laRegione
tutti-i-treni-del-mondo-fermano-alla-galleria-baumgartner
Ti-Press
Al centro, il direttore Kurt Baumgartner, con a sinistra il figlio, Lorenzo e il nipote Riccardo
Mendrisiotto
26.10.21 - 21:140

Tutti i treni del mondo fermano alla Galleria Baumgartner

Il centro espositivo taglia il traguardo dei 20 anni. Apertura speciale dall’1 al 7 novembre. La storia del convoglio racchiusa nel collezionismo

«Come va? Si va come un treno». È una battuta che funziona sempre nel luogo per eccellenza che ha elevato a universo convogli, vagoni, binari e con loro numerosi capitoli legati alla ferrovia e alla sua storia. Siamo alla Galleria Baumgartner di Mendrisio, al numero 24 di via Stefano Franscini. Mentre sull’altro lato della strada sfrecciano treni veri, in partenza o in arrivo alla stazione; nell’ampio edificio, pochi metri più in là, è racchiusa e declinata in tutte le sue sfaccettature la passione per il fermodellismo. Una passione che si rinnova da vent’anni. Gennaio 2001-novembre 2021: la Galleria Baumgartner quest’anno tocca il prestigioso traguardo. E così, per tutta la prima settimana novembre, dall’1 al 7, il centro espositivo che per la varietà dei suoi oltre 4 mila esemplari in scala si classifica al primo posto per importanza in Europa, offrirà l’ingresso gratuito ai bambini e prezzi ridotti per gli adulti, oltre a distribuire gadget e premi alla ruota della fortuna.

Tutto nacque da un trenino regalato a Natale, poi si sviluppò un ’impero’

Per sottolineare il ventesimo compleanno ieri è stata indetta una conferenza stampa. Il direttore della Galleria Baumgartner, Kurt, ha tracciato le tappe più significative dell’impresa di famiglia e annunciato le novità, evidenziando la genesi del luogo e della bella impresa. «Tutto iniziò nel 1938: quando per i suoi 8 anni, mio fratello Bruno, aveva ricevuto una locomotiva - 200 franchi era il prezzo, pari a uno stipendio di allora - e ogni anno gli veniva donato un vagone. Negli anni successivi, Bruno è divenuto un imprenditore e ha coltivato la passione per i trenini: oggi la sua collezione supera i 4 mila pezzi, oggetti rari, prodotti da piccole e grandi fabbriche». Tutti ammirabili nella Galleria disposta sui tre piani dell’edificio per una superficie di 2 mila 400 metri quadri, un immobile acquistato dal noto petroliere alla fine degli anni Novanta (prima c’era La Spiga, produttrice di spaghetti) trasformandolo in museo di modellismo.

«Oltre ai modellini (circa 3600 esposti; altrettanti si trovano nei nostri magazzini) - ha proseguito il direttore - abbiamo diversi plastici, comandati con fotocellule, per cui al passaggio del visitatore i treni si azionano e si mettono in viaggio. In questi ultimi 6 anni, da quando è deceduto Bruno, abbiamo modernizzato gli spazi, ma sempre nella sua volontà di ’collezionista maniaco’. Oggi la Galleria attrae un maggior numero di famigllie, scuole, istituti per disabili». La Galleria Baumgartner da un anno annovera inoltre al suo interno il Museo della Posta, un ulteriore valido motivo per renderle visita. Altro traguardo: l’esposizione dedicata alla navigazione: dalle navi vichinghe alle navi da guerra, a velieri costruiti a mano. Tornando ai treni, un nuovo plastico di 30 metri quadri sarà realizzato nell’arco del prossimo anno e dotato di un comando digitale per trenini e un sistema elettronico con il quale il visitatore potrà interagire. Una novità assoluta. Per i bambini sono state create due attrazioni: due personaggi mascotte: il primo, vestito da macchinista, Bruno, il coccodrillo (che è il nome di una nota locomotiva attiva sulla linea del Gottardo). E il secondo personaggio, Gloria, simboleggiato dall’Elefante (nome di una locomotiva a vapore, tra le più celebri in Svizzera). Il pubblico può ritrovate tra le teche il fascino di praticamente tutti i treni del mondo, dal primo convoglio sorto durante la prima rivoluzione industriale, ‘The Rocker’, all’Orient Express, alla Freccia Rossa, alle prime locomotive a carbone con le carrozze completamente aperte, agli esemplari più affascinanti d’Europa.

