laRegione
ferrovia-monte-generoso-rifatte-le-stazioni-intermedie
laR
 
15.01.22 - 05:30

Ferrovia Monte Generoso: rifatte le stazioni intermedie

Proseguono alacremente i lavori di ristrutturazione, fra imprevisti meteo e pandemia. Intervista al direttore del cantiere Pietro Brenni.

Procedono con un buon ritmo i lavori di rifacimento della ferrovia del Monte Generoso, entrati ormai nel vivo della terza fase. Tra «sorprese positive e negative» – come ci dice il direttore dei lavori Pietro Brenni –, il cantiere, avviato a novembre 2019, prosegue e dovrebbe raggiungere alla fine dell’inverno uno stato d’avanzamento importante, di modo da poter terminare la ristrutturazione nel marzo 2023, come da programma.

Emergenza Covid: fattore negativo e positivo

Ingegner Brenni, a che punto siamo? «A buon punto. La terza fase è iniziata con un imprevisto: abbiamo tentato di attaccare la tratta più elevata (tra la stazione di Bellavista e la vetta, ndr), però le condizioni meteorologiche a fine novembre erano sfavorevoli e quindi siamo scesi e stiamo realizzando la stazione di San Nicolao e la tratta che da lì scende fino a Capolago. Poi il tempo è cambiato e con il senno di poi si sarebbe potuto rimanere su. Ciononostante siamo soddisfatti perché i lavori procedono secondo i tempi prestabiliti, anche perché alcune sorprese negative si sono rivelate allo stesso tempo positive». A cosa allude? «All’emergenza Covid. Da un lato ci ha fatti inizialmente procedere con prudenza, ma dall’altro il primo lockdown ha ritardato l’apertura di esercizio al maggio 2020 e questo ci ha permesso di continuare i lavori per metà primavera, favorendoci. Così abbiamo terminato la seconda fase con oltre il 50% del lavoro già svolto e stiamo quindi rispettando la tabella di marcia».

Materiale molto usurato

Tabella di marcia che per la bella stagione dell’anno prossimo dovrebbe permettere al trenino blu e arancione di portare in vetta i numerosi turisti che amano il monte. Lavori che sono stati decisi nel 2014 perché, come spiega Brenni, l’infrastruttura ferroviaria necessitava di importanti interventi. E d’altra parte, era anziana: rotaie, traverse, cremagliera, non erano stati sostituiti dal 1890, ossia dall’anno di fondazione. «Il materiale era molto usurato, quindi la Ferrovia Monte Generoso ci ha incaricati di elaborare un progetto di sostituzione della sovrastruttura ferroviaria. Abbiamo suddiviso i lavori in quattro fasi, da metà novembre a metà marzo per non perturbare la stagione turistica, lungo le tre tratte di tre chilometri ciascuna: Capolago-San Nicolao, San Nicolao-Bellavista, Bellavista-vetta».

‘La complicazione è soprattutto logistica’

Un cantiere complesso: sebbene il tragitto non sia particolarmente lungo, a tratte scoscese se ne alternano altre molto rocciose, e poi vi è naturalmente il fattore pendenza. «La complicazione dell’opera è soprattutto logistica – spiega il direttore –. I trasporti di materiale vengono fatti prevalentemente via treno». E di materiale da trasportare ce n’è parecchio. «Ci sono 1’400 tonnellate d’acciaio che vengono rimosse (fra rotaie, traverse e cremagliera, ndr), sostituite da 2’000 tonnellate di nuovo materiale d’acciaio». Seicento in più? «Sì, la nuova ferrovia è stata pensata in funzione di una possibile evoluzione dell’infrastruttura ferroviaria, se ad esempio i convogli futuri saranno più lunghi o pesanti di quelli attuali il materiale dovrà essere in grado di sopportarli. Per questo le nuove rotaie e la nuova cremagliera sono un po’ sovradimensionati. Vengono poi sostituiti sette scambi, 13’500 traverse. E poi c’è la massicciata (la ghiaia che si trova fra le traverse, ndr), anche questa parzialmente sostituita: 8’000 metri cubi di materiale portati a valle e altrettanti riposizionati».

