laRegione
12.01.22 - 17:41
Aggiornamento: 18:18

Per India e famiglia in campo Azione cattolica e Caritas

Dopo che si è mosso il vescovo Valerio Lazzeri, cresce il fronte nel mondo cattolico contro il rimpatrio della giovane, del fratello e della madre

per-india-e-famiglia-in-campo-azione-cattolica-e-caritas
Ti-Press/Archivio
Dieci anni di attesa

Si rafforza il fronte del mondo cattolico contro il rimpatrio forzato in Etiopia di India, del fratello Nurhusien e della mamma Munaja. Dopo la presa di posizione del vescovo Valerio Lazzeri, anche Azione cattolica e Caritas scendono in campo a sostegno dell’appello della Fondazione Azione posti liberi, rivolto alle autorità cantonali e federali affinché alla famiglia sia accordato il permesso di dimora per casi di rigore.

‘A loro vogliamo bene’

“India è una di noi – premette Azione cattolina nella sua nota –. Suo fratello Nur è uno di noi, come la loro mamma Munaja. Con noi hanno frequentato scuole, amicizie, sport, tempo libero. Noi a loro vogliamo bene. Dieci anni di attesa, indipendentemente dai motivi che ne hanno prolungato i tempi, sono motivo sufficiente per approvare al più presto la domanda di asilo. A questo si aggiunge l’oggettiva condizione nella quale si trovano India e i suoi familiari: senza documenti, sono di fatto apolidi, senza patria. Il loro paese di origine, l’Etiopia, non è più il loro paese.
Decidere un rimpatrio forzato in una regione dove la violenza dilaga contro la popolazione civile, diventerebbe un atto di crudeltà. Ci auguriamo – con le parole del vescovo Valerio Lazzeri – che a tutti coloro che si trovano a vivere circostanze altrettanto drammatiche, vengano assicurate assistenza e accoglienza adeguate”.

‘È giusto e nell’interesse di tutti’

Dello stesso tenore la presa di posizione di Caritas Ticino, che “è vicina al vescovo Valerio nel sostegno e nella condivisione dell’appello urgente per la situazione della ragazza India e della sua famiglia. La Svizzera si è enormemente impegnata per ridurre la durata delle procedure di asilo, cosciente del fatto che più dura la permanenza nel nostro paese, più è difficile che una persona rientri nel suo o che si trasferisca altrove, ma anche che, più dura la procedura d’asilo, più si spreca del tempo per l’integrazione nel nostro paese. Questo e altri casi simili dimostrano però che qualcosa non funziona ancora. In questi casi se non è possibile trovare una soluzione di sistema, occorre allora trovare delle soluzioni umanitarie caso per caso, che evitino decisioni stridenti e insopportabili, crediamo, per ogni svizzero e per ogni essere umano. Quali che siano le ragioni che hanno portato a una procedura così lunga, non può esistere una legge che obblighi a rinviare in patria, o anche solo a mantenere nel limbo dell’incertezza, una ragazza che per dieci anni, ha frequentato, e per di più con successo, una nostra scuola. Siamo certi che l’Ufficio delle migrazioni e la Sem e i loro referenti politici sapranno farlo, utilizzando gli strumenti che la legge mette a disposizione. È giusto ed è nell’interesse di tutti”.

Leggi anche:

Rischia il rimpatrio forzato in Etiopia, appello per India

Appello ai vertici del Paese per India. Il vescovo aderisce

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
Chiesa: ‘Poco sociali? Le nostre iniziative aiutano i cittadini’
Il presidente nazionale dell’Udc risponde alle critiche mosse da Claudio Zali, che ritiene Piero Marchesi e l’Udc interessati al suo seggio
Mendrisiotto
4 ore
Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale
Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane
Ticino
7 ore
Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese
È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Locarnese
8 ore
‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai
Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
Luganese
11 ore
La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara
Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Bellinzonese
16 ore
Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2
Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Gallery
Locarnese
1 gior
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
1 gior
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
1 gior
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
© Regiopress, All rights reserved