laRegione
Mendrisiotto
17.12.21 - 18:43
Aggiornamento: 21.12.21 - 18:24

Un guasto e la fretta causarono il maxi ingorgo

Tutto iniziò con la panne di un apparecchio, che portò conseguenze a catena sulla viabilità

un-guasto-e-la-fretta-causarono-il-maxi-ingorgo
Ti-Press

Molti ricorderanno il maxi ingorgo che si sviluppò un giovedì, il 7 di ottobre sull’autostrada in entrambe le direzioni per poi riverberarsi sulle strade cantonali e perfino nelle città del Sottoceneri. Un autentico disastro che fece infuriare il consigliere di Stato Claudio Zali, rimasto a sua volta intrappolato nelle colonne per lunghe ore. I dettagli di ciò che successe (ai tempi liquidato un po’ semplicemente con un ‘chi lavora sbaglia’) sono arrivati ora grazie alla risposta del Consiglio di Stato a una interrogazione del deputato mendrisiense Massimiliano Robbiani.

“I disguidi da lei indicati – premette il governo – sono stati generati all’interno di un cantiere autostradale gestito dall’Ufficio federale delle strade. Ricordiamo che le strade nazionali svizzere sono di proprietà della Confederazione, che ne è dunque responsabile per la costruzione, conservazione e manutenzione”.

Al Consiglio di Stato risulta quanto segue: “La notte fra il 6 e il 7 ottobre, durante lo svolgimento dei lavori di pavimentazione in prossimità dell’imbocco nord della galleria Melide-Grancia, una macchina finitrice della ditta incaricata della posa dell’asfalto ha avuto un guasto meccanico e ha dovuto essere sostituita causando quindi un ritardo nell’esecuzione dei lavori. Ritardo che si è cercato di colmare immediatamente, comprimendo gli usuali tempi di esecuzione di simili lavori. Al mattino, alla riapertura della carreggiata della N2 tra Melide e Gentilino, si è però manifestato un problema esecutivo (in buona sostanza delle deformazioni del manto stradale appena posato), tale da pregiudicare la sicurezza degli utenti. Ustra ha perciò preso immediatamente dei provvedimenti, chiudendo una corsia in direzione nord per alcune ore e imponendo alla ditta esecutrice un’immediata riparazione.
La chiusura della corsia ha purtroppo generato il caos viario, esteso alla strada cantonale e protrattosi fino a pomeriggio inoltrato. Secondo quanto indicato da Ustra ai mass media, i costi di queste azioni saranno a carico della ditta che ha eseguito i lavori di pavimentazione”.

Già, ma si potranno evitare in futuro quei disagi che secondo Robbiani capitano un po’ troppo spesso? La risposta è interlocutoria. “Il Consiglio di Stato è vigile e preoccupato, al pari dell’interrogante, riguardo ai disagi alla viabilità. I contatti con Ustra sono frequenti e vi è una fattiva collaborazione volta a contenere i disagi che purtroppo si creano quando si hanno dei cantieri. Gli elevati volumi di traffico, in particolar modo nel Sottoceneri, rendono spesso vani gli sforzi di contenimento, soprattutto in caso di eventi imprevedibili”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
45 min
‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’
Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Luganese
46 min
Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’
Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
7 ore
‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’
Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Luganese
11 ore
Lugano, ingranata la marcia sul Polo congressuale
Il Municipio informa l’Interpartitica: imminenti i messaggi sull’acquisto dello stabile Rsi di Besso e sul comparto Campo Marzio Nord
Ticino
11 ore
Vent’anni di Strade Sicure e ‘il Ticino torna nella media’
Il numero di incidenti a sud delle Alpi è calato del 63% in 20 anni, rientrando in linea con i dati nazionali
Bellinzonese
12 ore
Bambino investito a Giubiasco inseguendo un pallone
È successo al parco giochi di Cima Piazza, all’altezza dell’ex palazzo comunale. Sanguinava dalla testa ma era vigile
Bellinzonese
13 ore
Mense di Bellinzona, il Municipio interverrà sulle associazioni
Recepite alcune delle criticità evidenziate dall’Mps sull’obbligo di pagare la tassa di adesione e il pranzo in caso di uscite scolastiche
Ticino
13 ore
Aumenti cassa malati, De Rosa: ‘Per il Ticino stangata ingiusta’
Il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa critico sull’aumento dei premi del 9,2% rispetto al 6,6% della media nazionale
Bellinzonese
13 ore
Bellinzona, un’opera che ‘aumenta la qualità di vita’
Inaugurata ufficialmente la passerella ciclopedonale della Torretta che collega il centro storico turrito a Carasso e che valorizza la mobilità lenta
Locarnese
15 ore
Arcegno, la prima vendemmia al ‘Vigneto di Luca’
Vissuta come una festa da giovani e adulti la raccolta dell’uva. Dal 2024 le bottiglie saranno vendute a scopo benefico
© Regiopress, All rights reserved