laRegione
laR
 
21.12.21 - 05:30
Aggiornamento: 15:06

Rischia il rimpatrio forzato in Etiopia, appello per India

Per la giovane di Morbio Inferiore torna a mobilitarsi la sua docente delle Medie. Presentata un’istanza per un permesso di dimora per caso di rigore

rischia-il-rimpatrio-forzato-in-etiopia-appello-per-india
Ti-Press
Alla ragazza e alla sua famiglia è stato negato lo statuto di apolide

‘Rimpatrio forzato’. Sono solo due parole ma per India e la sua famiglia oggi suonano quasi come una condanna. Se quelle parole, infatti, saranno tramutate in fatti, la giovane, sua madre Munaja e il fratello maggiore Nur dopo dieci anni trascorsi in Ticino dovranno raccogliere le loro cose e partire con destinazione l’Etiopia, un Paese al quale non sentono di appartenere e in cui si combatte (ancora) anche se Berna lo classifica come ‘sicuro’. Solo un paio di anni fa, era l’ottobre del 2019, avevamo lasciato questa adolescente e le sue amiche ed ex compagne della IVC di Morbio Inferiore con nell’animo la speranza di convincere Berna a staccare un permesso. Una delegazione di studentesse guidata dalla loro prof, Dania Tropea, aveva preso infatti un treno per la capitale, in mano le oltre 2mila firme raccolte a sostegno della ragazza ‘sans papiers’ in poco più di un mese, nel cuore la fiducia nelle istituzioni. Tutto però si è infranto il mese scorso sul ‘no’ delle autorità calato sulla richiesta di riconoscere al nucleo famigliare che risiede a Morbio Inferiore lo statuto di apolide. Una decisione che ha gettato tutti nello sconforto, per prima la docente della Scuola media di Morbio, che ora lancia un nuovo appello rivolto all’Ufficio della migrazione a Bellinzona.

Istanza a Bellinzona, è ‘l’ultima spiaggia’

Questa azione di sostegno già nel corso della giornata di ieri è corsa veloce di bocca in bocca nel Mendrisiotto, suscitando un vero moto di solidarietà (così come era successo nel 2019). E non resterà la sola iniziativa messa in campo a favore di India, oggi diciannovenne, e dei suoi famigliari. La legale che in questi anni ha accompagnato la giovane in questa battaglia che invoca il rispetto dei diritti umani, Immacolata Iglio Rezzonico, sempre ieri ha indirizzato all’Ufficio della migrazione anche un’istanza formale al fine di ottenere il rilascio di un permesso di dimora come caso di rigore. Del resto, di ragioni e di motivazioni a conforto della domanda, ci fa capire la patrocinatrice, davvero non ne mancano; confidando che Bellinzona formuli un preavviso positivo all’indirizzo della Sem, la Segreteria di Stato per la migrazione. In questi anni, infatti, le istituzioni hanno dimostrato una evidente tolleranza nei confronti di India e dei suoi famigliari, dando modo ai ragazzi (arrivati qui da minorenni) di frequentare la scuola e seguire una formazione pur non potendo vivere in modo compiuto - essendo sprovvisti di un permesso -, esiliati fra le quattro mura di casa.

L’avvocato, d’altro canto, non usa giri di parole: questa istanza rappresenta «l’ultima spiaggia». Di fatto quest’ultimo è un tentativo che fa seguito al primo veto definitivo giunto nel 2015 sulla domanda d’asilo e a tutta una serie di istanze di riesame. Se non verrà accolta la richiesta presentata dall’avvocato, infatti, l’ipotesi di un rimpatrio forzato - certo non a brevissimo - incomberà davvero sulla famiglia. Tanto più, fa notare Immacolata Iglio Rezzonico, che la mancata volontà di tornare in quello che viene considerato il Paese di origine - la famiglia è già stata chiamata per verificare le sue intenzioni e redigere un verbale - «per la legge svizzera purtroppo risulta come una non collaborazione con le autorità, e quindi come un possibile motivo per procedere con una carcerazione amministrativa». Ecco che la paura di un rimpatrio si è ingigantita.

‘Si abbia un occhio di riguardo’

Giunti sin qui la legale formula, dunque, un augurio: «Spero - ci dice con una attitudine più positiva del solito - che nella situazione di india e della sua famiglia ci sia un occhio di riguardo e a tutti i livelli: sociale, istituzionale, legale; che ci sia davvero una certa elasticità e ci si chini con coscienza. Insomma, che non ci si limiti allo stretto ambito delle norme ma si guardi anche all’aspetto umano. Una legge che schiaccia l’aspetto umano, del resto, non è più una legge». La sollecitazione della patrocinatrice è chiara: ogni caso andrebbe valutato con attenzione ed empatia.

‘La loro è una non-vita di attesa’

Per Dania Tropea così come per le persone vicine a India l’eventualità di una loro partenza obbligata, in effetti, è difficile da accettare. Come mette nero su bianco nell’appello accorato reso pubblico ieri, la sua allieva ora è “in pericolo“. L’insegnante non si permette “di criticare né di mettere in dubbio alcunché, ci sono leggi e procedure che vanno rispettate e di cui non conosco minimamente la complessità - spiega nel suo scritto -. Di sicuro però qualcosa si è inceppato e India, Munaja e Nur vivono da svariati anni in un limbo, una non-vita di attesa, di incertezza”. E questo dopo essere fuggiti da un luogo sospeso fra Etiopia ed Eritrea. Eppure, certifica ancora, questa famiglia passata dal suo arrivo nel 2012 da Biasca a Cadro a Morbio, ha dimostrato di sapersi integrare nella realtà locale ed è "straordinariamente resiliente e amabile”. Come docente e cittadina da tempo la prof non riesce proprio a mandare giù, dunque, una situazione divenuta "intollerabile”. Difficile per lei nascondere preoccupazione, frustrazione e sdegno per quella che definisce una “tragedia assurda” che si sta consumando in silenzio.

In conclusione per Dania Tropea, che spera in un regalo di Natale, “il nostro Paese, il nostro Cantone, ha i mezzi per ridare umanità a una situazione divenuta disumana: accordare il permesso di dimora, per caso di rigore, a India, alla sua mamma Munaja e a suo fratello Nurhusien. Dare loro la possibilità, finalmente, per cominciare davvero a vivere la vita”. A incrociare le dita sono in tanti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
58 min
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
4 ore
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
7 ore
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
7 ore
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
16 ore
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
16 ore
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
16 ore
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
17 ore
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
18 ore
Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente
Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
18 ore
Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023
Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
© Regiopress, All rights reserved