laRegione
16.12.21 - 23:00
Aggiornamento: 17.12.21 - 15:00

Chiasso allunga la stagione sul ghiaccio sino ad aprile

Il Municipio ha voluto così compensare le società sportive delle trasferte causate dal guasto alla pista. Che sarà concessa a titolo gratuito

chiasso-allunga-la-stagione-sul-ghiaccio-sino-ad-aprile
Ti-Press
Si pattinerà fino ad aprile

Da giovedì a Chiasso si è tornati a infilare i pattini ai piedi e a scivolare sul ghiaccio dello stadio cittadino. In effetti, il Comune ha tutte le intenzioni di lasciarsi alle spalle l’’inciampo’ che ha costretto a chiudere l’impianto per quasi un mese. Tutta colpa di un guasto tecnico nel sistema di distribuzione di CO2, l’anidride carbonica. Oggi tutto ciò è acqua passata, o quasi. Anche tra l’esecutivo e le società locali che vivono la realtà della pista, come l’Hockey Club, il Club Pattinaggio e il Curling Club è tornato il sereno. Lo si è capito subito mercoledì sera quando una delegazione dell’autorità comunale, guidata dal sindaco Bruno Arrigoni, si è seduta al tavolo con i rappresentanti dei tre sodalizi e gli organizzatori del Torneo amatoriale di hockey: nessun tono polemico, ma piuttosto aria di cordialità. Un punto di incontro, infatti, è stato trovato: la stagione sul ghiaccio di piccoli e grandi sportivi si protrarrà sino al 3 aprile prossimo. Anzi, l’intenzione è di permettere l’accesso anche al pubblico.

Lurati: ‘C’è un dialogo positivo’

Chiasso è quindi pronto a prolungare l’apertura dello stadio invernale. Non solo, l’utilizzo della struttura sarà concesso a titolo gratuito, anche nelle tre settimane extra previste a calendario. «In questo modo - commenta Davide Lurati, a capo del dicastero Sport e tempo libero - si recupererà il tempo sottratto dalla risoluzione del problema. E la proposta mi sembra sia stata gradita». Il Municipio, fa capire Lurati, ha cercato subito il contatto con le società, aprendo un dialogo «positivo», tiene a sottolineare il municipale Ppd. Emerso il guasto, d’altro canto, ci si è immediatamente rimboccati le maniche. «La prima impressione ci ha portato a pensare che sarebbe occorso più tempo per uscire da questa situazione. Invece, ne siamo venuti a capo in 29 giorni grazie all’impegno dell’Ufficio tecnico e dei suoi collaboratori, che hanno fatto gli straordinari». Così anche i disagi e le trasferte per i sodalizi sono stati più contenuti di quanto si potesse temere in un primo momento. «Infatti, Covid permettendo, durante le vacanze di Natale saranno messi in programma pure i corsi tradizionali dedicati ai ragazzi del Mendrisiotto. Ci tenevamo tutti».

Arrigoni: ‘Questo è il nostro contributo’

Non a caso, come annota pure il sindaco Bruno Arrigoni, mercoledì sera i partecipanti all’incontro si sono lasciati di buon accordo. E una volta quantificati i costi sostenuti per avere accesso alle altre piste del cantone - da Lugano a Faido - nel periodo in cui la pista era un cantiere, vi è la disponibilità a trovarsi di nuovo per discuterne. Nel frattempo, la cittadina darà il suo contributo non solo allungando la stagione, ma consentendo alle società di frequentare l’impianto nelle tre stimane supplementari a costo zero. In passato si domandava, in effetti, il versamento di 140 franchi l’ora per pattinare nelle due settimane fuori calendario.

In estate riparte il cantiere

Riaperta la struttura, in ogni caso, le opere di verifica e manutenzione non si esauriranno con la risoluzione del guasto - peraltro localizzato in un unico punto -; intervento che per finire ha dato comunque la possibilità di salvare la stagione. In fondo, come già fatto notare, il sistema di raffreddamento in uso a Chiasso ha circa una ventina di anni: come dire che non sussiste un problema di usura. In Comune, però, vogliono togliersi ogni dubbio. «La nostra volontà - conferma ancora il capo dicastero Davide Lurati - è quella di rimettere mano alla pista nel corso dei mesi estivi. Abbiamo già visto con i tecnici comunali che l’agio esiste. Ci ripromettiamo dunque di controllare le condotte sotterranee, così da essere del tutto sicuri che l’intero impianto non abbia problemi, scongiurando il rischio di ulteriori perdite di gas». Le parole chiave, insomma, sono ‘rimettere lo stadio in sesto’. «E questo - conclude Lurati - affinché non si abbiano più sorprese di questo genere».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Da Sciaffusa a Castel San Pietro per la Masseria di Vigino
Una coppia d’Oltralpe ha dichiarato il suo interesse per l’antico complesso rurale. Effettuato un sopralluogo con l’Ufficio dei beni culturali
Bellinzonese
1 ora
Tragedia in montagna, monitori indagati per omicidio colposo
Inchiesta sui due 14enni varesini morti sopra Ghirone: gli accompagnatori respingono le accuse riguardo alla scelta del sentiero impervio non ufficiale
Bellinzonese
6 ore
Incendio nel grottino di un’abitazione a Gnosca
Fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita. Sul posto sono giunti polizia e pompieri, per spegnere le fiamme
Ticino
9 ore
Nicola Klainguti nuovo capo della Sezione sviluppo territoriale
Lo ha nominato il Consiglio di Stato. Il Laureato in scienze della terra al Politecnico federale di Zurigo entrerà in carica il 1. gennaio
Ticino
10 ore
‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’
Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
11 ore
Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’
‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Ticino
11 ore
Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’
Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
12 ore
A Sementina scocca l’ora della tanto attesa nuova scuola
Il Municipio di Bellinzona rispedisce al mittente la critica e il timore che si voglia procedere con una soluzione d’urgenza provvisoria
Grigioni
15 ore
La strada della Calanca riaperta già oggi alle 16
Lo ha deciso l’Ufficio tecnico cantonale: ultimati prima del previsto i lavori di sgombero e di parziale ripristino
Luganese
15 ore
Lugano, 1’330 firme contro l’aumento di gas ed elettricità
L’Mps consegna la petizione e chiede di bloccare il rialzo dei costi dei beni di prima necessità, che colpisce le famiglie con redditi bassi e medi
© Regiopress, All rights reserved