laRegione
08.11.21 - 15:37
Aggiornamento: 17:40

A Riva San Vitale rivogliono la ‘vecchia’ piazza

Consegnata alle autorità comunali una petizione firmata da 320 cittadini. A creare disagio rumori, traffico e ‘un luogo senza vita’

a-riva-san-vitale-rivogliono-la-vecchia-piazza
Ti-Press
Vista dall’alto

A Riva San Vitale rivogliono la ‘vecchia’ piazza, senza selciato, con meno rumori e più verde. Ad attirare l’attenzione del Municipio locale e a sottoscrivere la petizione consegnata giusto oggi, lunedì, nelle mani dell’autorità è un gruppo di oltre 320 cittadini. La raccolta firme, come si legge nella missiva recapitata a Palazzo comunale, ha dato modo di tastare il polso al “malumore fra la gente”. In effetti, si fa capire a chiare lettere, l’intento è quello di dare voce al “forte disagio” causato dal rumore amplificato dal selciato, dal traffico che attraversa il paese lungo la strada cantonale e dall’“aspetto desolante della piazza”. L’invito lanciato da quanti abitano in Piazza Grande e nelle immediate vicinanze, da chi frequenta il ‘cuore’ del paese e da chi ha solidarizzato con i ‘Cittadini per la Piazza’ è a riflettere sui problemi e a proporre delle soluzioni. I firmatari, del resto, sono pronti a incontrare le autorità comunali e ad aprire un dibattito.

Oltre a esprimere i malumori locali, la petizione chiede di fatto di riavere indietro “la qualità di vita” precedente all’intervento di riqualifica - peraltro costato un milione di franchi - e suggerisce di aggiungere un “miglior decoro” e un tocco cromatico, valutando altresì la possibilità di inserire delle alberature, ad esempio degli ulivi. Nell’ottobre del 2016, quando la piazza rinnovata è stata riconsegnata alla popolazione, il Borgo sul Ceresio si era visto conferire un diploma al merito da parte dell’Associazione borghi più belli della Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
3 ore
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
6 ore
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
7 ore
Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’
I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
7 ore
Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere
La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
8 ore
Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia
La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
8 ore
‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’
Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Locarnese
9 ore
La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’
Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Ticino
10 ore
Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’
Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
Mendrisiotto
11 ore
Novazzano ‘non è meno sicuro di altri comuni’
Durante il Consiglio comunale di lunedì il Municipio ha risposto a un’interpellanza sulla rapina avvenuta il 28 novembre in un’abitazione.
Luganese
11 ore
Lugano, folle fuga sotto l’influsso di cocaina: condannato
La Corte delle Assise criminali ha inflitto al 25enne ventitré mesi sospesi con la condizionale. L’imputato ha ammesso tutti i fatti.
© Regiopress, All rights reserved