laRegione
informatica-alle-elementari-l-offerta-diventa-facoltativa
Archivio Ti-Press
I computer sono parte integrante della nostra quotidianità
Mendrisiotto
25.11.21 - 08:240
Aggiornamento : 14:54

Informatica alle Elementari, ‘l’offerta diventa facoltativa’

A Mendrisio l’ora obbligatoria è stata sostituita con un corso doposcuola. Samuel Maffi: ‘Scelta economica e politica, aspettiamo direttive cantonali’

Quello del computer e della tecnologia è un mondo in continua espansione con il quale, per forza di cose, le future generazioni saranno costrette a cimentarsi. In rete non mancano però le insidie. Ecco perché il Municipio di Mendrisio propone un corso facoltativo di alfabetizzazione destinato ai bambini di 4a e 5a elementare che ha lo scopo di “trasferire ai bambini le conoscenze di base dell’uso del pc, degli strumenti di internet e di didattica a distanza. Consentendo loro di usare la tecnologia in sicurezza”. «In passato il corso rientrava direttamente nel programma scolastico, con un’ora alla settimana. Si era partiti dall’istituto Canavée per poi arrivare anche alle sedi dei quartieri, pianificando la spesa nel budget annuale», spiega a ‘laRegione’ il capodicastero istruzione e sicurezza pubblica Samuel Maffi. Una situazione mutata con l’inizio del nuovo anno scolastico. «Qualche mese fa abbiamo deciso di abolire quest’ora. La motivazione è legata ai costi, ma non solo. A livello di scuola elementare l’insegnamento dell’informatica non è disciplinato. A Mendrisio siamo stati in un certo senso degli apripista. La decisione è stata presa anche in attesa che il tema dell’informatica sia regolamentato a livello cantonale. In questo modo non ci sarebbero differenze tra i vari comuni e tutti gli alunni riceverebbero le stesse nozioni».

‘Richiesto dai genitori’

Una decisione, quella di togliere l’ora di informatica, che ha creato un certo malcontento tra i genitori. Diversi di loro si sono rivolti alle autorità cittadine chiedendo che venisse offerta un’alternativa. «Ci siamo quindi adoperati per proporre qualcosa. Questi corsi extra scolastici, che sono facoltativi, rappresentano un compromesso interessante che la Città si può permettere. Sono infatti totalmente gratuiti. Non è obbligatorio come in precedenza, ma permette alle famiglie che lo desiderano di tenersi aggiornati e soprattutto d’introdurre i figli in questo mondo che è un tema molto importante», afferma Maffi.

La pandemia ha infatti mostrato come i giovani, sempre più spesso, siano chiamati a utilizzare il computer anche per studiare e tenersi aggiornati. “I dispositivi elettronici sono parte integrante della nostra quotidianità e le nuove tecnologie ci permettono di essere connessi e raggiungibili in qualsiasi parte del mondo. Imparare a gestirli nella maniera corretta è un percorso graduale che si sviluppa passo dopo passo in compagnia dei genitori”, è uno degli argomenti che si possono leggere nel volantino diffuso dal Municipio. All’iniziativa ha contribuito in maniera importante anche il Comitato genitori.

Tra PowerPoint ed Excel

I corsi saranno differenti in base all’età dei partecipanti e prenderanno il via il prossimo 6 dicembre. Per chi frequenta la quarta elementare sarà spiegato come è fatto un computer (compresi la tastiera e il mouse), come si gestiscono i file e le icone sul desktop e quali sono le connessioni esterne. Per gli allievi più grandi, quelli di quinta, ci saranno invece mansioni un po’ più complesse. Si imparerà a creare una ricerca in Google e a presentarla con PowerPoint. I partecipanti entreranno anche in contatto con Excel (giocando con i numeri) e Word (redigendo un breve testo). «Gli appuntamenti si terranno il lunedì e il sabato in diversi quartieri della Città e a Canavée», precisa il capodicastero, «in base alle adesioni potremmo poi adeguare il programma».

Sul formulario d’iscrizione è chiesto d’indicare quale dispositivo viene abitualmente utilizzato, con quali scopi e se solitamente i genitori supervisionano i figli mentre utilizzano i dispositivi. All’offerta del doposcuola si aggiungono due appuntamenti durante il corso dell’anno scolastico. Il primo è destinato ai più piccoli e si terrà il 19 e 20 aprile. Si tratta di un ‘mini camp’ tecnologico. Sull’arco di due giorni gli iscritti avranno la possibilità di cimentarsi con assistenti vocali e giochi interattivi per il cellulare. Lo scopo è quello di avvicinare i bambini al pensiero informatico, sviluppando competenze trasversali come il ‘problem-solving’. Per i genitori è invece in programma giovedì 28 aprile nell’aula magna di Canavée una serata d’informazione e discussione. Si parlerà delle potenzialità e dei rischi della rete e dei social media per i bambini.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Formazione dei docenti, presentata l’offerta formativa 2022/2023
Sottolineata in particolare la possibilità, per chi è in possesso dei requisiti, di formarsi come docente di francese alle Medie, figura molto richiesta
Ticino
4 ore
Proseguono i cantieri Ffs in Ticino
I lavori coinvolgono o coinvolgeranno le stazioni di Rivera-Bironico e Maroggia-Melano, la linea di montagna del Ceneri e gli scambi a Biasca
Ticino
4 ore
Nel fine settimana 22 classi in quarantena
A Novaggio in quarantena tre sezioni di scuola elementare, altre due sezioni a Bioggio dopo le due della scorsa settimana
Luganese
5 ore
Lugano, nel 2022 l’acqua potabile sarà più cara
La tassa sarà incrementata di circa il 20%. L’aumento interesserà sia le tasse di base sia quelle di consumo
Ticino
5 ore
Altri due decessi per Covid in Ticino e 4 ricoveri in 72 ore
Nel corso del fine settimana, venerdì compreso, si sono registrati 344 contagi, quasi il 50% in più rispetto a lunedì scorso e il dato più alto da un anno
Ticino
6 ore
Mattia Keller è il nuovo direttore di Migros Ticino
47enne, nato e cresciuto in Ticino, dal 1° dicembre sostituirà Lorenzo Emma che andrà in pensione dopo 19 anni alla testa della Cooperativa regionale
Ticino
9 ore
Guasto tecnico, treni deviati sulla linea di montagna del Ceneri
Un problema di esercizio sta creando disagi alla circolazione dei treni fra Lugano e GIubiasco
Ticino
10 ore
Cultura e tempo libero: cosa fanno i ticinesi
Un’analisi dell’Ustat sfata qualche stereotipo e conferma alcune tendenze sociodemografiche. Ah, ci piace anche il balletto
Mendrisiotto
10 ore
Sul ‘Tacuin’ echi della saggezza popolare
Partito un po’ per caso nel 1985, il popolare calendario si propone in edizione 2022 con nuove... trovate
Economia
10 ore
‘Il web ha dato un potere al consumatore mai avuto prima’
Il giornalista economico di Radio 24 Sebastiano Barisoni, venerdì scorso a Lugano, sulla rivoluzione determinata da rete e postpandemia
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile