laRegione
riva-san-vitale-beach-volley-ritirato-ma-sara-riproposto
Ti-Press
La partita non è conclusa
20.01.22 - 12:14
Aggiornamento : 15:21

Riva San Vitale, beach volley ritirato ma sarà riproposto

L’Esecutivo ha ritirato il discusso messaggio sul progetto al Lido comunale e stigmatizza le ‘pressioni esterne’. Ridotto il moltiplicatore all’80%

Partita ‘tesa’ ieri sera in Consiglio comunale a Riva San Vitale sul progetto di beach volley. L’Esecutivo proponeva di realizzare l’infrastruttura al Lido comunale con una spesa di 170mila franchi per conseguire “un miglioramento delle infrastrutture, degli spazi e delle proposte di utilizzazione al lido comunale”. Un progetto oggetto di critiche avanzate da un gruppo di cittadini che contestavano – in estrema sintesi – la troppa vicinanza del desiderato campo di beach volley alle abitazioni pena, dunque, la rinuncia alla quiete, specie perché nel pacchetto era incluso pure una mescita e “infrastrutture multimediali a scopo ricreativo”. Risultato? Il Municipio ha ritirato il messaggio municipale. Ma il ‘match’ prosegue. Già, perché il Municipio è pronto a ripresentare il messaggio municipale.

‘L’Esecutivo si augura che la nuova proposta venga supportata dalla domanda di costruzione’

In un comunicato diramato stamane agli organi di stampa, il Municipio spiega: “L’Esecutivo dopo aver valutato attentamente i contenuti dei rapporti Commissionali che, anche se con modalità e osservazioni differenti, sottolineano l’interesse verso questo progetto legittimando il Municipio nel prosieguo della sistemazione dell’area Lido, ha deciso di ritirare il messaggio municipale riguardante la richiesta di credito di fr. 170’000 per la sistemazione del Lido comunale (I pacchetto). Con questo gesto si è voluto sottolineare che il tema sarà riproposto a breve termine confermando il fermo interesse a ristrutturare questa importante area ricreativa e di pregio ampliando le infrastrutture esistenti, a favore di tutte le fasce d’età della popolazione di Riva San Vitale e di tutta la regione. Nonostante le pressioni esterne (mediatiche e personali) e le informazioni fuorvianti che hanno coinvolto Municipio, Consiglio comunale e alcuni cittadini su questo tema un credito complessivo per tutta l’area sarà successivamente riproposto al Legislativo”. Si legge inoltre nella nota stampa: “L’Esecutivo si augura che la nuova proposta venga supportata dalla domanda di costruzione, che allo stato attuale ha esaurito l’iter di pubblicazione e che proseguirà nel consueto percorso legislativo finalizzato all’ottenimento della licenza edilizia per il miglioramento delle infrastrutture (ampliamento pergola, formazione campo da beach volley, posa prefabbricato adibito a supporto mescita)”.

È invece stata accolta la proposta di ridurre il carico fiscale. Il Consiglio comunale di Riva San Vitale ha infatti dato la propria approvazione al preventivo 2022 e a larga maggioranza ha accolto la proposta della Commissione della gestione di fissare il moltiplicatore comunale all’80% per l’anno 2022 abbassando così di 5 punti il tasso attuale proposto dal Municipio. “Dal Legislativo sono anche giunti interessanti stimoli a proseguire negli importanti investimenti a favore della popolazione”. Altri messaggi municipali hanno trovato luce verde. Unanime sostegno da parte del Consiglio comunale allo stanziamento del credito per gli interventi selvicolturali a protezione dell’abitato di Riva San Vitale (969mila 864 franchi), all’allargamento del tracciato stradale di via Lümaghera (713mila franchi) e allo scioglimento di due legati riguardanti la casa materna.

Leggi anche:

Beach volley sotto casa, è polemica a Riva S.Vitale

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
beach volley progetto riva san vitale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Incidente con un ferito a Bioggio
Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
1 ora
In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano
Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
7 ore
Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna
I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
7 ore
Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’
La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
12 ore
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
12 ore
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
13 ore
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
13 ore
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
13 ore
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
20 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
© Regiopress, All rights reserved