laRegione
chiedo-scusa-per-il-mio-comportamento-poco-corretto
Ti-Press/Archivio
Il sacerdote è tornato a dire messa sabato e domenica scorsi
30.01.22 - 18:36
Aggiornamento: 31.01.22 - 11:59

‘Chiedo scusa per il mio comportamento poco corretto’

È tornato in servizio il parroco del Basso Mendrisiotto denunciato per presunte molestie in discoteca. Ai fedeli ha parlato di limiti umani e redenzione

«Chiedo scusa a tutti per il mio comportamento poco corretto, che può aver offeso qualcuno». È stato un ritorno in scena all’insegna delle scuse e dei ringraziamenti, quello del sacerdote denunciato a dicembre per presunte molestie nei confronti di una giovane donna. Come preannunciato nell’edizione del 29 gennaio, il vescovo Valerio Lazzeri ha infatti posto fine al periodo di ‘sospensione’ del prete, che durante questo fine settimana è tornato pertanto a dire messa nella propria Parrocchia del Basso Mendrisiotto. E proprio con la lettera inviata dal vescovo ai parrocchiani sono iniziate le funzioni di sabato e domenica. A leggerne il contenuto, un ospite d’onore: il vicario generale don Nicola Zanini. Una presenza, la sua, da leggersi verosimilmente come atto di vicinanza della Curia alla Parrocchia in questo «momento particolare», come detto da Zanini stesso.

‘Egli ha ammesso le sue responsabilità’

Nella lettera il vescovo ha evidenziato che il periodo di lontananza dalla Parrocchia ha permesso al sacerdote di approfondire l’accaduto, «anche tramite la preghiera». «Egli ha ammesso le sue responsabilità. Ha preso coscienza delle condizioni necessarie alla ripresa del ministero» ha aggiunto Zanini per conto di Lazzeri, spiegando che al sacerdote saranno forniti tutti gli «aiuti necessari affinché possa affrontare in maniera decisa quelle fragilità del suo carattere e della sua storia che gli hanno impedito di affrontare con il dovuto discernimento le particolari circostanze nelle quali si è trovato». Il vescovo ha poi precisato che non si intende far finta che nulla sia accaduto e che effettivamente il parroco non ha tenuto un comportamento irreprensibile, ma che d’altra parte – seppur le indagini siano ancora in corso – l’accaduto non sembra essere tale da precludere il rientro del don nelle sue funzioni. «Mi auguro che possa fare tesoro dell’esperienza vissuta e che questa gli dia in futuro una nuova consapevolezza», il monito finale del vescovo.

Di limiti umani e di redenzione

Don Zanini dal canto suo durante i propri interventi ha parlato di «parole (quelle di don Lazzeri, ndr) che ci danno conforto e speranza», ha ringraziato il prete che ha sostituito il sacerdote sospeso in queste settimane, come anche i parrocchiani «per come avete vissuto questo momento di sofferenza e dolore, senza pettegolezzi inutili». Le redini della Parrocchia sono quindi tornate in mano al don sotto inchiesta che, come detto, si è scusato con i fedeli. «Voglio chiedere scusa a tutti voi, per il dispiacere che vi ho provocato» ha detto il parroco, precisando però: «Non tutto ciò che si scrive sui giornali e su internet è la verità. Non possiamo considerare i mass-media quali fonti sicure di informazione. Ma allo stesso tempo voglio chiedere scusa personalmente per il mio comportamento poco corretto che può aver offeso qualcuno». Il sacerdote ha quindi ammesso delle mancanze, in particolare relative ai propri limiti. E quest’esperienza lo aiuterà a meglio riconoscere proprio i limiti umani che ha, ha aggiunto parlando della necessità di proseguire sulla «strada della redenzione alla quale siamo tutti chiamati» e sul cammino della salvezza eterna.

I fatti risalgono a dicembre

I fatti che hanno portato al centro delle cronache il prete risalgono, ricordiamo, allo scorso dicembre quando l’uomo si è recato in una discoteca del distretto assieme a un gruppo di amici. Lì, secondo delle testimonianze, avrebbe ecceduto con l’alcol arrivando a toccare il fondoschiena di una donna. Sul posto è intervenuta la polizia e la presunta vittima di palpeggiamenti in seguito lo ha denunciato appunto per molestie e l’inchiesta, ci hanno confermato ancora ieri dal Ministero pubblico, è tuttora in corso. L’episodio è avvenuto nella notte fra sabato e domenica e la messa domenicale non è stata celebrata dal parroco a causa, si sarebbe detto, di un incidente. Sempre secondo testimonianze raccolte dai presenti nel locale notturno, il don sarebbe stato colpito al volto e sarebbe stato accompagnato al pronto soccorso a causa della probabile rottura del setto nasale.

Sul reintegro ha pesato anche la stima dei parrocchiani

A un mese e mezzo dai fatti il sacerdote è apparso invece in forma nella Parrocchia che guida da circa due anni, «felice di riprendere il cammino iniziato assieme». Contento, e grato. Per le preghiere, per la stima espressagli dai parrocchiani in questo difficile periodo e «per la vicinanza fraterna e comprensione paterna» dimostrata dal vescovo. E proprio don Lazzeri, infine, ha sottolineato che a favore del reintegro del sacerdote sono apparse «non prive di rilevanza le numerose espressioni di sostegno e di apprezzamento (nei confronti del parroco, ndr) giunte nelle scorse settimane».

Leggi anche:

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
basso mendrisiotto don nicola zanini sacerdote vescovo valerio lazzeri
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
5 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
6 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
6 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
7 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
8 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
10 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Locarnese
13 ore
Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali
Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
Luganese
14 ore
Approvvigionamento energetico, Ail stoccano gas in Italia
Il Ticino è dipendente dalla disponibilità del Paese limitrofo, unica rete alla quale è collegato, a continuare a lasciar transitare gas verso la Svizzera
Locarnese
15 ore
Gordola, il percorso alternativo per le bici non si trova
Il Municipio risponde all’interpellanza che chiedeva un tracciato più sicuro in collina, in direzione diga della Verzasca. Proposta che non convince
© Regiopress, All rights reserved