laRegione
a-chiasso-il-piccolo-mondo-del-caseificio-di-rita
Rita Laudato al lavoro nel suo caseificio (Ti-Press/Elia Bianchi)
+2
laR
 
15.11.21 - 05:25
Aggiornamento: 14:30

A Chiasso il piccolo mondo del ‘Caseificio di Rita’

Da ormai due anni, in via Sottopenz vengono creati formaggi e prodotti caseari. La storia di Rita Laudato

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il ‘Caseificio di Rita’ è diventato il suo piccolo mondo. Un mondo sinonimo di reazione e voglia di rimettersi in gioco a 54 anni. È in via Sottopenz 7 a Chiasso che Rita Laudato ha creato a inizio 2020 il suo piccolo caseificio, una realtà che si sta facendo conoscere anche fuori dai confini distrettuali. «Mi piace dire che anche a Chiasso il caseificio è una realtà – ci spiega non appena varchiamo la soglia del laboratorio –. Una realtà che magari nessuno avrebbe immaginato tra le tantissime cose che Chiasso offre».

La ‘svolta obbligata’

A segnare la svolta nella vita di Rita – «una svolta obbligata», tiene subito a precisare – è stata la tentata rapina subita 10 anni fa nell’oreficeria che allora gestiva con il marito nel centro di Chiasso. Come forse si ricorderà, il rapinatore, arrestato la sera stessa nel bresciano, l’aveva colpita (fortunatamente di striscio) con due colpi di pistola. «Sono un’artigiana, nella mia vita sono stata creativa e ho fatto delle bellissime esperienze, non avrei mai per esempio immaginato di avere un negozio di oreficeria – racconta –. Poi però ci sono degli eventi che ti cambiano la vita. Questa persona è entrata nel mio negozio e quello che è successo ti obbliga a rivederti e a cambiare vita». Esperienze come queste «danno due strada: l’auto-compassione, che non fa parte del mio carattere, o la reazione. E la mia reazione è sempre stata piuttosto... esplosiva». Rita Laudato ha così iniziato a guardarsi in giro. «Sono arrivata al caseificio perché amo la vita: adoro la mucca e il toro e il loro esempio di vita e convivenza dal quale abbiamo solo da imparare. In onore della mucca e degli animali che ci danno tutto, ho deciso di diventare casara».

Una nonna sui banchi di scuola

Presa la decisione, Rita Laudato ha scoperto che a Mezzana c’era il corso per diventare casaro d’alpe (della durata di tre mesi) e che, parallelamente, proseguiva quello di tecnologo del latte (tre anni). «L’idea dei tre anni mi è piaciuta molto – ammette Rita –. I miei figli Paride e Raffaello, che erano già grandicelli, si sono detti d’accordo. Ho iniziato a Mezzana, ma visto che in Ticino non ho trovato strutture adeguate, con il benestare del settore scolastico del Canton Ticino, che ringrazio, per approfondire gli studi sono andata a Friburgo, dove la scuola che ho seguito mi ha dato una formazione completa atta alla gestione di un caseificio». Il percorso di formazione è durato 6 anni. «Ho terminato a 51 anni con il titolo di tecnologa del latte con brevetto – ricorda ancora Rita –. Mi è sempre piaciuto studiare e la fede è stata un mio grande sostegno durante questi anni difficili. Non è invece stato evidente lasciare la famiglia e i figli e avere compagni di 16 anni. Anche per alcuni docenti non è sicuramente stato scontato avere un’adulta, una nonna orgogliosa (di Emma e Diego), a scuola perché spesso purtroppo la figura della nonna viene associata a quella di una persona anziana».

‘Inizio una mia tradizione’

Tornata in Ticino, «ho provato a collaborare e cercare un lavoro, ma non è andata così bene. Sono sempre stata una persona indipendente, e sarebbe stato importante trovare un datore di lavoro che mi lasciasse fare tutto, dalla creazione alla produzione, passando dallo sviluppo del mercato». La prima tappa è stata la creazione delle ricette. «Tutti i miei formaggi sono mie creazioni – tiene a sottolineare Rita –. Sono partita con l’idea che la mia deve essere una tradizione che comincia. Non produco, per esempio, formaggini della Valle di Muggio per rispetto ai produttori che portano avanti una tradizione che continua (ma se un domani qualcuno me li dovesse lasciare in eredità, lo farei volentieri)». Le ricette ideate «spero siano abbastanza complicate per essere difficili da copiare, perché come non mi piace copiare, non voglio esserlo». Il caseificio è stato creato al piano inferiore dell’abitazione di Rita, sistemando e adattando quella che un tempo erano cantina e lavanderia, grazie anche al sostegno dell’Ente regionale per lo sviluppo. «Ho presentato il mio progetto in un secondo momento perché non ci avevo nemmeno pensato – ammette –. Ho fatto anche i miei anni di disoccupazione: lavoravo in un caseificio che per forza maggiore ha dovuto ristrutturare anche me... È stato un colpo, ma probabilmente anche questa tappa era scritta nel mio percorso perché grazie alla disoccupazione, ho conosciuto la Caritas, che mi ha fatto seguire un corso occupazionale, e il signor Dante che mi ha sostenuto e presentato l’Ente, il quale ha accettato il mio progetto. Una grande responsabilità perché la fiducia va data, ricevuta e mantenuta».

