laRegione
per-india-e-famiglia-in-campo-azione-cattolica-e-caritas
Ti-Press/Archivio
Dieci anni di attesa
12.01.22 - 17:41
Aggiornamento : 18:18

Per India e famiglia in campo Azione cattolica e Caritas

Dopo che si è mosso il vescovo Valerio Lazzeri, cresce il fronte nel mondo cattolico contro il rimpatrio della giovane, del fratello e della madre

Si rafforza il fronte del mondo cattolico contro il rimpatrio forzato in Etiopia di India, del fratello Nurhusien e della mamma Munaja. Dopo la presa di posizione del vescovo Valerio Lazzeri, anche Azione cattolica e Caritas scendono in campo a sostegno dell’appello della Fondazione Azione posti liberi, rivolto alle autorità cantonali e federali affinché alla famiglia sia accordato il permesso di dimora per casi di rigore.

‘A loro vogliamo bene’

“India è una di noi – premette Azione cattolina nella sua nota –. Suo fratello Nur è uno di noi, come la loro mamma Munaja. Con noi hanno frequentato scuole, amicizie, sport, tempo libero. Noi a loro vogliamo bene. Dieci anni di attesa, indipendentemente dai motivi che ne hanno prolungato i tempi, sono motivo sufficiente per approvare al più presto la domanda di asilo. A questo si aggiunge l’oggettiva condizione nella quale si trovano India e i suoi familiari: senza documenti, sono di fatto apolidi, senza patria. Il loro paese di origine, l’Etiopia, non è più il loro paese.
Decidere un rimpatrio forzato in una regione dove la violenza dilaga contro la popolazione civile, diventerebbe un atto di crudeltà. Ci auguriamo – con le parole del vescovo Valerio Lazzeri – che a tutti coloro che si trovano a vivere circostanze altrettanto drammatiche, vengano assicurate assistenza e accoglienza adeguate”.

‘È giusto e nell’interesse di tutti’

Dello stesso tenore la presa di posizione di Caritas Ticino, che “è vicina al vescovo Valerio nel sostegno e nella condivisione dell’appello urgente per la situazione della ragazza India e della sua famiglia. La Svizzera si è enormemente impegnata per ridurre la durata delle procedure di asilo, cosciente del fatto che più dura la permanenza nel nostro paese, più è difficile che una persona rientri nel suo o che si trasferisca altrove, ma anche che, più dura la procedura d’asilo, più si spreca del tempo per l’integrazione nel nostro paese. Questo e altri casi simili dimostrano però che qualcosa non funziona ancora. In questi casi se non è possibile trovare una soluzione di sistema, occorre allora trovare delle soluzioni umanitarie caso per caso, che evitino decisioni stridenti e insopportabili, crediamo, per ogni svizzero e per ogni essere umano. Quali che siano le ragioni che hanno portato a una procedura così lunga, non può esistere una legge che obblighi a rinviare in patria, o anche solo a mantenere nel limbo dell’incertezza, una ragazza che per dieci anni, ha frequentato, e per di più con successo, una nostra scuola. Siamo certi che l’Ufficio delle migrazioni e la Sem e i loro referenti politici sapranno farlo, utilizzando gli strumenti che la legge mette a disposizione. È giusto ed è nell’interesse di tutti”.

Leggi anche:

Rischia il rimpatrio forzato in Etiopia, appello per India

Appello ai vertici del Paese per India. Il vescovo aderisce

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
azione cattolica caritas etiopia india valerio lazzeri
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Se Cenerentola avesse avuto a disposizione un’app
Passa da una ‘prova’ virtuale, per permetterne l’acquisto perfetto, l’applicazione ideata per Bally, noto brand di lusso svizzero
Mendrisiotto
1 ora
‘In futuro Chiasso saprà far valere le sue potenzialità’
Quattro chiacchiere con Francesca Cola Colombo, dallo scorso mese di maggio responsabile marketing della cittadina di confine
Ticino
11 ore
Pattugliamento congiunto a Como e Cernobbio
Nei giorni scorsi servizio ‘misto’ Carabinieri italiani e Polizia cantonale. L’iniziativa rientra nell’accordo fra i due Paesi
Ticino
11 ore
Crisi idrica, in Lombardia giro di rubinetto
Emergenza siccità, il presidente della Regione Attilio Fontana firma decreto per un uso parsimonioso dell’acqua
Bellinzonese
12 ore
Riviera, parcheggi selvaggi e come combatterli
Il Comune in estate è preso d‘assalto dai canyonisti, talvolta poco rispettosi dell’ordine pubblico. Tarussio: ‘Individuate delle zone di sosta’
Ticino
13 ore
Ticinesi morti sul Susten: Norman Gobbi si unisce al cordoglio
Le due vittime erano membri dell’Associazione ticinese truppe motorizzate (Attm). Marco Bignasca, ex ufficiale auto: fra le società d’arma più attive
Luganese
14 ore
Pianta cade vicino al parco giochi di Melide, cause non chiare
Non si esclude che l’albero possa essere stato attaccato dal coleottero giapponese
Bellinzonese
17 ore
Bellinzona, auto in fiamme sull’A2 in direzione nord
Sul tratto di autostrada si sono formati un paio di chilometri di coda
Luganese
19 ore
Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’
L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
23 ore
Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’
Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
© Regiopress, All rights reserved