo riserbo

La scuola, finita in mezzo suo malgrado, si è chiusa a riccio – anche fra i docenti vi è la consegna del silenzio – e rimanda al Decs, il Dipartimento educazione, cultura e sport. Il quale non può e non vuole, ci spiegano dalla direzione, aggiungere nulla in questa fase. Di certo l’episodio non lascia indifferenti. Ne è a conoscenza pure la Polizia cantonale. Contattata da ‘laRegione’, dal comando ci fa sapere che «sono in corso i necessari accertamenti». Come dire che «al momento è prematuro fornire ulteriori informazioni». Sin qui, poi, come risulta da nostre verifiche, non è stata sporta denuncia.

‘Denunciare è doveroso’

Contorni della vicenda e ragioni del pestaggio, insomma, restano ancora tutti da chiarire. Non di meno, questo ultimo atto di violenza va ad aggiungersi a un lungo elenco. «Si tratta di un fatto increscioso – commenta Sonia Colombo-Regazzoni, a capo del dicastero Sicurezza pubblica della cittadina –. Queste sono cose che non possono e non devono essere tollerate: le mani addosso non si mettono». Ciò che è successo al Cpc è la spia di un malessere più ampio? «Dopo gli episodi legati a una ‘gang’ locale, la situazione è andata migliorando – illustra –. Anche durante il lockdown dettato dalla pandemia non sono giunte segnalazioni simili. Il fenomeno appare arginato e ristretto. Purtroppo ogni tanto capitano eventi del genere». Il punto, lamenta la municipale, è che la politica a volte si ritrova con le mani legate. «Senza una denuncia – chiarisce – non possiamo fare niente. Davanti all’uso della violenza è doveroso denunciare, per chi subisce e per la collettività».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
3 ore
Servizi culturali, pubblicato il nuovo bando per la Direzione
Locarno cerca una figura ‘in grado di ridisegnare coerentemente e in maniera funzionale ed efficace la struttura’, ed elaborarne la gestione ideale
Locarnese
4 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
5 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
Mendrisiotto
5 ore
‘Le fermate Ffs di Mendrisio sono di serie B?’
Il Centro lo chiede al Municipio con un’interpellanza dopo che da mesi gli ascensori della stazione di San Martino sono fuori uso
Locarnese
5 ore
Traffico e spaccio di cocaina nel Locarnese: inchiesta chiusa
L’inchiesta ha permesso di determinare un traffico di droga tra l’Italia, il Ticino e altri cantoni della Svizzera interna
Bellinzonese
6 ore
Prato Leventina, campo da calcio distrutto: è denuncia
Lo ha fatto sapere il municipale Sergio Sartore dopo il grave atto di vandalismo avvenuto fra venerdì e sabato: ‘Mi piange il cuore’
Ticino
9 ore
Cadono le foglie, a Novaggio e Airolo cresce il Pedibus
Nate due nuove linee dell’iniziativa che incentiva la trasferta casa-scuola a piedi di bambini accompagnati e in compagnia
Locarnese
11 ore
Pila: ‘Niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’
A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
11 ore
Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt
L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
© Regiopress, All rights reserved