‘Il nostro latte è invidiabile’

Rita Laudato ammette che «mi piacerebbe avere un paio di mucche. Sono cliente della Federazione ticinese del latte e grazie agli agricoltori limitrofi, posso beneficiare di latte a chilometro zero. Il nostro latte è invidiabile». Nel corso degli studi sono nati il sieretto e lo scottino (gelati fatti con il siero e scotta del latte, «ne vado orgogliosa perché riesco a utilizzare il latte a 360 gradi»). In seguito sono arrivati la ricotta magra, la crema dolce-salata e lo yogurt. Passando ai formaggi, ci sono la novena blu, la novena blu albina e la novena bianca, l’agrumato, il San Giorgio, il Penz e, l’ultimo arrivato, il Ciass. «I formaggi hanno un legame con il territorio – spiega l’ideatrice –. La novena blu è dedicata alla Madonna di Morbio Inferiore, il Penz è la mia montagna (ho voluto ricreare con le erborinature i canaloni), mentre il San Giorgio è dedicato ai miei morti di Morbio». E l’ultimo nato? «Chiasso è una città ‘portuale’ che si adatta a tutto, anche ad avere un caseificio. ‘Il’ rappresenta la parte che si adatta mentre ‘Ciass’ siamo noi, il nostro Municipio e i nostri politici. Il risultato non poteva che essere un formaggio a pasta elastica che si adatta a qualsiasi cosa ma che ha un suo perché». I prodotti del Caseificio di Rita si stanno facendo strada. «Questo mi emoziona – conclude Rita Laudato –. Ho avuto la benedizione di cuochi, mi fa piacere entrare in tutte le cucine, piccole o grandi che siano, perché mi ritengo al servizio di tutti i cuochi che con me hanno qualcuno che lavora per ‘facilitare’ e sostenere il loro lavoro». Oltre che in alcuni punti vendita locali e presso un noto marchio gastronomico di Lugano, i prodotti possono essere acquistati anche al Caseificio, il martedì e il mercoledì dalle 14 alle 18.30. Tutte le informazioni allo 079 785 73 55 o info@caseificiorita.ch.

Leggi anche:

Il Covid non frena l’imprenditoria. L'Ers premia venti progetti

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
caseificio chiasso formaggi latte rita laudato
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Breggia, sulla scuola dell’infanzia è referendum
Sinistra e Verdi pronti a costituire un Comitato e a coinvolgere la popolazione. ‘L’investimento è oneroso. È tempo di fissare delle priorità’
Ticino
12 ore
‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’
La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Ticino
13 ore
Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’
L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
13 ore
Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura
Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Locarnese
14 ore
‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’
Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Ticino
15 ore
‘Alla guida nessuna distrazione!’
Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Luganese
16 ore
Zelensky a Lugano non ci sarà. Ma arriverà il premier Shmyhal
L’ambasciatore ucraino a Berna fa chiarezza sui delegati che arriveranno in riva al Ceresio in occasione della conferenza Urc 2022
Ticino
20 ore
Impennata di contagi in Ticino: 1’888 in otto giorni
Coronavirus, si conferma la tendenza in aumento del numero di casi e delle persone ospedalizzate. Tre i decessi segnalati
Mendrisiotto
20 ore
‘Nulla da dichiarare’. Ma spunta un ‘panetto’ di cocaina
Fermata una donna tedesca al valico autostradale di Chiasso-Brogeda, mentre cercava di entrare in Italia con un chilo di sostanza stupefacente
Ticino
20 ore
Scuola Club Migros, saltano le sedi di Locarno e Mendrisio
Nell’ambito della riorganizzazione della divisione formazione della Fcm in Svizzera chiuderanno sette centri. Due in Ticino
© Regiopress, All rights reserved