laRegione
09.01.22 - 15:09
Aggiornamento: 18:34

Appello ai vertici del Paese per India. Il vescovo aderisce

Personalità, politici e cittadini firmano la lettera aperta della Fondazione Azione posti liberi

appello-ai-vertici-del-paese-per-india-il-vescovo-aderisce
Ti-Press
Qui serve un permesso di dimora per casi di rigore

L’appello per India non è rimasto inascoltato. In molti hanno risposto, infatti, alle parole accorate dell’ex docente della giovane etiope da dieci anni in Ticino con la madre Munaja e il fratello Nur. La famiglia, che oggi vive a Morbio Inferiore, rischia, in effetti, un rimpatrio forzato. Una eventualità che un lungo elenco di personalità, politici e cittadini ticinesi stanno cercando di scongiurare. In questi giorni è stata resa pubblica una lettera aperta della Fondazione Azione posti liberi indirizzata direttamente al presidente della Confederazione Ignazio Cassis, al consigliere di Stato Raffaele De Rosa e al vescovo Valerio Lazzeri, il quale ha reagito subito alla richiesta.

La risposta del vescovo

In una nota monsignor Lazzeri, e con lui la Chiesa che è a Lugano, ha espresso “il suo sostegno all’appello urgente promosso dalla Fondazione Azione Posti Liberi” in merito al caso di India. Il vescovo “auspica che le autorità competenti, facendo prevalere la necessità di proteggere l’integrità e la dignità dei più deboli, trovino il modo di assicurare a queste persone in difficoltà, e a tutti coloro che si trovano a vivere circostanze altrettanto drammatiche, l’assistenza e l’accoglienza, che, non solo rispondono a un’esigenza evangelica, ma appartengono alla parte migliore della nostra tradizione culturale nazionale”. Parole importanti che danno forza a una vera e propria mobilitazione sulla scia dell’iniziativa spontanea della prof della giovane, Dania Tropea.

Sin qui i tentativi dell’insegnante e delle sue ex compagne della IV media di Morbio – inclusa una petizione sottoscritta da oltre 2mila persone e consegnata a mano a Berna – per assicurare alla ragazza e ai suoi cari una vita ‘normale’ e regolare sono stati vani. Anche l’istanza per riconoscere al nucleo familiare lo stato di apolide è stata rigettata in novembre. A quel punto si è deciso di lanciarsi in questa nuova iniziativa, che rappresenta un po’ per tutti l’ultima spiaggia per ottenere la possibilità di restare. Oggi, di fatto, si richiama nell’appello della Fondazione, “India vive, ma non esiste”. Allieva ora del Centro professionale commerciale di Chiasso, la diciannovenne è considerata “un’alunna impegnata e solare”. E la sua famiglia “integrata” oltre che “straordinariamente resiliente e amabile”.

‘Ridiamo umanità’

La realtà è che “dopo svariati anni in un limbo, una non-vita di attesa, di incertezza, una donna sola con i propri figli avrebbe dovuto bloccare la sua esistenza in modalità stand-by e ora dovrebbe tornare in una nazione, che non la riconosce come cittadina e in cui sarebbe totalmente sradicata, alla mercé di tutti i pericoli, gli incubi da cui coraggiosamente era fuggita per tentare di offrire ai propri figli una vita migliore. Dov’è la colpa di tutto ciò? Qual è la colpa di India, Munaja e Nur?”, si chiedono la Fondazione e i firmatari.

“Il nostro Paese, il nostro Cantone dunque – si conclude nell’appello pubblico –, ha i mezzi per ridare umanità a una situazione divenuta disumana: accordare il permesso di dimora, per caso di rigore, a India, alla sua mamma Munaja e a suo fratello Nurhusien. Dare loro la possibilità, finalmente, di cominciare davvero a vivere la vita, senza più nessuna paura. Un gesto nei loro confronti che si iscrive nella nostra Storia e renderebbe realtà il principio fondante che “la forza di un popolo si commisura al benessere dei più deboli dei suoi membri” (Preambolo della Costituzione della Confederazione Svizzera)”. Alle massime autorità, adesso, agire.

Leggi anche:

Rischia il rimpatrio forzato in Etiopia, appello per India

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Locarnese
8 ore
La Colonna Alpina di Soccorso ha una nuova casa
Cerimonia di inaugurazione stamane a Riazzino per la sede del Cas Locarno: il coronamento di un progetto nato nel 2020
Gallery
Ticino
8 ore
I Verdi liberali: ‘Almeno due deputati in Gran Consiglio’
Elezioni cantonali 2023, il Pvl Ticino presenta la lista per il governo e il programma. Parlamento, fiducioso l’ex presidente Mobiglia: è la volta buona
Mendrisiotto
17 ore
Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore
Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
17 ore
Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’
Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
17 ore
Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”
Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Mendrisiotto
1 gior
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
1 gior
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
1 gior
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
1 gior
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
1 gior
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
© Regiopress, All rights reserved