laRegione
02.02.22 - 15:08
Aggiornamento: 19:08

Riva San Vitale, sostegno cantonale per il comparto Fornaci

Il consiglio di Stato ha licenziato un messaggio che propone un contributo di oltre 1 milione di franchi a fondo perso

riva-san-vitale-sostegno-cantonale-per-il-comparto-fornaci
Ti-Press
Pronto a splendere di nuovo

Far rivivere il passato, restituendo alla cittadinanza gli elementi che hanno segnato la storia. Sono questi i propositi che hanno spinto il Comune di Riva San Vitale ad avviare un progetto per lo storico comparto Fornaci, in stato di degrado da diversi anni. Il messaggio municipale, con la richiesta di un credito di oltre 3 milioni per l’acquisto dei fondi e il restauro conservativo, è stato presentato lo scorso mese di marzo. La cifra è quindi di quelle importanti, ma un sostanzioso sostegno potrebbe arrivare dal Cantone. Nella sua seduta odierna il Consiglio di Stato ha infatti licenziato un messaggio che propone lo stanziamento di un contributo a fondo perso pari a 1’055’000 franchi per il progetto di recupero e rivitalizzazione del comparto. A questo si aggiunge anche un contributo di 320mila franchi garantito dalla legge sulla protezione dei beni culturali.

“Il progetto di recupero degli edifici storici protetti delle antiche fornaci di Riva San Vitale rappresenta un’occasione unica di valorizzazione di un comparto di rilevanza storico-culturale per l’intera regione”, si legge nella nota del Consiglio di Stato. “Il recupero dell’antica fornace vuole offrire in un’ottica moderna un luogo che in passato era stato caratterizzato dalla lavorazione industriale-artigianale del cotto, un materiale d’importanza storica non solo per il Mendrisiotto e Basso Ceresio, ma per tutto il Cantone”.

A curare il progetto è stato l’architetto Enrico Sassi. “Attraverso il recupero dell’antica fornace, dei forni, dell’atelier della ceramica e della casa dell’artista (ex casa Gorla), il progetto mira così a riconsegnare al pubblico, e soprattutto ai residenti di Riva San Vitale, un’importante testimonianza storico-culturale”, spiegano le autorità. “L’inserimento di laboratori per la lavorazione e la cottura di materiali in chiave contemporanea permetterà la creazione di offerte e attività per artisti e artigiani, permettendo al comparto di diventare un punto di riferimento artistico in Svizzera e all’estero”.

Il comparto prenderà il nome ‘Quartiere Antiche Fornaci’ e, nelle intenzioni dei suoi promotori “faciliterà lo sviluppo d’iniziative locali e di sinergie artistiche e culturali che contribuiranno a generare interessanti benefici in termini di nuove attività economiche, culturali e sociali, come pure di opportunità di lavoro e ricadute per l’intero territorio. La realizzazione del progetto permetterà, inoltre, di rafforzare l’offerta turistico-culturale della regione”.

Leggi anche:

Le antiche fornaci di Riva aprono ad arte e cultura

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
17 min
In Ticino la legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
2 ore
Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi
Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
2 ore
‘Polizia, la prossimità non va indebolita’
Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
5 ore
Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa
Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
5 ore
Nella Pregassona del poliziotto di quartiere
Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
5 ore
Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni
Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
11 ore
Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano
Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
13 ore
‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’
È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Gallery
Mendrisiotto
16 ore
Laveggio, i giorni passano e i problemi restano
Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
Ticino
17 ore
Nel 2050 obiettivo -90% di emissioni di CO² e consumi dimezzati
Il governo mette in consultazione il nuovo Piano energetico e climatico cantonale. Zali: ‘Allungare il passo, no a tasse e divieti. Sì agli incentivi’
© Regiopress, All rights reserved