laRegione
30.11.21 - 14:46
Aggiornamento: 17:39

Corsie autostradali, anche Plr e Ps fanno muro contro l’Ustra

Dopo il Ppd altre forze politiche del Distretto si sollevano per dire ‘no’ all’area di sosta riservata ai Tir

corsie-autostradali-anche-plr-e-ps-fanno-muro-contro-l-ustra
Ti-Press
Un problema che si trascina da tempo

Se c’è un tema che sa compattare le forze politiche della regione è proprio quello delle corsie autostradali. La politica dell’Ufficio federale delle strade (Ustra) non è indigesta, infatti, solo al Ppd. A dirlo chiaro e forte sono anche il Plr di Mendrisio e il Ps del Mendrisiotto e Basso Ceresio. I socialisti si uniscono, infatti, “al coro di sdegno lanciato da altri partiti della regione” e ribadiscono la loro contrarietà a “ogni tipo di modifica della rete autostradale, che contempli la creazione di nuove corsie o l’ampliamento delle stesse”. Tra potenziamento dell’A2 fra Lugano e Mendrisio e progetto di un’area di sosta ad hoc per i Tir tra Coldrerio e Balerna, il Mendrisiotto si sente assediato. Realizzare una corsia per i Tir è un piano “avventato”. Questo passo è “l’ennesima conferma di come l’Ufficio delle strade abbia ormai attuato una politica di pianificazione scellerata in barba a quelle che sono le volontà e le necessità della regione”, ribadisce il Ps per voce del presidente Marco D’Erchie.

Parole fortemente critiche giungono anche dal Plr della Città di Mendrisio guidato da Giovanni Poloni. Il partito dichiara infatti “sorpresa e disappunto” per la posizione dell’Ustra, che ha “scelto di ignorare le opposizioni forti e coordinate dei Comuni interessati dal tracciato autostradale coinvolto - Mendrisio stessa, Coldrerio, Balerna e Novazzano, ndr - e dalla Commissione regionale dei trasporti del Mendrisiotto”. Un approccio, quello di Berna, che non piace proprio ai liberali radicali. L’Ufficio federale dovrebbe invece, si rimarca, “rispondere alle aspettative dei cittadini. A maggior ragione se ciò avviene in una regione già sufficientemente sfregiata dalle vie di comunicazione e soffocata da un traffico ingestibile”. Il Plr non se lo spiega, tanto più che altrove si è agito in modo diverso. E qui il riferimento è all’“Area multiservizi e centro di controllo veicoli pesanti di Giornico, al rispetto dei concetti di Iniziativa delle Alpi, dai progetti di coperture autostradali, agli alleggerimenti del traffico così ben eseguiti Oltralpe”. Morale: i mezzi pesanti non dovrebbero incolonnarsi nella tratta finale dell’A2 prima del valico di Brogeda.

Agli occhi dei liberali radicali di Mendrisio tocca all’Ustra “individuare soluzioni praticabili e rispettose di una regione che non è disposta ad accettare l’inquinamento ambientale generato da automezzi pesanti in sosta con il motore acceso”. Per i socialisti la risposta dovrebbe essere ben altra. “Ripetiamo ancora una volta - scrivono in una nota - che il futuro per la viabilità nel cantone deve passare attraverso nuovi paradigmi e deve avere un profilo altamente ecologico. Non è più pensabile in tempi di crisi climatica basarsi su modelli obsoleti e inquinanti”.

La parola chiave, insomma, è “futuro sostenibile”. L’esortazione rivolta, in particolare dal Plr, alle autorità locali e cantonali? “Intervenire energicamente nei confronti dell’Ufficio federale delle strade affinché sia trovata una soluzione condivisibile al problema della sosta dei Tir in corsia d’emergenza che il Mendrisiotto non vuole più”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
7 ore
Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo
Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
7 ore
Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna
Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
9 ore
Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta
Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Grigioni
10 ore
A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann
In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Locarnese
10 ore
Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’
Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
11 ore
Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca
Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Ticino
12 ore
Ticino capitale del turismo sostenibile, ‘è la sfida del futuro’
Questa settimana si tiene l’Adventure travel world summit, l’evento più importante a livello internazionale per la promozione di una ‘nuova visione’
Locarnese
12 ore
Bracconieri in Vallemaggia, la Federazione prende le distanze
La Fcti condanna senza mezzi termini i deplorevoli atti compiuti da un gruppo di persone nemmeno in possesso di una licenza venatoria
Bellinzonese
13 ore
Municipio di Bodio favorevole alla fusione con Giornico
Una decisione unanime che permette di avviare l’iter per un’aggregazione ridotta rispetto al progetto che comprendeva anche Pollegio e Personico
Ticino
17 ore
Vaccinazioni di richiamo autunnali in Ticino dall’11 ottobre
Le informazioni sono già disponibili sul sito ufficiale dedicato alle vaccinazioni www.ti.ch/vaccinazione
© Regiopress, All rights reserved