laRegione
laR
 
04.01.22 - 05:10
Aggiornamento: 14:40

Corsia per i Tir: ‘Fermate la procedura’

La Commissione regionale dei trasporti torna alla carica con Ustra e alcune richieste. Imbucata una nuova lettera a Natale

corsia-per-i-tir-fermate-la-procedura
Ti-Press
Il Distretto resta in attesa di risposte

Una corsia ad hoc per i Tir nel Mendrisiotto? Il Consiglio di Stato (CdS) ne è all’oscuro. Per sua stessa ammissione, il governo ha appreso delle intenzioni dell’Ufficio federale delle strade (Ustra) dai media. In effetti, né il Cantone né il Dipartimento del territorio hanno “ricevuto delle indicazioni ufficiali sui propositi dell’Ustra”. Arduo, si lascia intendere, dare quindi delle risposte alle domande incalzanti di tre deputati Ppd della regione – Giorgio Fonio, Maurizio Agustoni e Luca Pagani –, che a fine novembre sollecitavano una presa di posizione ufficiale del CdS e soprattutto un appoggio al Distretto. A questo punto a Palazzo delle Orsoline “ci si attende da parte di Ustra una informazione ufficiale e completa su questo delicato tema”. Nondimeno, il governo si dice “preoccupato” al pari degli autori dell’interrogazione. Anche se, al momento, si annota, “non è dato sapere se quanto appreso sia il frutto di una ipotesi, di un progetto concreto o altro”. In realtà il dossier sulla creazione di una corsia per i mezzi pesanti in colonna verso Brogeda c’è, eccome. E già pianificato in tutti i suoi dettagli. A farlo presente in uno scritto indirizzato ancora di recente a due dipartimenti – Territorio e Istituzioni – è stata anche la Commissione regionale dei trasporti del Mendrisiotto e Basso Ceresio (Crtm); la quale, per prima, vorrebbe vedere anche dei rappresentanti del Cantone seduti al tavolo della discussione aperta in questi ultimi mesi con i progettisti federali.

Tre richieste per Ustra dalla Crtm

In effetti, questa è una delle tre richieste che la Crtm – dunque i Comuni del Mendrisiotto – ha affidato a una nuova missiva imbucata alla vigilia di Natale e inviata all’Ufficio federale delle strade. La lettera, di fatto, mette nero su bianco quanto scaturito a fine novembre dal primo incontro tra Ustra, la Commissione e i Comuni toccati dal progetto, ovvero Balerna, Coldrerio, Novazzano e Mendrisio. Si tratta degli stessi enti locali ai quali il settembre scorso è stato presentato l’intervento e che si sono sollevati alla sola idea di veder tracciare una zona di sosta lungo l’autostrada, tra l’area di servizio di Coldrerio e il viadotto di Bisio a Balerna. Per il Mendrisiotto, già alle prese con il potenziamento dell’A2, questo ulteriore intervento non s’ha da fare. Ma Berna è determinata a condurre in porto l’operazione da qui al 2028.

Veniamo, però, alle sollecitazioni della Crtm. Su cosa avete attirato l’attenzione?, domandiamo al presidente Andrea Rigamonti. «Innanzitutto – ci dice Rigamonti –, abbiamo rinnovato una richiesta già avanzata in precedenza, quella di sospendere la procedura legata alla corsia per i Tir – iter già in corso, ndr –. In secondo luogo abbiamo chiesto di trasmetterci la documentazione sugli studi relativi alla gestione del traffico ai quali si è fatta menzione nella riunione di novembre, ma che nessuno di noi ha potuto esaminare sinora. Per finire abbiamo posto l’accento sul coinvolgimento del governo cantonale. Adesso restiamo in attesa di una risposta».

‘Manca un tassello politico’

Da sviscerare, del resto, vi sono ancora diversi punti del progetto che prospetta una corsia fissa riservata ai camion. Agli occhi del presidente Rigamonti in partenza «manca un tassello a livello politico – ci fa notare –. Sul versante del Mendrisiotto, infatti, sono stati i Comuni a prendere la parola, ma quali interlocutori abbiamo dei tecnici. E questo è un tema sul quale vogliamo fare chiarezza tutti assieme». Come dire che il caso non è per nulla chiuso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Le sirene d’allarme suoneranno l’1 febbraio per il test annuale
La consueta prova dei dispositivi di allarme avverrà a partire dalle 13:30. La comunicazione ufficiale anche in lingua ucraina per non suscitare paure
Bellinzonese
2 ore
Fatturato record nel 2022 per Interroll: crescita del 4%
Buon risultato per l’azienda di Sant’Antonino. Malgrado un sensibile calo di nuove commesse, c’è ottimismo per l’anno in corso
Mendrisiotto
7 ore
Nasce a Chiasso l’associazione che promuove lo Street food
Professionisti del settore uniscono le forze per organizzare eventi in tutto il Cantone a partire dalla primavera
Locarno
7 ore
La città cresce. Il Municipio vuole un ‘Programma di azione’
Palazzine in costruzione e progetti per decine di appartamenti, tra rischi e opportunità. L’analisi del capo dicastero sviluppo economico e territoriale
Luganese
15 ore
A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale
Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
19 ore
Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi
Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
20 ore
Si torna a fare il pieno in Ticino
Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
20 ore
Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda
Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
Luganese
20 ore
Ricerca di persona sopra Caslano, operazione conclusa
Nelle ricognizioni era stata impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
Grigioni
21 ore
Il Parco Val Calanca è realtà
Le assemblee comunali di Rossa, Calanca, Buseno e Santa Maria hanno detto di sì con rispettivamente il 100%, il 76%, il 90% e il 100% dei voti
© Regiopress, All rights reserved