laRegione
corsia-per-i-tir-fermate-la-procedura
Ti-Press
Il Distretto resta in attesa di risposte
laR
 
04.01.22 - 05:10
Aggiornamento : 14:40

Corsia per i Tir: ‘Fermate la procedura’

La Commissione regionale dei trasporti torna alla carica con Ustra e alcune richieste. Imbucata una nuova lettera a Natale

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Una corsia ad hoc per i Tir nel Mendrisiotto? Il Consiglio di Stato (CdS) ne è all’oscuro. Per sua stessa ammissione, il governo ha appreso delle intenzioni dell’Ufficio federale delle strade (Ustra) dai media. In effetti, né il Cantone né il Dipartimento del territorio hanno “ricevuto delle indicazioni ufficiali sui propositi dell’Ustra”. Arduo, si lascia intendere, dare quindi delle risposte alle domande incalzanti di tre deputati Ppd della regione – Giorgio Fonio, Maurizio Agustoni e Luca Pagani –, che a fine novembre sollecitavano una presa di posizione ufficiale del CdS e soprattutto un appoggio al Distretto. A questo punto a Palazzo delle Orsoline “ci si attende da parte di Ustra una informazione ufficiale e completa su questo delicato tema”. Nondimeno, il governo si dice “preoccupato” al pari degli autori dell’interrogazione. Anche se, al momento, si annota, “non è dato sapere se quanto appreso sia il frutto di una ipotesi, di un progetto concreto o altro”. In realtà il dossier sulla creazione di una corsia per i mezzi pesanti in colonna verso Brogeda c’è, eccome. E già pianificato in tutti i suoi dettagli. A farlo presente in uno scritto indirizzato ancora di recente a due dipartimenti – Territorio e Istituzioni – è stata anche la Commissione regionale dei trasporti del Mendrisiotto e Basso Ceresio (Crtm); la quale, per prima, vorrebbe vedere anche dei rappresentanti del Cantone seduti al tavolo della discussione aperta in questi ultimi mesi con i progettisti federali.

Tre richieste per Ustra dalla Crtm

In effetti, questa è una delle tre richieste che la Crtm – dunque i Comuni del Mendrisiotto – ha affidato a una nuova missiva imbucata alla vigilia di Natale e inviata all’Ufficio federale delle strade. La lettera, di fatto, mette nero su bianco quanto scaturito a fine novembre dal primo incontro tra Ustra, la Commissione e i Comuni toccati dal progetto, ovvero Balerna, Coldrerio, Novazzano e Mendrisio. Si tratta degli stessi enti locali ai quali il settembre scorso è stato presentato l’intervento e che si sono sollevati alla sola idea di veder tracciare una zona di sosta lungo l’autostrada, tra l’area di servizio di Coldrerio e il viadotto di Bisio a Balerna. Per il Mendrisiotto, già alle prese con il potenziamento dell’A2, questo ulteriore intervento non s’ha da fare. Ma Berna è determinata a condurre in porto l’operazione da qui al 2028.

Veniamo, però, alle sollecitazioni della Crtm. Su cosa avete attirato l’attenzione?, domandiamo al presidente Andrea Rigamonti. «Innanzitutto – ci dice Rigamonti –, abbiamo rinnovato una richiesta già avanzata in precedenza, quella di sospendere la procedura legata alla corsia per i Tir – iter già in corso, ndr –. In secondo luogo abbiamo chiesto di trasmetterci la documentazione sugli studi relativi alla gestione del traffico ai quali si è fatta menzione nella riunione di novembre, ma che nessuno di noi ha potuto esaminare sinora. Per finire abbiamo posto l’accento sul coinvolgimento del governo cantonale. Adesso restiamo in attesa di una risposta».

‘Manca un tassello politico’

Da sviscerare, del resto, vi sono ancora diversi punti del progetto che prospetta una corsia fissa riservata ai camion. Agli occhi del presidente Rigamonti in partenza «manca un tassello a livello politico – ci fa notare –. Sul versante del Mendrisiotto, infatti, sono stati i Comuni a prendere la parola, ma quali interlocutori abbiamo dei tecnici. E questo è un tema sul quale vogliamo fare chiarezza tutti assieme». Come dire che il caso non è per nulla chiuso.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
corsia tir crtm mendrisiotto ustra
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
In Ticino nessun morto di Covid da quasi una settimana
L’ultimo decesso segnalato risale a martedi 17 maggio. Calano ancora i pazienti Covid e i contagi
Mendrisiotto
3 ore
I Comuni serrano i ranghi contro la corsia per i Tir sull’A2
Coldrerio convoca i vicini per definire una strategia congiunta. Lurati, Crtm: ‘Adesso serve un’azione di protesta’
Ticino
6 ore
Campeggi, nel 2021 il boom, ora il rientro nei ranghi
Dopo il milione e più di pernottamenti del 2021, la situazione dovrebbe tornare a livelli pre-pandemici. Patelli: ‘Inizio più che positivo’
Bellinzonese
6 ore
Strade e centri commerciali: cosa si è fatto e cosa manca
Sant’Antonino: il punto sulla viabilità dieci anni dopo la pianificazione che ha dimezzato l’area di vendita massima
Ticino
15 ore
Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo
Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Ticino
18 ore
Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero
Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
18 ore
È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc
Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Luganese
19 ore
Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno
Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Locarnese
20 ore
Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’
Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
20 ore
Molestie all’Unitas, assemblea tesa
Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
© Regiopress, All rights reserved