La Galleria Baumgartner ha inoltre siglato un ‘gemellaggio’ con il Max Museo di Chiasso che ospita fino all’aprile 2022 la mostra, ’Treni fra arte grafica e design’. Pertanto è possibile visitare entrambi gli spazi espositivi a prezzi ridotti. Ma non è tutto. Per festeggiare i 20 anni il GB - sigla non casuale che sta a significare Gotthard Bahn per cui la Galleria possiede i diritti del marchio - ha pure allestito una mostra d’arte al terzo piano dell’artista Orlando Rezzonico: 100 quadri formano l’esposizione intitolata, ‘Bella gente’, curata da Dalmazio Ambrosioni, visitabile fino al 31 dicembre. I quadri - pitture a olio - saranno messi in vendita e tutto il ricavato verrà devoluto alla Unicef, il fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia. La mostra riunisce le principali opere che hanno segnato il percorso artistico di Rezzonico, il quale, accanto al suo lavoro di petroliere e collega del fondatore della GB, Bruno Baumgartner, ha sempre avuto la passione per il disegno e la pittura. Tema comune alla sua intera opera: la figura umana, l’umanità. Anche qui, come per i treni, la storia di una passione innata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Formazione dei docenti, presentata l’offerta formativa 2022/2023
Sottolineata in particolare la possibilità, per chi è in possesso dei requisiti, di formarsi come docente di francese alle Medie, figura molto richiesta
Ticino
3 ore
Proseguono i cantieri Ffs in Ticino
I lavori coinvolgono o coinvolgeranno le stazioni di Rivera-Bironico e Maroggia-Melano, la linea di montagna del Ceneri e gli scambi a Biasca
Ticino
4 ore
Nel fine settimana 22 classi in quarantena
A Novaggio in quarantena tre sezioni di scuola elementare, altre due sezioni a Bioggio dopo le due della scorsa settimana
Luganese
4 ore
Lugano, nel 2022 l’acqua potabile sarà più cara
La tassa sarà incrementata di circa il 20%. L’aumento interesserà sia le tasse di base sia quelle di consumo
Ticino
5 ore
Altri due decessi per Covid in Ticino e 4 ricoveri in 72 ore
Nel corso del fine settimana, venerdì compreso, si sono registrati 344 contagi, quasi il 50% in più rispetto a lunedì scorso e il dato più alto da un anno
Ticino
5 ore
Mattia Keller è il nuovo direttore di Migros Ticino
47enne, nato e cresciuto in Ticino, dal 1° dicembre sostituirà Lorenzo Emma che andrà in pensione dopo 19 anni alla testa della Cooperativa regionale
Ticino
9 ore
Guasto tecnico, treni deviati sulla linea di montagna del Ceneri
Un problema di esercizio sta creando disagi alla circolazione dei treni fra Lugano e GIubiasco
Ticino
10 ore
Cultura e tempo libero: cosa fanno i ticinesi
Un’analisi dell’Ustat sfata qualche stereotipo e conferma alcune tendenze sociodemografiche. Ah, ci piace anche il balletto
Mendrisiotto
10 ore
Sul ‘Tacuin’ echi della saggezza popolare
Partito un po’ per caso nel 1985, il popolare calendario si propone in edizione 2022 con nuove... trovate
Economia
10 ore
‘Il web ha dato un potere al consumatore mai avuto prima’
Il giornalista economico di Radio 24 Sebastiano Barisoni, venerdì scorso a Lugano, sulla rivoluzione determinata da rete e postpandemia
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile