laRegione
chiasso-una-copertura-mobile-per-365-giorni-di-nuoto
archivio Ti-Press
Com’è e, nel riquadro, come potrebbe diventare
laR
 
17.01.22 - 05:30
Aggiornamento : 18.01.22 - 14:11

Chiasso, una copertura mobile per 365 giorni di nuoto

La garanzia del pallone sta per scadere. Il consigliere comunale Claudio Schneeberger presenta al Municipio un’ipotesi di lavoro per la piscina

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

È una delle offerte sportive che caratterizza la cittadina di Chiasso. Il nuoto invernale sotto al pallone pressostatico alla piscina comunale ha conquistato diversi appassionati nel corso degli anni. Ma quale sarà il futuro di questa struttura? La garanzia decennale del pallone termina con la stagione in corso e la struttura è già stata oggetto di alcuni interventi di manutenzione. Il futuro del pallone, e quindi del nuoto invernale, dovrà giocoforza essere discusso in tempi brevi. A forse facilitare il compito del Municipio di Chiasso potrebbe arrivare una soluzione di cui si è fatto promotore il consigliere comunale, e attuale primo cittadino, Claudio Schneeberger (Lega). Quello che presenterà all’esecutivo nei prossimi giorni è un progetto innovativo che metterebbe a disposizione della cittadina, e non solo, una struttura utilizzabile 365 giorni all’anno. «La piscina di Chiasso è una struttura a valenza regionale e la vasca olimpionica di Chiasso è l’unica del Distretto a poter ospitare delle gare – premette Schneeberger –. Dopo il ‘no’ incassato da Mendrisio per il progetto della piscina 50 metri, tramite alcune conoscenze che lavorano nel settore, mi sono informato per cercare delle soluzioni». L’idea di partenza è stata quella della copertura degli stadi o un sistema di scorrimento come quello dei campi da tennis di Wimbledon. La soluzione che verrà presentata «è già stata praticata: si tratta di una struttura leggera flessibile. Una copertura, che verrebbe posizionata nella zona del manufatto degli spogliatoi e che permetterebbe di essere aperta e chiusa immediatamente, permettendo quindi di utilizzare la piscina anche durante le giornate di brutto tempo in estate».

Fattibilità anche a livello energetico

Stando alle valutazioni effettuate da specialisti del settore, «la struttura si può creare». A mente di Claudio Schneeberger «il Municipio di Chiasso o il nuovo Ente regionale per lo sport, la cui partecipazione è auspicata trattandosi di una struttura a valenza regionale, dovrebbero commissionare uno studio specifico di fattibilità a uno studio di ingegneria per arrivare a stabilire tempistiche, dimensioni e costi». Costi che possono essere stimati in alcuni milioni di franchi. L’idea del promotore è quella di «coprire a la piscina olimpionica, come adesso col pallone, inserendo anche la tribuna per potere utilizzare anche quello spazio come zona relax». In un’eventuale seconda fase una copertura analoga potrebbe essere ipotizzata anche per la piscina quadrata, «che potrebbe essere usata anche per i vari sport in acqua». I mancati incassi della piscina, sia per la stagione estiva che per quella invernale, finiscono praticamente sempre tra le osservazioni dei commissari della Gestione durante l’esame dei conti consuntivi. «I mancati introiti per maltempo o guasti tecnici pesano. Con questa copertura andremmo anche a risolvere il problema degli alti consumi e spese di gestione del pallone, piuttosto onerosi ogni anno». Nella struttura potranno inoltre essere introdotti pannelli fotovoltaici. «Sarà una struttura in vetro che, grazie ai benefici dell’insolazione anche invernale, porterà ad avere quasi un riscaldamento naturale – aggiunge il consigliere comunale –. E se verrà collegato anche il teleriscaldamento, come sarebbe in previsione, potremmo avere una struttura a impatto zero, un fiore all’occhiello in ambito energetico».

E se partecipasse anche Lugano?

Per Claudio Schneeberger poter offrire una piscina coperta «è positivo. Non bisogna pensare solo ai cosiddetti ‘quattro nuotatori della domenica’ che usufruiscono dello stabilimento». La piscina di Chiasso «viene utilizzata anche da compagini estere per i loro allenamenti e le recenti premiazioni sportive hanno dimostrato ancora una volta che a Chiasso abbiamo delle campionesse che potrebbero continuare ad allenarsi in una struttura sempre disponibile». La citata zona relax, inoltre, renderebbe la piscina «più attrattiva anche a livello familiare, con due zone distinte come al lido di Locarno». Quello auspicato è insomma «un investimento che va fatto perché sarebbe molto più duraturo. Si potrebbe anche pensare di effettuare uno studio unito con Lugano dato che più di un decennio fa le due città avevano pensato al pallone insieme».

In ottica aggregativa

Nel Basso Mendrisiotto è stata come noto rilanciata la discussione per un’aggregazione. «Il bacino d’utenza della piscina si allargherebbe e tutti i 23mila cittadini del Basso Mendrisiotto potrebbero usufruire di una struttura, così come pensata, fiore all’occhiello». Claudio Schneeberger non ha dubbi. «Si è parlato tanto di sogni e progetti nel cassetto, come lo spostamento dell’autostrada o la riqualifica del Faloppia – conclude –. Concentriamoci su progetti per creare qualcosa di bello: per gli anni in cui è stata costruita, la piscina è una struttura pensata su una superficie ampia e con un grande prato che viene sfruttato poco. Dopo tutti questi anni, l’intera area una riqualifica se la può anche meritare».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
claudio schneeberger copertura pallone piscina
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Incidente con un ferito a Bioggio
Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
2 ore
In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano
Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
7 ore
Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna
I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
7 ore
Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’
La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
12 ore
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
12 ore
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
13 ore
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
13 ore
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
13 ore
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
21 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
© Regiopress, All rights reserved