laRegione
foxtown-l-ampliamento-del-factory-stores-affidato-a-botta
Lo schizzo di Botta
19.01.22 - 11:55
Aggiornamento : 18:59

Foxtown, l’ampliamento del Factory Stores affidato a Botta

La nuova ala a Mendrisio sarà eseguita secondo criteri di ‘sostenibilità e riuso creativo di materiali naturali’

La mano dell’architetto Mario Botta disegnerà l’allestimento interno della nuova ala del Factory Stores di Mendrisio. Un importante progetto di valorizzazione che porrà al centro la sostenibilità e il riuso creativo di materiali naturali. Per la progettazione della nuova ala di FoxTown, il famoso Factory Stores di Mendrisio, l’imprenditore Silvio Tarchini ha voluto al suo fianco l’archistar Mario Botta. Il sodalizio tra le due personalità ticinesi – attestato già dalla realizzazione della Residenza Cittadella (Lugano) e della Residenza Martina (Riva San Vitale) – si rinnova, si legge in un comunicato stampa, “forte del profondo legame con il territorio di nascita e appartenenza, della comune spinta innovatrice e visione del futuro”.

L’inaugurazione a marzo 2022

Il nuovo corpo del FoxTown, che sarà inaugurato ufficialmente a marzo 2022, nascerà dalla valorizzazione di un edificio già esistente situato accanto alla stazione di Mendrisio San Martino. “Il recupero sarà l’urbanistica del futuro”, è quanto afferma l’architetto Botta secondo cui “la direzione generale nel nostro settore non sarà più quella di ampliare ulteriormente il territorio urbanizzato ma sarà quella di costruire sul già costruito. È un diktat dettato da una maggiore consapevolezza della fragilità degli equilibri e da una crescente sensibilità verso il territorio e il passato”.

Il tema del riuso sarà centrale anche nell’allestimento interno realizzato con il legname proveniente dalla tempesta Vaia abbattutasi nel nord-est italiano nell’ottobre del 2018: “A una materia prima già di per sé riciclabile, abbiamo dato un significato etico e di vita. Abbiamo recuperato un elemento che altrimenti sarebbe andato distrutto, per dargli un valore aggiunto, sia da un punto di vista ecologico sia da un punto di vista etico” ha dichiarato Botta.
L’ampliamento avrà un’immagine al passo con i tempi e parlerà di una nuova e diffusa sensibilità legata alla sostenibilità. La struttura sarà accogliente, funzionale ed espressiva: “Il risultato sarà molto suggestivo, molto eloquente e anche un po’ controcorrente perché avrà un’identità locale data anche dall’uso del legno Vaia”.
L’ambizioso progetto a cui Tarchini sta lavorando da tempo prevede un collegamento diretto con la stazione ferroviaria di Mendrisio San Martino con l’obiettivo di incentivare l’uso di mezzi pubblici per contenere le problematiche legate al traffico, alla viabilità e all’inquinamento. Attraverso una passerella coperta, la clientela potrà accedere comodamente dalla ferrovia a FoxTown.
L’impegno nei confronti dell’ambiente trova concreta espressione anche nei consumi e in investimenti in tecnologie green. Come dichiara Tarchini “stiamo realizzando il secondo impianto fotovoltaico sul tetto del FoxTown. Entro marzo 2022 saremo in grado di alimentare il centro commerciale per il 98% con l’energia prodotta dai pannelli solari. Inoltre, a partire da ottobre 2022, sarà attiva una centrale di riscaldamento alimentata a cippato, combustibile naturale ricavato dagli scarti di legna di cui il Ticino ha una sovrapproduzione. Utilizzeremo il cippato per riscaldare gli oltre 70mila metri quadrati di superficie del Factory Stores e alcune aziende vicine. Questi interventi ci permettono di non ricorrere a combustibili fossili e di risparmiare l’emissione nell’aria di un milione di chili di CO2 annui”.
Accanto agli attuali 160 store dedicati al mondo del lusso, del fashion, dello sport e degli accessori per la casa, l’apertura di ulteriori 40 negozi si tradurrà in nuove opportunità di lavoro e in una impareggiabile offerta commerciale per tutti i clienti del Factory Stores, si legge ancora nel comunicato stampa.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ampliamento botta foxtown mendrisio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Coronavirus, calano contagi e ospedalizzati in Ticino
Segnalati 50 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 37 persone ricoverate. Era da novembre che non si registravano dati così bassi
Ticino
7 ore
Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi
La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
7 ore
‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’
L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Bellinzonese
14 ore
Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita
È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Locarnese
17 ore
Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’
Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
Bellinzonese
18 ore
Altro passo avanti per il nuovo quartiere Officine di Bellinzona
La documentazione relativa alla variante di Piano regolatore sarà consultabile dal 30 maggio al 28 giugno al Dicastero territorio e mobilità di Sementina
Ticino
18 ore
‘Che anche i docenti sopra il 50% possano diventare deputati’
Lo chiede un’iniziativa elaborata dell’Mps. Movimento che inoltre lunedì in Gran Consiglio presenterà 5 emendamenti per aiuti allo studio fino ai 60 anni
Luganese
18 ore
Polizia del Vedeggio: il clima si fa più teso
Cresce il malumore all’interno del Corpo dopo l’inchiesta amministrativa. E il vicecomandante, sospeso, ricorre al Consiglio di Stato
Ticino
18 ore
Imposte di circolazione: Ppd, Lega e Udc tirano dritto e firmano
In Gestione accelerata sulla riduzione del balzello chiesta dai popolari democratici. Gli altri partiti: una forzatura, mancano le risposte del governo
Luganese
18 ore
Lugano, ‘inaccettabile la variante per Villa Favorita’
Non piace la promenade, che invece di essere a lago si snoderebbe accanto alle strade esistenti a monte. Inoltrate a Palazzo civico le osservazioni
© Regiopress, All rights reserved