laRegione
21.12.21 - 15:03
Aggiornamento: 17:33

Morbio Inferiore, è referendum contro l’ecocentro

Dopo il voto del Consiglio comunale, il gruppo Morbio 2030 avvia la raccolta firme contro il progetto di via Lischée. ‘Le alternative ci sono’

morbio-inferiore-e-referendum-contro-l-ecocentro
archivio Ti-Press
I promotori del referendum: ‘L’ecocentro non è indispensabile’

Poco più di una settimana fa il Consiglio comunale di Morbio Inferiore ha stanziato – con 17 voti favorevoli, 9 contrari e 2 astensioni – il credito di 2’260’000 franchi per l’edificazione di un nuovo ecocentro comunale in via Lischée. Contro questa decisione, il gruppo Morbio 2030 ha annunciato il lancio del referendum che vuole permettere alla popolazione di “esprimersi su questo controverso progetto, che non risponde alle esigenze della popolazione di Morbio Inferiore”. È stato creato anche un sito internet – www.noecocentromorbio.ch – dove è possibile scaricare il volantino informativo e i formulari per la raccolta delle firme.

Per i promotori, “l’ecocentro non è indispensabile” e “non è nemmeno l’unica soluzione possibile”. Il Municipio “ha presentato il progetto come se non vi fossero alternative, invece queste esistono”. Per gli ingombranti, per esempio, “vi è la possibilità di una collaborazione con il Comune di Chiasso”, mentre per le altre tipologie di rifiuti “è già disponibile un progetto per la sistemazione di interrati nelle attuali piazze di raccolta”. Fatto che porta i promotori del referendum a sostenere che “il Municipio non ha esplorato a fondo queste soluzioni e le ha escluse basandosi su valutazioni superficiali e insufficienti”. Raccolte di carta, Pet e plastica saranno “centralizzate presso l’ecocentro”. Questo “causerà un grande aumento del traffico in una zona che comprende da una parte il campo sportivo e il riale Müfeta (che sarà rinaturato per restituire alla popolazione una zona verde di svago) e dall’altra l’area scolastica”.

Il terreno su cui sorgerà la struttura è di proprietà della parrocchia, “con cui viene stipulata una convenzione della durata di 30 anni che prevede un affitto annuo di 20’000 franchi e la riconsegna del terreno sgombro alla scadenza”. Per questo, “invece di essere una soluzione definitiva, l’ecocentro è quindi una struttura a orologeria che sarà da demolire”. Gli oppositori sollevano anche l’aspetto finanziario. “Il credito per l’edificazione è uno dei più cari in Ticino (2’260’000 franchi). Aggiunto ai costi per l’affitto, per la gestione, per interessi e ammortamenti, comporterà un aumento della tassa base di 50-60 franchi per una famiglia di 4 persone”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
13 min
Bioggio, in mostra la rivoluzione di ArtByFrask
Nella casa comunale verrà allestita l’esposizione di Andrea Fraschina, pittore ispirato dalle culture underground e dall’energia della filosofia punk
Lavizzara
2 ore
Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’
Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
Chiasso
4 ore
Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino
Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d’Italia
5 ore
È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale
Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della polizia dell’enclave
Mendrisiotto
6 ore
Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio
Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare
Bellinzonese
6 ore
Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’
Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
7 ore
Tentata rapina a Ponte Tresa, due arresti
In relazione ai fatti, in manette sono finiti due giovani domiciliati nel Luganese, già fermati ieri dal personale delle dogane
Mendrisiotto
8 ore
Sei itinerari tematici per i parchi insubrici
Il progetto Insubriparks coinvolge, tra gli altri, il Parco del Penz, nonché quello delle Gole della Breggia
Luganese
11 ore
Ex maestro di Montagnola: riflessione aperta sul terzo grado
Dopo l’assoluzione in Appello, con il ribaltamento della condanna in Pretura penale, le motivazioni della Corte su ‘concreto pericolo’ e perizia
Locarnese
11 ore
Negozio alimentari e Posta: ‘Gordola può star tranquilla’
Il vicesindaco René Grossi, da proprietario dell’immobile interessato, risponde alle critiche preventive di Plr e Verdi Liberali
© Regiopress, All rights reserved