A settembre riapre dopo nove anni il buffet a Bellavista

Cifre impressionanti, ma il rinnovo non si ferma qui. «L’anno scorso abbiamo ristrutturato la stazione intermedia di Bellavista, quest’anno quella di San Nicolao. Sono stati realizzati i marciapiedi, dotati di illuminazione e di equipaggiamenti per ipovedenti, di modo da favorire la sicurezza, la mobilità e la comodità dei passeggeri». «Quando il 2 aprile, Covid permettendo, la ferrovia riaprirà al pubblico, si sentirà veramente la differenza tra le tratte già ristrutturate e quelle ancora da rimettere a nuovo il prossimo inverno» ci dice dal canto suo Viviana Carfi. La responsabile media della Ferrovia Monte Generoso Sa aggiunge poi che «a settembre ci sarà l’inaugurazione del buffet di Bellavista, chiuso dal 2013».

Splendori della Belle Èpoque

Dietro il rilancio di una delle più antiche ferrovie a cremagliera in Svizzera, nonché l’unica in Ticino, c’è la Migros, che dagli anni Quaranta è proprietaria della società. Ma la storia dell’infrastruttura è ben più antica e deve la propria esistenza a un illustre antenato di Mendrisio, il dotto Carlo Pasta. «Il dottore aveva fondato ancora nel 1867 il Grand Hotel Bellavista, dove oggi sorge l’osteria Le Peonie – racconta Carfi –. Per alcuni decenni l’albergo è stato raggiungibile solo a piedi o a dorso di mulo: la prima locomotiva a vapore è del 4 giugno 1890. Il Grand Hotel è stato quindi collegato alla stazione Bellavista con dei binari, solcati da carretti trainati da cavalli che trasportavano l’agiata clientela della Belle Èpoque». Alla fine degli anni Trenta in Europa soffiano venti di guerra e il turismo entra in crisi. La ferrovia cessa le sue attività e si pensa persino di smantellarla per ricavarne il ferro, materia prima preziosa in periodi bellici.

In futuro sostituiti anche i treni

«Fu Gottlieb Duttweiler (fondatore della Migros, ndr) di fatto a salvarla – sottolinea Carfi –, ridandole una seconda vita corrispondente al periodo del boom economico del Dopoguerra». In quei decenni si sono susseguiti i treni a Diesel e poi quelli a trazione elettrica, in uso dagli anni Ottanta, sebbene durante la stagione estiva viaggi ancora saltuariamente anche uno storico convoglio a vapore. E proprio i treni potrebbero il prossimo grande investimento, dopo i 25 milioni circa per la ristrutturazione e gli altrettanti per il Fiore di pietra inaugurato in vetta nel 2017: «Sebbene non sia ancora stato deciso quando, nei prossimi anni verranno sostituiti anche i treni. Siamo testimoni di un momento storico molto importante».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ferrovia monte generoso monte generoso pietro brenni viviana carfi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
7 ore
Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno
Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Ticino
8 ore
Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza
Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Luganese
9 ore
Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato
Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Bellinzonese
13 ore
Giubiasco, tutto pronto per tornare all’asilo dopo il nubifragio
Poco più di un anno fa la Scuola dell’infanzia Palasio era stata invasa da acqua e fango. Lavori di ripristino conclusi in tempo e preventivo rispettato
Locarnese
13 ore
Uno spazio pubblico multifunzionale per Solduno
Area per manifestazioni e un autosilo. In pubblicazione il Piano particolareggiato; seguirà il concorso architettonico
Bellinzonese
13 ore
Il Municipio di Giornico dice sì all’aggregazione con Bodio
A maggioranza l’esecutivo ha deciso di portare avanti una fusione ridotta rispetto al progetto Sassi Grossi abbandonato. Si attende la conferma di Bodio
Luganese
13 ore
Mai più sola, nuova associazione contro la violenza sulle donne
La presidente Deborah Magagna ci racconta il progetto di sostegno per le vittime. In programma un numero d’emergenza e sportelli nei Comuni
Locarnese
16 ore
Smottamento in Gambarogno: chiusa la strada per Indemini
Nottata tutto sommato tranquilla malgrado le forti precipitazioni. Ma una frana crea qualche disagio fra i Monti di Fosano e l’Alpe di Neggia
Locarnese
19 ore
Cevio: Esecutivo richiamato dalla Sel; forse si va al Tram
L’autorità di vigilanza chiede spiegazioni al Municipio sul volantino pre-referendum. Mattei annuncia il ricorso al Tribunale amministrativo
Ticino
19 ore
‘Inutile e dannoso’, no dei benzinai al contratto collettivo
Diverse opposizioni alla modifica che introdurrebbe salari minimi per i dipendenti. Centonze: ‘in Ticino c’è già la Legge sul salario minimo’
© Regiopress, All rights reserved