laRegione
morbio-inferiore-e-referendum-contro-l-ecocentro
archivio Ti-Press
I promotori del referendum: ‘L’ecocentro non è indispensabile’
21.12.21 - 15:03
Aggiornamento: 17:33

Morbio Inferiore, è referendum contro l’ecocentro

Dopo il voto del Consiglio comunale, il gruppo Morbio 2030 avvia la raccolta firme contro il progetto di via Lischée. ‘Le alternative ci sono’

Poco più di una settimana fa il Consiglio comunale di Morbio Inferiore ha stanziato – con 17 voti favorevoli, 9 contrari e 2 astensioni – il credito di 2’260’000 franchi per l’edificazione di un nuovo ecocentro comunale in via Lischée. Contro questa decisione, il gruppo Morbio 2030 ha annunciato il lancio del referendum che vuole permettere alla popolazione di “esprimersi su questo controverso progetto, che non risponde alle esigenze della popolazione di Morbio Inferiore”. È stato creato anche un sito internet – www.noecocentromorbio.ch – dove è possibile scaricare il volantino informativo e i formulari per la raccolta delle firme.

Per i promotori, “l’ecocentro non è indispensabile” e “non è nemmeno l’unica soluzione possibile”. Il Municipio “ha presentato il progetto come se non vi fossero alternative, invece queste esistono”. Per gli ingombranti, per esempio, “vi è la possibilità di una collaborazione con il Comune di Chiasso”, mentre per le altre tipologie di rifiuti “è già disponibile un progetto per la sistemazione di interrati nelle attuali piazze di raccolta”. Fatto che porta i promotori del referendum a sostenere che “il Municipio non ha esplorato a fondo queste soluzioni e le ha escluse basandosi su valutazioni superficiali e insufficienti”. Raccolte di carta, Pet e plastica saranno “centralizzate presso l’ecocentro”. Questo “causerà un grande aumento del traffico in una zona che comprende da una parte il campo sportivo e il riale Müfeta (che sarà rinaturato per restituire alla popolazione una zona verde di svago) e dall’altra l’area scolastica”.

Il terreno su cui sorgerà la struttura è di proprietà della parrocchia, “con cui viene stipulata una convenzione della durata di 30 anni che prevede un affitto annuo di 20’000 franchi e la riconsegna del terreno sgombro alla scadenza”. Per questo, “invece di essere una soluzione definitiva, l’ecocentro è quindi una struttura a orologeria che sarà da demolire”. Gli oppositori sollevano anche l’aspetto finanziario. “Il credito per l’edificazione è uno dei più cari in Ticino (2’260’000 franchi). Aggiunto ai costi per l’affitto, per la gestione, per interessi e ammortamenti, comporterà un aumento della tassa base di 50-60 franchi per una famiglia di 4 persone”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio comunale ecocentro morbio inferiore referendum via lischée
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio
L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
3 ore
A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’
Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
3 ore
InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’
Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
12 ore
Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave
Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
14 ore
Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino
Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
15 ore
Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’
Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
21 ore
Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo
Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
22 ore
Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni
Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior
Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’
Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior
Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi
Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
© Regiopress, All rights reserved