laRegione
quei-direttori-infortunati-per-truffare-le-assicurazioni
Ti-Press
Mendrisiotto
15.12.21 - 17:19
Aggiornamento: 18:07

Quei direttori ‘infortunati’ per truffare le assicurazioni

Condannato a 3 anni il 68enne che aveva architettato l’ingegnoso meccanismo

Sette società tra Chiasso, Mendrisio e Lugano, un milione e 227mila franchi spillati ad assicurazioni e altri istituti finanziari, senza battere ciglio, grazie a una serie di ‘misteriosi’ infortuni – solitamente cadute dalle scale – che colpirono i presunti direttori di queste aziende, poi risultate prive di attività. È stato un danno notevole quello cagionato nel giro di sei anni da un cittadino svizzero, originario della Sicilia e residente nel Distretto, già attivo presso una fiduciaria, oggi 68enne. Ieri avrebbe dovuto comparire davanti alle Assise criminali di Mendrisio, ma trovandosi in Brasile non ha potuto presenziare al processo che si è dunque celebrato in sua assenza. La Corte presieduta dal giudice Amos Pagnamenta lo ha condannato a 3 anni di detenzione, di cui la metà, 18 mesi, da espiare e il restante sospeso con la condizionale, per i reati di truffa aggravata, ripetuta falsità in documenti, ripetuto conseguimento di falsa attestazione e cattiva gestione.

Questa dunque la soluzione giudiziaria, salvo ribaltamenti nelle istanze superiori, di una vicenda datata. I fatti risalgono all’epoca 2008-2014: l’incarto è passato di mano sia in Procura che a livello della difesa. L’avvocato Xenia Peran, che ha ereditato la causa in tempi relativamente recenti, in avvio di processo ha posto una serie di eccezioni, respinte dalla Corte, riguardanti i diritti della difesa che sarebbero stati lesi e un presunto mancato accesso a determinati atti. Accolto per contro in sentenza lo sconto di pena per il lungo tempo trascorso dai fatti. L’incarto era completo di una dettagliata confessione, peraltro ritrattata all’ultimo momento attraverso una ‘memoria’ presentata alla Corte. Che non ha creduto a questa tardiva rettifica: i due interrogatori pur tra qualche mancata ammissione avevano fornito un quadro nitido e confermato dai documenti acquisiti. Il meccanismo architettato era abbastanza astuto. Tornato in Ticino dalla Sicilia, e trovatosi ben presto a corto di soldi, l’imputato ha pensato bene di creare diverse società, e di acquistarne altre. Tutte in realtà prive di liquidi, scatole vuote, ma buone per far scattare il gioco ai danni delle assicurazioni. Amici, parenti e conoscenti venivano dunque ‘assunti’ come direttori, con paghe piuttosto munifiche per poi infortunarsi immediatamente e presentare alle assicurazioni la busta paga, così da incassare le relative rendite, che in parte venivano poi girate ai complici. Una classica ‘dinamica’ era la caduta dalle scale con botta alla schiena o alla testa. La casistica comprendeva cadute per strada, sul treno, e altre sfortunate situazioni, che ricordano un famoso film di Carlo Verdone. Tutto confermato da certificati medici, ricorrenti quelli di una dottoressa del Mendrisiotto. Medici compiacenti? Non si sa: secondo il procuratore Daniele Galliano il tentativo di indagare in questa direzione si sarebbe scontrato con il segreto medico e con difficoltà di ottenere informazioni sul lato italiano. La sua richiesta di pena è stata confermata.

Anche gli amministratori delle società in questione erano compari dell’imputato, che ha ammesso di aver scelto questo escamotage per non far figurare sempre il proprio nome e destare così sospetti. Con la stessa dinamica, ovvero utilizzando società fantasma, furono truffate una banca e una società finanziaria ottenendo prestiti o finanziamenti. Resta da capire se il 68enne sconterà la pena, trovandosi in Sudamerica e non essendo esclusi ricorsi alle istanze superiori.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assicurazioni condannato mendrisiotto truffa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
8 min
Sulle truffe per lavoro ridotto il Ticino ha fatto i compiti
È quanto emerge dai dati della Seco. Il nostro Cantone persegue anche violazioni più contenute, a differenza di altri cantoni
Bellinzonese
53 min
Claro, un’auto esce di strada e finisce in un fossato
Incidente della circolazione intorno alle 10:15 sulla strada cantonale
Locarnese
6 ore
‘Basta posteggi al Pozzo di Tegna!’
Preoccupata l’Associazione Golene di Terre di Pedemonte, che teme che l’incremento degli stalli porti ancora più gente e traffico in una zona sensibile
Mendrisiotto
6 ore
Mendrisiotto, turismo ‘green’ lungo i parchi insubrici
’Insubriparks’ è una nuova piattaforma che porta alla scoperta di cinque bellezze naturalistiche tra Svizzera e Italia
Ticino
6 ore
Il mercato dell’auto resta ammaccato
Si sperava di risolvere i problemi di fornitura entro il primo semestre di quest’anno: niente da fare. E anche l’usato scarseggia
Luganese
13 ore
Violento temporale nel Luganese causa smottamenti e allagamenti
I pompieri sono stati sollecitati più volte. Colpito in modo particolare il Malcantone
Ticino
15 ore
Premi cassa malati +10%, Dss: ‘Nel campo delle speculazioni’
La cifra dell’aumento indicata da uno studio di Accenture è ancora solo un’ipotesi, secondo Paolo Bianchi: ‘Indicazioni precise arriveranno prossimamente’
Luganese
15 ore
Tentato assassinio ad Agno: 49enne ha sparato a un 22enne
In pericolo di vita il giovane. È accaduto ieri in via Aeroporto. Arrestato l’autore. Gli inquirenti indagano sul movente.
Bellinzonese
18 ore
PerBacco! è già tempo di Festa della vendemmia a Bellinzona
La manifestazione invaderà il centro storico cittadino dal 1° al 4 settembre
gallery
Bellinzonese
18 ore
L’alpe Arami di Gorduno diventa ‘un patrimonio di tutti’
Inaugurato l’importante lavoro di recupero e ristrutturazione della baita con ristorazione, dotata di dormitorio, e dei pascoli
© Regiopress, All rights reserved