laRegione
laR
 
29.01.22 - 05:30
Aggiornamento: 09:45

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Anche se l’inchiesta è ancora in corso, il vescovo Lazzeri ha ritenuto che ci sono i presupposti per il ritorno, nel fine settimana, in parrocchia

il-sacerdote-denunciato-torna-a-dire-messa
archivio Ti-Press

Dopo l’allontanamento voluto dal vescovo per tutelare la sua persona, il sacerdote del Basso Mendrisiotto denunciato per presunte molestie torna questo fine settimana a dire messa. La conferma arriva direttamente dalla Curia, sollecitata da ‘laRegione’. Voci in merito a questa decisione si rincorrono da tutta la settimana. L’ufficializzazione della decisione presa dal vescovo Valerio Lazzeri è stata comunicata giovedì sera al Consiglio parrocchiale. Insieme alla decisione del vescovo, i membri del Consiglio hanno ricevuto anche una lettera. La stessa verrà letta questa sera (in occasione della messa prefestiva) e durante le celebrazioni domenicali dal vicario generale don Nicola Zanini. Sarà proprio da questo scritto che i fedeli saranno informati nel dettaglio in merito alle motivazioni che hanno portato al reintegro del sacerdote, nonostante l’inchiesta avviata a seguito della denuncia non sia ancora terminata. Una conferma in merito ci è arrivata ancora ieri dal Ministero pubblico.

La serata in discoteca

I fatti, come forse si ricorderà, risalgono al mese di dicembre, quando il sacerdote si era recato in una discoteca del Distretto con una compagnia di amici con i quali aveva trascorso la serata, culminata con l’intervento della Polizia, sollecitata da alcuni avventori a seguito di presunti palpeggiamenti al fondoschiena di una donna. Quest’ultima ha presentato denuncia e l’inchiesta è come detto ancora in corso. Stando a quanto emerso dai racconti di quella sera – ancora oggetto di verifica da parte della Magistratura – intorno alle 3 del mattino alcuni clienti si sarebbero lamentati del prete, segnalando comportamenti disturbatori. L’uomo, sotto l’influsso di alcol, sarebbe stato quindi accompagnato alla porta dagli agenti di sicurezza. Alla polizia sono state segnalate presunte molestie, nella fattispecie palpeggiamenti al fondoschiena di una donna. Poche ore dopo i fatti il sacerdote non ha celebrato la messa della domenica. Un’assenza che sarebbe stata giustificata con un incidente. Dopo l’intervento della Polizia il parroco sarebbe stato accompagnato al pronto soccorso a causa di una probabile rottura del setto nasale. La testimonianza che avevamo raccolto a poche ore dai fatti parlava di un uomo finito a terra con il naso pieno di sangue dopo essere stato colpito.

Incontrato il Consiglio parrocchiale

Nelle scorse settimane il vescovo Lazzeri si è voluto incontrare con il Consiglio parrocchiale. Un incontro che ha testimoniato la vicinanza della comunità al sacerdote. Stando a nostre informazioni, alcuni cittadini avrebbero inviato delle lettere di sostegno per il parroco e per il suo operato svolto nel comune. Appelli a cui il vescovo ha dato seguito, ritenendo, spiega ancora il portavoce della Curia, che vi siano i presupposti per il rientro del sacerdote. Più fonti hanno riferito anche a ‘laRegione’ che, sin dall’arrivo nella comunità, poco più di due anni fa, il prete si sarebbe ben integrato, diventando benvoluto, anche tra i giovani. Resta da capire quale sarà la reazione della comunità al ritorno del sacerdote. Se, come visto, il parroco è ben voluto dai più, restano aperti diversi interrogativi sulla sua presenza in una discoteca e su quanto accaduto. Interrogativi che potranno verosimilmente trovare una spiegazione, totale o parziale, nell’annunciata missiva del vescovo.

Leggi anche:

Denunciato il parroco, ‘per ora non dirà Messa’

Prete nei guai per palpeggiamenti: non sarebbe un caso isolato

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
53 min
Il Cantone ricorre a Instagram per favorire il voto dei giovani
La campagna ‘Io faccio la mia parte’ si rivolge soprattutto alle fasce di elettori dai 18 ai 30 anni con un nuovo canale social e un sito rinnovato
Ticino
3 ore
Via la mascherina obbligatoria nelle strutture sociosanitarie
Le direttive del medico cantonale si trasformano in raccomandazioni. Stop anche ai dati settimanali su contagi, ospedalizzazioni e decessi legati al Covid
Locarnese
4 ore
Ascona-Locarno nella top 20 delle mete turistiche
A livello europeo le due località sul Verbano si contenderanno l’ambito riconoscimento attribuito da ‘EuropeanBestDestinations’ per il 2023
Bellinzonese
5 ore
Decolla quest’anno la Via Francisca del Lucomagno
Pronto il tratto ticinese del percorso storico fra Costanza e Pavia: in primavera la posa della segnaletica fino a Ponte Tresa
Mendrisiotto
5 ore
Dopo lo strappo di Cerutti, ‘nel Plr non faremo gli struzzi’
La mossa del municipale spiazza i vertici del partito a vari livelli. Speziali: ‘Deve essere un punto di ripartenza’
Luganese
7 ore
Convento Salita dei Frati: spazi formativi firmati Mario Botta
Scaduta ieri la pubblicazione della domanda di costruzione per il restauro e l’edificazione di nuove aree (interrate) nel prezioso comparto seicentesco
Ticino
7 ore
Ragazze e scienza, ‘per scelte formative libere da pregiudizi’
Una serata gratuita promossa dal Cantone per contribuire ad abbattere gli ancora numerosi stereotipi di genere nel mondo scientifico e tecnico
Ticino
9 ore
Energia, il governo ai comuni: ‘La situazione è ancora tesa’
Il quadro attuale è ‘rassicurante’, ma il Consiglio di Stato invita sindaci e municipali a mantenere i provvedimenti che permettono di abbassare i consumi
Gallery
Bellinzonese
9 ore
Da cent’anni punto d’aggregazione di Faido: l’Osteria Marisa
Inizialmente screditata poiché ragazza madre, l’attività di Luigina Bellecini ha continuato a prosperare grazie alle future generazioni tutte al femminile
Locarno
17 ore
Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’
La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
© Regiopress, All rights reserved