laRegione
03.02.22 - 18:16
Aggiornamento: 18:43

Mendrisio: il 20% a rischio isolamento nei quartieri ‘alti’

Emerge da uno studio sulla qualità di vita ad Arzo, Besazio, Meride e Tremona. Il Municipio avvia un’azione per consolidare la coesione sociale

mendrisio-il-20-a-rischio-isolamento-nei-quartieri-alti
Ti-Press
Arzo, il più popoloso dei quattro ‘quartieri di montagna’

Ad Arzo, Besazio, Meride e Tremona si vive bene, ma c’è un 20% circa della popolazione a rischio isolamento. È quanto emerge da uno studio effettuato dalla Città di Mendrisio nei suoi quartieri di montagna, incentrato sulla qualità di vita nei quattro paesi, e presentato oggi a Palazzo comunale dalla capadicastero Politiche sociali e politiche di genere Françoise Gehring, dalla capaufficio Antenna sociale Tiziana Madella e dall’ingegner Roberto Fridel, presidente dell’associazione Generazioni&Sinergie, partner del progetto. Uno studio, che è la base di partenza per avviare un’azione per consolidare la coesione sociale.

Una risposta alle fragilità sociali

A maggio 2021 tutte le economie domestiche dei quattro quartieri hanno ricevuto il sondaggio sulle relazioni sociali, l’integrazione sociale, le attività, lo spazio pubblico, i servizi della zona. «L’analisi parte dalla volontà del nostro Municipio di rafforzare il concetto di prossimità, tanto importante in una città aggregata – ha premesso la municipale –. A causa di trasformazioni sociali, economiche, demografiche, culturali, la nostra società è attraversata da nuove forme di insicurezza e frammentazione della comunità. Desideriamo dare una risposta in modo coeso e innovativo, lavorando in rete». Partendo dal basso: come sottolineato da Madella, lo studio è servito sostanzialmente per capire come coinvolgere la popolazione per supportare le vulnerabilità di determinate persone e categorie sociali.

Anziani, ma non solo: adulti con percorsi lavorativi discontinui

Degli oltre 1’200 questionari inviati, ne sono rientrati 360: circa il 30%. «È un buon dato statistico, sufficiente per considerarlo rappresentativo – sostiene Madella –, ma cercheremo di raggiungere anche quel 70% che non ha partecipato». Dai risultati emerge che, naturalmente, le relazioni sociali sono un fattore di benessere e che più della metà degli interpellati si dichiara ben integrata nel proprio contesto abitativo. C’è però un 27% di persone che dichiarano che le relazioni sociali rappresentano una potenzialità da sviluppare e soprattutto un 20% che segnala un possibile rischio di isolamento. «Persone anziane o meno anziane che vivono sole, ma anche i più giovani che hanno alle spalle percorsi lavorativi discontinui e vivono in condizioni di precarietà».

Per un maggiore utilizzo degli spazi pubblici

Il 66% degli intervistati riconosce nei negozi i servizi più rilevanti, mentre per il 56% sono i bar, e non a caso per la maggior parte degli abitanti sono i classici ‘caffè’ i momenti di incontro che favoriscono legami più apprezzati. C’è poi una divisione sostanzialmente equa fra le persone che frequentano spesso gli spazi pubblici (26%), ogni tanto (25%), solo alcune volte (26%) o che non li frequentano (22%). Significativa la quota (61%) di coloro che gradirebbero avere più eventi negli spazi pubblici, in particolare concerti (50%). Circa il 40% degli interpellati inoltre mostra interesse verso il volontariato e il 33% è disponibile ad aderire a gruppi di discussione su questo argomento. Dati, questi, in linea con quelli nazionali: in Svizzera una persona su tre è attiva in qualche forma di volontariato. «Questo riscontro per noi è molto positivo – ancora Madella –, perché significa che molte persone hanno voglia di collaborare con l’ente pubblico. E le persone più interessate sono proprio coloro che non risiedono da molto nei quartieri»: un indice del desiderio di integrarsi socialmente.

L’idea: la portineria di quartiere

A marzo si ripartirà dunque da qui, si organizzeranno uno o più momenti di incontro con la popolazione interessata per allestire dei progetti che verranno poi sottoposti al Municipio. Ma delle idee, anzi una in particolare c’è già: la cosiddetta ‘portineria di quartiere’. «Il modello è quello chiaramente delle portinerie dei condomini – precisa Fridel –, ossia dei luoghi che possano diventare dei punti di riferimento per la comunità, con persone di fiducia e che possano offrire più servizi». Tra questi ultimi, per gli intervistati, ve ne sono sia di molto pratici che di più sociali: un 49% utilizzerebbe ad esempio un servizio riparazioni e un 41% uno di trattenuta pacchi/lettere, mentre d’altra parte il 42% è interessato a ricevere consigli e informazioni e un 45% soltanto alle chiacchiere e la medesima percentuale parteciperebbe a scambi di oggetti.

Diversi modelli

Un ampio ventaglio di possibilità insomma, come diversi sono anche i modelli di ‘portinerie’ a cui si potrebbe pensare. Da Parigi a Milano, fino alla più vicina Morbio Inferiore, ci sono infatti diversi esempi ai quali ispirarsi: Nel capoluogo lombardo ad esempio vi è un bar che funge anche da luogo di riunione per le associazioni di quartiere, di scambio per libri usati, di aperitivi e festicciole per la comunità. Per Morbio c’è invece l’esempio dell’osteria sociale BarAtto, gestita da Pro Senectute e che oltre alla mescita offre: angolo per bambini in età pre-scolastica, una ‘portineria’ per il deposito di pacchi e lettere, un orto comunitario, persino una propria radio e altre attività di utilità pubblica. «Nella zona ci sono già dei servizi storici, quali ad esempio il Negozietto di Tremona che per l’ente pubblico si è già rivelato un partner importante – sottolinea la capasettore – e potrebbe ‘trasformarsi’ includendo altri servizi di appoggio o di scambio». «Ma potrebbe essere anche una portineria diffusa, non necessariamente un luogo solo. La Città sta portando avanti questa politica dell’ascolto nei confronti del territorio e il territorio a sua volta sta rispondendo bene: certamente emergeranno delle buone idee» aggiunge l’ingegnere.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 min
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
1 ora
Servizi culturali, pubblicato il nuovo bando per la Direzione
Locarno cerca una figura “in grado di ridisegnare coerentemente e in maniera funzionale ed efficace la struttura”, ed elaborarne la gestione ideale
Locarnese
1 ora
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
2 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
Mendrisiotto
2 ore
‘Le fermate Ffs di Mendrisio sono di serie B?’
Il Centro lo chiede al Municipio con un’interpellanza dopo che da mesi gli ascensori della stazione di San Martino sono fuori uso
Locarnese
2 ore
Traffico e spaccio di cocaina nel Locarnese: inchiesta chiusa
L’inchiesta ha permesso di determinare un traffico di droga tra l’Italia, il Ticino e altri cantoni della Svizzera interna
Bellinzonese
3 ore
Prato Leventina, campo da calcio distrutto: è denuncia
Lo ha fatto sapere il municipale Sergio Sartore dopo il grave atto di vandalismo avvenuto fra venerdì e sabato: “Mi piange il cuore”
Ticino
6 ore
Cadono le foglie, a Novaggio e Airolo cresce il Pedibus
Nate due nuove linee dell’iniziativa che incentiva la trasferta casa-scuola a piedi di bambini accompagnati e in compagnia
Locarnese
8 ore
Pila: ‘Niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’
A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
8 ore
Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt
L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
© Regiopress, All rights reserved